Cresce la nautica e Ingemar di conseguenza. Ecco gli ultimi progetti

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
Ingemar - Principato di Monaco
Ingemar – Principato di Monaco

Anche solo visitando uno degli ultimi saloni nautici ci si può rendere conto di un dato di fatto: il mercato della nautica è in crescita. I cantieri faticano a stare dietro agli ordini, il mercato dell’usato è fervente, c’è una richiesta sempre maggiore di posti barca. E Ingemar, uno dei punti di riferimento per la costruzione di pontili galleggianti, è tra le aziende protagoniste di questo ottimo momento.

Negli ultimi anni IngemarIngegneria Marittima – ha investito in ricerca e sviluppo, ottimizzando le strategie produttive e rafforzando la propria presenza anche sui mercati internazionali. L’azienda ha lavorato su più fronti, dal segmento del puro diporto, collaborando con diversi porti turistici, fino a progetti specifici per il comparto ittico, come i porti pescherecci progettati in Slovenia, India e Oman. Per non parlare delle strutture speciali, come quelle previste e realizzate per l’allestimento del 62° Salone Nautico Internazionale di Genova.

Ingemar – Lagos (Nigeria)

Ingemar - Nigeria Lagos
Ingemar – Nigeria Lagos

Tra i principali progetti di Ingemar, tra i più recenti e sfidanti, c’è quello dell’AquamarineBoatClub realizzato sulle coste di Lagos, in Nigeria. Ingemar ha realizzato in Italia e trasportato nella quarta città più popolosa al mondo pontili e finger, assemblati e installati per affiancare lo sviluppo nautico dei canali cittadini e supportare gli investimenti immobiliari.

Ingemar – Bay Marina (Dubai)

Ingemar - Dubai Harbour
Ingemar – Dubai Harbour

La presenza internazionale del Gruppo Ingemar si è consolidata negli ultimi anni, anche grazie ai tanti progetti portati a termine in diverse aree geografiche. Un altro esempio è l’area del Bay Marina all’interno del Dubai Harbour, una superficie che tra piattaforme e pontili galleggianti somma più di 14 mila metri quadrati di calcestruzzo. La struttura è stata progettata per ospitare barche da 6 fino a 60 metri di lunghezza nei pontili larghi fino a 6 metri, e imbarcazioni fino a 130 metri ormeggiate nei finger.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Accessori da barca furbi 2023

Sei accessori furbi del 2023 che ti cambiano la vita in barca

Gli accessori furbi da avere in barca nel 2023 Nel vastissimo panorama degli accessori nautici oggi disponibili sul mercato, sempre più ricco e interessante, si distinguono alcuni accessori più “furbi” di altri. Sono ad esempio piccole chicche o soluzioni in

mano di terzaroli

VIDEO – Ridurre le vele con vento forte

Ridurre le vele con vento forte, in particolare  prendere o dare le mani di terzaroli,  il tema del decimo  video-episodio di Scuola di VELA, in cui scopriamo come effettuare una manovra perfetta su una barca da crociera. Ridurre le vele con

Torna su