Rolex Sydney Hobart: il Tp 52 Celestial in trionfo, è sua la Tattersall Cup

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il Tp 52 Celestial

Adesso è ufficiale, il Tp 52 Celestial dell’australiano Sam Haynes ha messo le mani sulla iconica Tattersall Cup, il Trofeo che assegna la vittoria generale della Rolex Sydney Hobart, assegnato alla prima barca della classifica IRC overall.

Per Haynes e il suo equipaggio è un risultato di grande valore, non solo per le condizioni meteo dure in cui è maturato, ma anche perché in qualche modo si tratta di una rivincita dopo l’edizione 2021: Celestial era stata penalizzata per un’infrazione e era giunta seconda nonostante i tempi compensati nel 2021 l’avessero già collocata al primo posto. L’armatore era stato sul punto di abbandonare il suo progetto sportivo legato alla vela, ma alla fine aveva deciso di proseguire e oggi è arrivata la vittoria generale della Sydney Hobart.

Rolex Sydney Hobart, la rivincita di Celestial

Sam Haynes, l’armatore di Celestial

Difficile trattenere l’entusiasmo per Sam Haynes, che sulle banchine di Hobart a risultato acquisito si è lasciato andare:Sto urlando forte, sono così orgoglioso. Significa tutto questo risultato, tutto, specialmente dopo lo scorso anno. Quest’anno abbiamo messo insieme un programma mirato per arrivare a vincere questa regata ed è un risultato che ti cambia un po’ la vita. Com’è stata dura aspettare la notizia ufficiale, ma sappiamo che questa barca è una vera arma e ancora oggi compete in offshore con i migliori e più recenti 52 al mondo”. Sono queste le parole di un armatore che fatica a trattenere l’emozione di questo risultato, ottenuto con un Tp 52 che ha ormai più di 10 anni di attività e che ha piegato la concorrenza di altri 11 Tp, alcuni dei quali molto più recenti come progetto e concezione.

Rolex Sydney Hobart, il dominio dei Tp 52

 Lo avevamo anticipato alla vigilia: con vento forte alle andature portanti i Tp 52 avrebbero dato filo da torcere ai maxi 100 in tempo compensato. E così è stato, con 3 Tp sui tre gradini del podio. alle spalle di Celestial si sono piazzati Gweilo di Matt Donald e Caro di Max Klink. Prima di loro si era registrata nelle scorse edizioni la storica tripletta di Ichi Ban, a conferma che la Sydney Hobart è una regata che piace particolarmente ai Tp che, a dispetto delle loro forme da racer estremi, sono delle barche particolarmente adatte per la navigazione offshore anche in condizioni molto dure. 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi