In America piacciono anche le barche fuori dal coro

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
J/45 – Lungo 12,56, largo 4,25 mt, è la barca più “crocieristica” mai prodotta da J/Boats. www.jboats.com

In America e in Europa non sempre la pensiamo uguale in fatto di barche. La dimostrazione dai candidati agli “Oscar” USA delle barche a vela del 2023. Le riviste di settore americane Cruising World e Sailing World hanno annunciato all’Annapolis Boat Show, il più importante salone statunitense dedicato alla nautica, le candidate al premio Boat of the Year 2023. Un’occasione per presentarvi non solo le novità presentate ai saloni autunnali, ma anche per scovare le “chicche” che tanto piacciono ai velisti d’oltreoceano.

Non stupisce quindi che all’interno della lista delle barche nominate trovino posto diverse derive e alcune barche di piccole dimensioni, quasi delle vere e proprie sport boat. In America c’è una cultura velica che arriva dai laghi che è quasi più forte di quella, comunque importante, che c’è in Italia, e per questo anche le scelte delle riviste per il Boat of the Year rispecchiano questa tendenza.

BOAT OF THE YEAR – PICCOLE PER TUTTI I GUSTI

Minicat 310. Lungo 3,15, largo 1,40 mt, ha lo scafo gonfiabile e un armo adatto anche i meno esperti.
www.minicat.it

Cominciamo dalle “piccole” candidate all’Oscar della vela. Barche come il Minicat 310, un catamarano gonfiabile che in pochi minuti diventa una perfetta barca da lago o per una scuola vela su una spiaggia. C’è anche, sempre in stile deriva, il SOL, una rivisitazione moderna del mitico Sunfish, antitetico al velocissimo catamarano Nacra 500 MK2.

Lungo 5 metri, largo 2,5, evoluzione del Nacra 500, grazie ai suoi scafi con la parte bassa affusolata non ha bisogno di derive aggiuntive. www.nacrasailing.com

Quest’ultimo è un cat più sportivo, ma comunque adatto alla scuola vela e soprattutto perfetto per la spiaggia perché grazie alla particolare forma dei suoi scafi non ha bisogno di derive.

TIWAL 3R
Lungo 3,20, largo 1,6 mt, ha scafi gonfiabili e si stiva in una sacca.www.tiwal.com

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il Tiwal, una deriva con scafo gonfiabile e una vela simile a quella di un windsurf: quando l’attrezzatura è smontata e lo scafo sgonfiato può essere stivata anche a bordo di una barca a vela da crociera.

La piccola L30 invece è la sportboat che a lungo sembrava potere diventare barca olimpica, ma è ideale anche per crociere sportive e piccole regate.

BOAT OF THE YEAR – I GRANDI CLASSICI

LYMAN MORSE 46
Una barca lunga 13,71 m dal look ricercato e un po’ retrò, per chi cerca comfort e prestazioni.
www.lymanmorse.com

Non mancano in questa selezione delle riviste americane anche i classici cruiser, come l’X-Yachts 4.3 MK2, un performance cruiser del cantiere danese di grande successo.

Simile come filosofia è anche il Lyman Morse 46, che arriva dalla Thomaston, cantiere con sede nel Maine. Orientate ai gusti dei crocieristi più sportivi il First 36, il J/45, il cat Balanche 442 e il Neel 43.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

RemigoOne, il primo 1kW fuoribordo elettrico completamente integrato al mondo.

Patente nautica e motori elettrici. Facciamo chiarezza

Con l’avvento dei motori elettrici, la cui potenza commerciale è espressa in watt (il cui multiplo è il kW ovvero 1000 W) anziché cavalli vapore, potrebbe sorgerci il dubbio se, e oltre che potenza, la patente nautica sia necessaria. Abituati

Torna su