TECNICA Mamma mi si è incagliata la barca: ecco come liberarla

20120929 4098 Sunset 5 heeling and buoy 152756L’incaglio è sicuramente l’inconveniente più criticato dai “navigatori” da circolo e in banchina. Nel caso vi succeda di rimanere incagliati, cercate di cavarvela da soli senza lanciare il Mayday a meno che non vi troviate con gli scogli sottovento e il mare formato.

LE CAUSE PIÙ FREQUENTI
Tra le cause più frequenti di incaglio spicca la mancanza di carte particolareggiate o il mancato esame del Gps, un’avaria delle attrezzature a bordo, per esempio del motore o del timone, una cima finita nell’elica mentre vi avvicinate al porto, per citarne alcune. Se vi capita di rimanere senza l’ausilio del motore in prossimità della costa (un classico è la solita cima preparata per l’ormeggio che finisce nell’elica), issate nuovamente le vele per allontanarvi o date ancora in modo tale da guadagnare il tempo necessario per intervenire e riparare il danno.

P1020263-1024x768 mod

LA MANOVRA PER DISINCAGLIARSI DA SOLI
Schermata 2014-08-07 a 16.42.16A. Date volta, alla base dell’albero, a una cima lunga poco più della metà dell’albero (1) che all’estremità finisca con un rinvio (2) nel quale farete passare la drizza dello spi (3). B. Aggiungete alla drizza dello spi la cima dell’ancora (4). C. Calate l’ancora, la catena e la cima (in questo ordine) nel tender e allungate la cima il più possibile. D. Allontanatevi al traverso della barca calando man mano la cima e date fondo all’ancora. E. Portate la drizza dello spi su un winch o sul salpa ancora e cominciate a cazzarla. F. La barca comincerà a inclinarsi. Con l’albero a 45° la chiglia si alza di circa 60-70 cm. G. Non appena l’uomo immerso vi segnala che siete liberi, date motore (se funziona) oppure affiancate il tender e date tutto motore. H. Appena siete liberi recuperate l’ancora.

DISINCAGLIARSI CON L’AIUTO DI DUE BARCHE
Schermata 2014-08-07 a 16.45.14


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

8 commenti su “TECNICA Mamma mi si è incagliata la barca: ecco come liberarla”

  1. mi è capitata una cosa simile, stavo tornando da Venezia, in direzione della foce del Po un temporale incredibile, onde esagerate, non ho visto la secca, e ci sono finito sopra. Fortunatamente, dopo mezzora circa, sono uscite dal Po due barche ” battane” con fondo piatto, i due pescatori gentilissimi mi hanno tirato fuori col sistema della drizza randa ad una barca coricando la mia barca, l’altra mi ha trainato fuori dalla secca, in tre mosse. Non anno voluto niente nemmeno un pieno di carburante. Mi dispiace, non avrò modo di vederli ancora. Nel frattempo è passato vicinissimo a noi un “ferro da stiro”, danneggiandoci nella manovra, senza neanche fermarsi.Oserei dire un perfetto imbecille.

  2. I want to point out my gratitude for your generosity in support of all those that really need help on your situation. Your real dedication to passing the solution around was surprisingly functional and has always permitted girls much like me to get to their ambitions. Your amazing informative hints and tips means much a person like me and still more to my colleagues. Many thanks; from everyone of us.

  3. Da solo , senza tender a bordo, ho due volte liberato il mio Comet 9,10 semplicemente usando lo spi come fosse un olimpico.
    Il grado di sbandamento ed il motore hanno fatto il resto.

  4. Aggiungerei se è possibile quel po’ di alta marea che a volte anche solo 20 cm fa la differenza.per le barche a motore invece amen!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

zattera-barca

VIDEO – La zattera di salvataggio, cosa c’è dentro

La zattera di salvataggio, è la protagonista dell’undicesimo   video-episodio di Scuola di VELA, in cui scopriamo come effettuare una manovra perfetta su una barca da crociera. La zattera di salvataggio, entro quali limiti deve essere a bordo Come abbiamo visto

mano di terzaroli

VIDEO – Ridurre le vele con vento forte

Ridurre le vele con vento forte, in particolare  prendere o dare le mani di terzaroli,  il tema del decimo  video-episodio di Scuola di VELA, in cui scopriamo come effettuare una manovra perfetta su una barca da crociera. Ridurre le vele con

Torna su