Baltic 110 Custom, il nuovo “ibrido” finlandese in costruzione

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Rendering del Baltic 110 Custom
Rendering del Baltic 110 Custom

Il cantiere finlandese Baltic ha iniziato la costruzione del nuovissimo 110 Custom, un super deck saloon dall’anima “ibrida”: adatto ad una navigazione ad alte prestazioni, anche in regata, ma con un comfort sottocoperta eccezionale, concepito per le lunghe crociere di lusso con la famiglia. Il varo del nuovo yacht, commissionato da un velista con una notevole esperienza di regate, è previsto a maggio 2023.

Lo stampo della coperta prima di essere incollato allo scafo
Lo stampo della coperta prima di essere incollato allo scafo

Tutta la tecnologia del Baltic 110 Custom

Baltic Yachts, fondato nel 1973 da cinque ex dipendenti del cantiere Nautor Swan, con l’obbiettivo di realizzare imbarcazioni più leggere, più rigide e più veloci, è da sempre all’avanguardia nella ricerca e utilizzo di materiali e tecnologie a bordo. Il nuovo 110 Custom non è da meno.

Lo scafo appena verniciato del Baltic 110 Custom
Lo scafo appena verniciato del Baltic 110 Custom

Questo è il secondo progetto sviluppato in collaborazione con l’architetto navale Malcolm McKeon, che ha progettato Baltic 112 Liara e ha riscosso un notevole successo con Missy e Ribelle (due superyacht da 33 metri realizzati da Vitters Shipyard). Allo scafo in carbonio, colore bronzo scuro metallizzato, con delfiniera integrata, è stato appena incollato il ponte e la sovrastruttura del deck saloon, anch’essi tutti in carbonio. Completano le caratteristiche della barca una chiglia telescopica, che permette di ridurre il pescaggio da 5,80 a 3,80 metri, e un piano velico versatile con randa classica per le crociere a una potente square top per le regate.

 


Baltic 110 Custom è ECO

Ideato per essere eco-efficiente, il nuovo 110 Custom è il terzo yacht del cantiere Baltic a montare un propulsore elettrico alimentato da batterie agli ioni di litio. Il motore, un Danfoss da 247 kW, aziona un’elica abbattibile, preferita ad una idraulica a passo variabile, più complessa e costosa, che può ricaricare le batterie durante la navigazione sfruttando l’idrogenerazione fornita dall’elica a ruota libera. A dare supporto al sistema due generatori diesel a basse emissioni e un avanzato sistema di pannelli solari. Infine un efficiente sistema di recupero del calore permette di sfruttare la dispersione energetica del sistema dell’aria condizionata per riscaldare l’acqua calda sanitaria.

Il propulsore elettrico Danfoss (a destra) e i due generatori diesel Cummins (a sinistra) all'interno del compartimento di isolamento acustico personalizzato
Il propulsore elettrico Danfoss (a destra) e i due generatori diesel Cummins (a sinistra) all’interno del compartimento di isolamento acustico personalizzato

Gli interni

Il design degli interni è a opera dell’architetto svedese Andreas Martin-Löf, che ha saputo costruire sulla struttura in carbonio delle luminose cabine rifinite artigianalmente. All’illuminazione naturale, data dalla tuga panoramica del deck-saloon, si aggiunge un’illuminazione artificiale che si diffonde sulle pareti dello degli interni in carta di riso e noce. Un’abbinamento di colori che riprende quello del mobilio di bordo, donando alle cabine una sensazione di semplicità e uniformità.

Rendering degli interni del Baltic 110 Custom
Rendering degli interni del Baltic 110 Custom

Lo stile minimalista, caratteristico del designer, si combina con le abilità artigiane degli operai di Baltic per iniettare calore e comfort in uno stile fondamentalmente pulito e ordinato.

Le finiture personalizzate sono opera di una manodopera altamente specializzata
Le finiture personalizzate sono opera di una manodopera altamente specializzata

Baltic 110 Custom – Scheda tecnica

Lunghezza fuoritutto 33,50 m
Lunghezza al galleggiamento 31,20 m
Larghezza max 7,60 m
Pescaggio chiglia telescopica tra 3,80 m e 5,80 m
Dislocamento standard 95.000 kg
Ballast 28.000 kg
Motore Propulsore elettrico Danfoss da 247 kW (336 cv) unito a due generatori diesel Cummins da 129 kW (175 cv) ciascuno
Designer Malcolm McKeon Yacht Design (scafo) e Andreas Martin-Löf Arkitekter (interni)

Giacomo Barbaro

Foto di Dan-Erik Olsen

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Classic IOR iconiche: Aiutateci a trovarle e celebrarle

Tra il finire degli anni ‘60 e l’inizio degli anni ‘90 troviamo quella che fu, forse per nostalgia, forse per merito, la Golden Age della vela, quasi un trentennio di scoperte, regate eccezionali e di barche inimitabili. Fu il tempo

Registrati



Accedi