Arrivano da Parigi i Beneteau elettrici: Oceanis 30.1 E e First 44 E

Beneteau First 44 E

Al Nautic, il salone nautico di Parigi dal 3 all’11 dicembre, Beneteau a sorpresa presenta due barche “elettriche”, l’Oceanis 30.1 E (9,53 x 2,99 m) e il First 44 E (14, 15 x 4,25 m).

I nuovi Beneteau Elettrici: Oceanis 30.1 E e First 44 E

La propulsione elettrica adottata sui due modelli è della Torqeedo. L’ Oceanis 30.1 E spinto da un Cruise pod Torqeedo 6.0 e con due opzioni per il pacco batteria: power 24-3500 e 48-5000

Il First 44 E è dotato di un sistema propulsione Cruise pod Torqeedo 12.0 e batteria 48-5000.

Va rilevato che entrambi i modelli hanno il Pod Torqeedo permettono, quando si naviga, la ricarica. A bassa velocità vengono prodotti solo 100 W di potenza, ma questa cifra aumenta rapidamente con l’aumentare della velocità dell’imbarcazione.

Beneteau intende inoltre offrire un massiccio pacchetto di pannelli solari da 1.000 W adattati alla forma della coperta, sufficienti a ricaricare completamente il banco da 48 V tra un fine settimana e l’altro senza doversi collegare alla rete elettrica.

In silenzio a vela e a motore con l’elettrico

C’è un vantaggio in più se si utilizza la propulsione elettrica in luogo di quella tradizionale.

Con la propulsione elettrica è possibile navigare a motore e a vela con venti molto leggeri, quando può essere necessaria una potenza minima per aggiungere un paio di nodi di velocità alla barca. Un po’ di propulsione in più a prua aiuta a creare il vento apparente, quindi se la direzione del vento è adatta, una piccola quantità di energia elettrica aumenterà silenziosamente la velocità della barca da tre a cinque nodi. Anche la batteria standard è in grado di supportare questo processo per ben 10 ore.

Beneteau Oceanis 30.1 E

Dove sono le batterie sul Beneteau Oceanis 30.1 E

Il primo modello elettrico di Beneteau, l’Oceanis 30.1 E, è dotato di un sistema completo di Torqeedo, che comprende un pod drive da 6kW con rigenerazione che consente la ricarica durante la navigazione. La batteria standard, un’unità da 5kW 48V, è installata sul fondo del gavone del pozzetto, dove di solito si trova il serbatoio del gasolio, ed è possibile optare per una seconda batteria per raddoppiare l’autonomia.

L’installazione è incredibilmente silenziosa, la coppia istantanea è notevole, il che facilita le manovre in spazi ristretti rispetto a un motore diesel. La velocità massima in acqua piatta è di sei nodi, ma l’autonomia è limitata perché diminuisce esponenzialmente con la velocità. A quattro nodi si ottengono tre ore di autonomia con il pacco batterie standard, che equivalgono a 12 miglia.

Il prezzo finale si prevede che sia superiore di circa il 5-6% rispetto al prezzo standard di un’imbarcazione con motore diesel.

https://www.beneteau.com/it

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Arrivano da Parigi i Beneteau elettrici: Oceanis 30.1 E e First 44 E”

  1. Si può dire che è una cacata? Prima cosa, su un cabinato è meglio una propulsione ibrida. La proposta migliore è quella di Transfluid con motore Bellmarine accoppiato a una trasmissione ZF saildrive con elica autoprop o Evol Energymatic. La soluzione più economica per barche fino a 50′ invece è il fuoribordo elettrico giusto per le manovre. In aggiunta, una turbina eolica Silentwind +300wp di fotovoltaico con due accumulatori Sirius 24V in parallelo e inverter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

RemigoOne, il primo 1kW fuoribordo elettrico completamente integrato al mondo.

Patente nautica e motori elettrici. Facciamo chiarezza

Con l’avvento dei motori elettrici, la cui potenza commerciale è espressa in watt (il cui multiplo è il kW ovvero 1000 W) anziché cavalli vapore, potrebbe sorgerci il dubbio se, e oltre che potenza, la patente nautica sia necessaria. Abituati

Torna su