I tre amici che sono dietro alla barca 100% italiana della Route du Rhum

route du rhum
Ambrogio Beccaria (31 anni, skipper), Gianluca Guelfi (34, progettista), Edoardo Bianchi (37, costruttore). Sono loro i tre amici e il ‘core team’ dietro alla barca 100% italiana alla Route du Rhum, AllaGrande. 

Mentre aspettiamo la partenza della Route du Rhum vi raccontiamo una storia italiana. Al 100%. Quella dei tre amici (uno ben conosciuto, gli altri lo saranno presto) Ambrogio Beccaria, Gianluca Guelfi ed Edoardo Bianchi. Amici ai tempi dell’università e che adesso con il Class 40 AllaGrande sono gli artefici del progetto tutto italiano e tra i più ambiziosi e “fuori dal coro”, con la sua prua tonda e lo scafo “piatto”, della regata (3.542 miglia in solitario senza scalo da Saint-Malo, in Bretagna, a Pointe-à-Pitre in Guadalupa, una delle sfide più epiche della vela atlantica).

Chi c’è dietro alla barca di Beccaria?

Ebbene “Alla Grande Pirelli”, ideata e costruita “addosso allo skipper” come un abito sartoriale, è il frutto di un lavoro titanico in cui lo skipper Ambrogio Beccaria, primo e unico vincitore della Mini Transat (2019) ha coinvolto due compagni di università, Gianluca Guelfi ed Edoardo Bianchi, amici con i quali ha condiviso il corso di laurea in Ingegneria navale al Polo Marconi di La Spezia. Tutti e tre, dai quei banchi universitari sono partiti per una brillante carriera nautica fatta di viaggi all’estero, collaborazioni prestigiose, sperimentazioni di successo e progetti imprenditoriali ambiziosi.

Ma non si sono persi per strada e quando si è trattato di mettere insieme le forze per tentare una nuova sfida, non ci hanno pensato due volte. Di certo sono un bel terzetto: Ambrogio il navigatore di talento, Gianluca il progettista con il pallino dell’oceano ed Edoardo il costruttore “malato” di foil e velocità. Tutti e tre formano il “core team” che sta dietro il Class 40 “Alla Grande” ed essendo italiani rappresentano anche un perfetto esempio di “Made in Italy” nel campo della vela oceanica. Anzi, a dirla tutta si tratta di un terzetto ‘allargato’ perché è italianissimo anche Fabio d’Angeli, socio di Guelfi e co-progettista della barca.

Un “dream team” italiano che fa paura

Era dai tempi di Pasquale De Gregorio che nel 2001 prese parte al Vendée Globe con il suo Imoca 60 “Wind” e da quelli in cui Andrea Mura vinse nel 2014 la Route du Rhum con l’Open 50 “Vento di Sardegna”, entrambi progettati da Umberto Felci, che una barca 100% non si presentava al via di una regata oceanica. Incredibile, è solo la terza volta con il team Beccaria-Guelfi-Bianchi. E volete sapere perché questo nuovo trio giovane può essere davvero pericoloso per gli avversari? Di Beccaria, milanese, abbiamo già scritto tanto. A 31 anni che è un fuoriclasse lo dice il suo stesso palmares velico. Ma gli altri due?

Il prototipo A2V progettato da Gianluca Guelfi. Il catamarano a motore è in servizio e consente il risparmio di carburante di migliaia di litri di carburante all’anno

Gianluca Guelfi, cresciuto a pane e idrodinamica

Gianluca Guelfi (nato in Toscana nel 1988) è nato con i Class 40 sui quali ai tempi dell’università ha impostato la sua tesi di laurea: si era impuntato a mettere più volume a prua di questa classe oceanica di 12,19 metri. Un concetto che negli anni seguenti è stato poi applicato in maniera sistematica a tutta la flotta. Ma soprattutto Gianluca ha imparato tutto quello che poteva su queste barche da Bert Mauri, artigiano fuori dal comune e specialista dei compositi che di tutti i Class 40 italiani è stato il vero “papà”.

Gianluca Guelfi

Più tardi Guelfi si è trasferito tra Lorient e La Rochelle, in Francia. Qui ha lavorato con il maestro Marc Lombard e intanto frequentava l’ambiente dei Mini 6,50, fatto di tanti appassionati e piccole barche super tecnologiche spesso pensate al pub e costruite in garage.

Dopodiché ha fondato insieme ad altri colleghi una società di ricerca scientifica, la A2V, al servizio di barche a motore da lavoro che sfruttano l’efficienza dell’aerodinamica per migliorare le performance energetiche. Uno dei suoi prototipi, in pochi mesi dalla realizzazione del progetto, è stato scelto dall’armatore Peschaud International e messo subito in servizio in Gabon. Gianluca Guelfi ancora oggi vive in Francia e dopo la realizzazione di “Alla Grande” in collaborazione con il socio Fabio d’Angeli, ha appena finito di progettare un nuovo Mini 6,50 Proto da far correre in oceano.

edoardo bianchi
Edoardo Bianchi, CEO di Sangiorgio Marine

Edoardo Bianchi, quel gusto innato per la velocità

Anche Edoardo Bianchi è un’altra testa niente male, con l’amore per la velocità scolpito nel DNA. Nato a Varese nel 1985, ma genovese a tutti gli effetti, è stato due volte olimpico sui Tornado (Olimpiadi di Atene 2004 e Pechino 2008).

Ma soprattutto per la sua tesi di laurea si è lanciato in un’impresa folle: la progettazione e realizzazione di Whites Dragons, un catamarano volante con dei V foil ispirati ai prototipi degli Anni 50 e albero rotante capace di sfrecciare sull’acqua a oltre 30 nodi. Un progetto pazzesco durato diversi anni e in cui ha coinvolto yacht club, aziende nautiche e artigiani liguri.

edoardo bianchi
Un giovane Edoardo Bianchi (di schiena) vola sul suo prototipo Whites Dragons nel 2010, la sua barca-tesi

E che non solo gli ha fruttato il massimo dei voti alla laurea, ma gli anche aperto le porte del prestigioso cantiere Persico Marine dove ha lavorato in qualità di Project Leader e con cui ha costruito l’AC75 italiano che ha corso la 36° edizione della Coppa America.

Dopodiché Edoardo è messo in proprio fondando a Genova la San Giorgio Marine, appena nata e già realtà di eccellenza nella lavorazione del composito e che offre servizi e assistenza per barche a vela sportive di altissimo livello.

Insomma avete capito? Ambrogio, Gianluca ed Edoardo sono tutti e tre grandi professionisti infaticabili e ambiziosi che riescono a coniugare passione per la vela, ingegneria navale e applicazioni pratiche. Aspettiamo di vedere cosa combinerà “Alla Grande” in questa Route du Rhum, ma per questi ragazzi la sfida di sicuro è già vinta.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su