Elan E6, la barca da crociera (15,30 metri) per chi vuole divertirsi

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

 

Elan E6 - In navigazione
Elan E6 – In navigazione

A bordo dell’Elan E6 il design italiano di Pininfarina si sposa alla perfezione con quello dello studio Humphreys Yacht Design fondato da Rob Humphreys. La carena e le linee di questo yacht strizzano dichiaratamente l’occhio alle performance, ma lo stile e il tocco con cui sono stati progettati gli interni permettono di apprezzare al meglio anche il lato cruiser. Una barca veloce e divertente ma facile da manovrare e comoda in crociera.

Elan E6 – Look minimal e linee sportive

L’Elan E6 è una barca quasi flush deck, infatti la coperta si distingue per minimalismo e look, conservando tuttavia tutte le manovre, con un layout studiato da velisti olimpionici per essere semplice e intuitivo. Sulla tuga la finestratura continua permette di illuminare gli interni nonostante l’altezza limitata, così come la linea “scavata” sulla fiancata dove è stata posizionata la finestratura. La barca ha un baglio massimo di quasi 4 metri e mezzo ma naviga molto bene anche di bolina, grazie al dislocamento abbastanza leggero e allo spigolo alzato.

La barca si esprime molto bene anche in regata, soprattutto nella sua versione con pescaggio da 2,80 metri (quella standard pesca 2,40 metri). Come amano dire quelli di Elan, questo yacht è una barca 60% da crociera e 60% da regata, perché veramente ognuna delle due anime è curata dal cantiere. La costruzione è firmata Gurit, azienda leader nella lavorazione dei compositi che ha fatto veramente un ottimo lavoro mantenendo le linee sportive ma consentendo di avere spazi sfruttabili al massimo sottocoperta, come si può vedere nel video qui sotto.

Elan E6 – Sottocoperta domina il design italiano

Negli interni a dominare la scena è l’elemento esagonale, scelto da Pininfarina per richiamare il nome della barca, Elan E6. Lo ritroviamo nella scaletta per scendere sottocoperta, negli elementi che compongono il tavolo e nelle imbottiture delle cuscinerie. Tutto è curato nei minimi dettagli, con finiture di pregio e scelte ponderate, e si trova lo spazio adatto per vivere la crociera al meglio e in condizioni estremamente confortevoli. I layout disponibili sono due e permettono di avere 3 o 4 cabini, sempre con due diversi bagni separati.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Elan E6, la barca da crociera (15,30 metri) per chi vuole divertirsi”

  1. Bella veramente, ma per regate… di circolo. Quel all pourpouse con rollgen limita le opzioni al cambio col FR0. Se si vuole un gioco di vele da regata tocca smontare il Frullone, montare lo stralletto e cambiare anche la randa con una semisteccata lazy bag.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su