La crociera high performance è il focus di questa barca: il Beneteau First 36

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Beneteau First 36 in navigazione
Beneteau First 36 in navigazione

L’impronta sportiva è quella prevalente sul Beneteau First 36, progetto di Sam Manuard e design di Lorenzo Argento che punta a diventare un riferimento nel segmento dei cruiser ad alte performance. La barca per andare a vela veloce divertendosi – in crociera e perché no in regata – al giusto prezzo.

Beneteau First 36 – Coperta leggera e pulita

Gli 11 metri di lunghezza e il baglio di 3 metri e 80 sono i primi tratti dell’identikit di questa barca, insieme al pescaggio (2,25 m), se guardiamo i primi dati sulla scheda tecnica. In realtà è il peso molto leggero della barca – 4,8 tonnellate – la caratteristica principale che consente al Beneteau First 36 di ottenere il profilo da cruiser/racer perfetto. La struttura composita realizzata in infusione sottovuoto, come la maggior pare degli interni, e il taglio minimal degli arredi consentono di risparmiare peso e spazio.  La coperta è molto pulita e semplificata, con un grande pozzetto e le due ruote del timone con winch e tutte le manovre disponibili anche stando seduti. In modalità “crociera” si può allestire un grande tavolo centrale (pieghevole) con due sedute aggiuntive. La barca ha una superficie velica di 80 metri quadri in bolina, che diventano  180 alle andature portanti.

Beneteau First 36 – Interni

Beneteau First 36 - interni
Beneteau First 36 – interni

Gli interni del Beneteau First 36 sono estremamente razionali, e per ricavare un grande tavolo da carteggio sono state fatte scelte anche particolari. Ad esempio in bagno, dove lo spazio è stato ridotto al minimo e il lavandino è abbattibile e situato sopra al WC, e nella zona cucina, che vede il frigorifero separato dal resto della mobilia in una sorta di isola al centro del salone. Questo consente di avere un frigo più alto e profondo, ma anche di avere più spazio per muoversi senza impedimenti. La zona frigo si può comunque collegare alla zona cucina con un pannello rimovibile, epr creare un piano di lavoro unico. Il layout classico a tre cabine prevede due gemelle a poppa, con cuccette che possono essere richiuse per metà e utilizzare lo spazio per lo stivaggio, e la doppia armatoriale a prua.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

BARCHE USATE Vendono 5 buone barche da 8,99 a 15,60 m

Continuiamo ad andare alla scoperta delle occasioni migliori di barche usate sul nostro mercatino degli annunci. Qui potete vendere e comprare barche usate (anche le Classic Boat storiche by Giornale della Vela!), accessori, posti barca, trovare l’idea giusta per le vostre vacanze e persino

Registrati



Accedi