VIDEO – Addio fulmini in barca! Come? Con questo sistema Made in Italy

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

 

Euthalia - Il sistema per proteggersi dai fulmini in barca
Euthalia – Il sistema per proteggersi dai fulmini in barca

Il problema dei fulmini in barca è molto importante, anche se spesso sottovalutato, soprattutto per chi naviga in zone dove i temporali sono all’ordine del giorno. Euthalia Marine è una società di Gallarate, in provincia di Varese, che produce un sistema per proteggere la barca da tutti i tipi di fulminazioni.

Euthalia – Un’antenna in testa d’albero è il cuore del sistema

Il cuore del sistema di Euthalia è una sorta di antenna, che si monta in testa d’albero, e insieme a tutte le altre connettività metalliche della barca e ai filtri aerei posizionati all’interno formano la protezione completa intorno alla barca. Questo sistema non funziona come il classico parafulmine, che attrae le scariche elettriche per poi disperderle. A differenza del classico sistema inventato da Franklin, quello di Euthalia non attrae i fulmini ma forma una bolla di protezione dalle fulminazioni e ne evita la formazione. Questo consente di prevenire danni alla barca e alle persone, formazione di incendi, guasti alle apparecchiature e all’impianto elettrico. Abbiamo visitato lo stand di Euthalia al Mets 2022, e nel video qui sotto vi spiegano loro direttamente come funziona il sistema per allontanare i fulmini.

Euthalia – Come funziona il sistema per allontanare i fulmini

Come spiegato nel video, il sistema di Euthalia raccoglie le cariche e le trasmette all’antenna, dove vengono riflesse verso il cielo. In questo modo si evita l’incontro tra cariche di segno opposto, impedendo di fatto che si formi la fulminazione. Cosa succede se però le cariche che arrivano dal cielo sono più elevate di quelle che riflette l’antenna? In questo caso il primo step della formazione del fulmine viene totalmente dissipato all’interno del sistema e trasformato in energia sonora e calore, senza scaricare in mare o a terra. Il sistema Euthalia quindi non è fatto per proteggere ma per prevenire le fulminazioni, sia quelle dirette che quelle indirette, e protegge anche la linea di alimentazione dalle sovratensioni, ad esempio quando ci si collega alle prese in banchina. In più è un sistema totalmente passivo, che quindi non produce energia per il suo funzionamento: innovativo e sostenibile.

Euthalia – Il sistema protegge i monumenti di mezzo mondo

Euthalia è il nuovo nome di Ingelva, società che fin dal 1947 progetta, produce e commercializza sistemi per proteggere dalle fulminazioni. Da 0ltre 70 anni i loro sistemi vengono installati a protezione di monumenti, edifici pubblici, aeroporti e stadi. Qualche esempio? Euthalia – ex Ingelva – protegge l’Obelisco Flaminio di Piazza del Popolo a Roma, il Duomo di Spoleto, l’Aeroporto Internazionale di Ningbo Lishe in Cina, l’Ospedale San Raffaele di Milano ma anche tantissimi beni culturali ed artistici.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

4 commenti su “VIDEO – Addio fulmini in barca! Come? Con questo sistema Made in Italy”

  1. In pratica non lo faccio cadere su di me, ma i miei vicini di barca sono più esposti?
    Se io non lo ho, ma le barche che mi circondano in rada ce l’hanno, io ho quindi più probabilità di essere preso da un fulmine?

    1. Ok, ma quanto pesa?
      È un oggetto passivo o ha bisogno di qualche installazione?
      Deve essere installato sopra tutto? Oppure anche leggermente a lato della testa d’albero. Sulle barca a vela in cima c’è già un gran mucchio di roba e questo non è proprio piccolino.
      Quanto costa?. Insomma da un articolo di una rivista di vela oltre che a pubblicizzare il prodotto mi aspetto che copra anche altre domande che chiunque ha una barca si pone.

      1. Buongiorno Max,
        abbiamo realizzato questa breve intervista durante la fiera METSTRADE alla quale abbiamo partecipato poco tempo fa, non vuole naturalmente essere un’intervista di approfondimento su tutto il sistema ma solamente una prima presentazione della nostra linea dedicata al settore nautico, per questo ringraziamo il Giornale della Vela per averci dato l’opportunità di presentarci e di avviare delle conversazioni con i suoi lettori.
        Di seguito le risposte alle sue domande:
        Gli elementi del sistema EUTHALIA sono completamente passivi, non producono e non consumano energia per il loro funzionamento.
        La linea EUTHALIA Marine comprende diversi prodotti, in particolare, le teste aeree parafulmine sono 3. Quella mostrata nel video ha un peso di 4 Kg e viene solitamente installata su barche a vela di dimensioni comprese tra i 15 e i 25 m; la testa parafulmine che può vedere sul banco dietro il nostro collega intervistato, è più piccola, ha un peso di 1,5 kg e viene solitamente installata su barche a vela di dimensioni fino a 15 m. Infine, la linea comprende un’altra testa aerea parafulmine del peso di 6 Kg, che viene installata su imbarcazioni di dimensioni comprese tra i 25 e i 50 m.
        Tutte le teste aeree sono state sviluppate e testate tenendo in considerazione i rischi causati dalle flessioni dell’albero, oltre che tutte le caratteristiche strutturali dell’imbarcazione.
        Possono essere installate anche a lato della testa d’albero oppure, a seconda dei casi, inserirsi anche tra la strumentazione già presente in cima.Tenga presente che la nostra testa aerea sporge dall’albero per un massimo di 30 cm.
        Siamo a disposizione per fornire ulteriori informazione sul funzionamento del sistema, esempi di installazione e prezzi; visitando il nostro sito web potrà trovare tutti i nostri contatti.

  2. Allontanare le cariche non significa scaricarle sulle barche vicine. Certo è che le cariche si scaricano dove trovano le condizioni per farlo, ma se non sei protetto la colpa è tua e non del vicino di barca che lo è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su