Tatuaggi da marinaio. Quali sono i più famosi e cosa significano

tatuaggi da marinaio
Tatuaggi da marinaio. Non si sa molto della vita del Capitano Elvy, tranne che, per tutta la durata del suo servizio nelle file della marina americana (anni Quaranta del secolo scorso), fu una sorta di “fenomeno d’attrazione” per il suo corpo totalmente ricoperto di tatuaggi. Al centro della schiena si nota un grande veliero e una bandiera americana con la scritta “United we stand” (“insieme siamo forti”).

Quali sono i significati dei tatuaggi da marinaio? Un’usanza che arriva da lontano e che rivela  perché i tatuaggi non devono mai essere pari…

Tatuaggi da marinaio – Come nacque la leggenda

Un legame molto forte lega il mondo dei tatuaggi ai marinai e alla marineria. Questo tipo di disegno permanente fu importato dai marinai olandesi di ritorno dai loro numerosissimi viaggi commerciali verso la Polinesia nel XVIII secolo, dove i tatuaggi erano una pratica diffusa tra le popolazioni indigene. In questa parte di mondo i marinai conobbero le tipiche decorazioni legate all’oceano. Per gli uomini di mare imprimersi disegni sulla pelle divenne sempre più un’usanza scaramantica da realizzare prima di ogni partenza.

Un marinaio doveva avere sempre un numero dispari di tatuaggi: il primo doveva realizzarlo all’inizio del viaggio, il secondo nel porto di arrivo e il terzo al ritorno nella propria terra. Non farne un terzo chiaramente avrebbe sancito cattiva sorte e lontananza dagli affetti: da qui la consuetudine dei tatuaggi dispari. Tornati dai loro viaggi gli uomini di mare avevano quindi sempre su di sé le tracce dei popoli visitati e questi disegni cominciarono ad affascinare i cittadini europei. Immagini che si rifacevano a una tradizione marinara, di uomini che vivevano in simbiosi con il mare e la vita di bordo. 


Tatuaggi da marinaio – I più famosi

Il pugnale

Il pugnale è da sempre il mezzo utilizzato dai marinai per farsi giustizia da soli. Quest’arma, solitamente raffigurata sull’avambraccio, simboleggia giustizia, guerra, morte, o la capacità di difendersi da soli.

tatuaggi da marinaio - Pugnale

Nei tempi antichi il pugnale era l’ultima difesa di un guerriero che, dopo aver perso tutte le altri armi, rimaneva solo con il suo pugnale e le sue abilità di combattimento.


La rondine

La rondine è una sorta di carta Mille Miglia. Ogni 5.000 miglia percorse, un marinaio dovrebbe tatuarsi una rondine. Una rondine dopo le prime 5.000 miglia, una seconda quando si arriva a 10.000, una terza a 15.000 e così via.

tatuaggi da marinaio - rondine

La rondine è strettamente collegata all’esperienza marittima britannica, dove anche i membri della Marina Reale erano soliti tatuarsi rondini sui polsi a simboleggiare un’impresa riuscita.


La rosa dei venti

La rosa dei venti è uno dei tatuaggi più popolari. Rappresenta in genere quello che in mare aperto è il motore primo di sostentamento e di movimento: i venti che soffiano da ogni direzione.

Il simbolismo gioca tra guadagno e perdita, tra vittoria e sconfitta e sulla doppia faccia del vento: allo stesso tempo pericoloso e indispensabile per la vita dei marinari e dei loro velieri.


Il cuore

Il cuore è utilizzato dai marinai solitamente accompagnato da una pergamena che recita il nome della fidanzata, della moglie o più semplicemente della mamma.

tatuaggi da marinaio - cuore

Il cuore è l’emblema dell’amore e dei rapporti tra persone care, che vengono tatuati per simboleggiare la presenza di un affetto anche a molte miglia di distanza da casa.


Il veliero

Il veliero per un marinaio lontano da casa simboleggia il suo universo. Una madre adottiva in legno e metallo, il simbolo del sostentamento e della tecnica.

tatuaggi da marinaio - il veliero

Il veliero è una patria mobile ed è da sempre un tema tradizionale di chi non ha una fissa dimora e solca i mari in lungo e in largo per guadagnarsi da vivere. Può anche stare a significare un periodo difficile e tormentato della vita che si sta attraversando.


L’ancora

L’ancora è tra i più popolari tatuaggi appartenenti a questo genere. Lo ricorderete anche su personaggi di fantasia come Braccio di Ferro.

tatuaggi da marinaio ancora

Un tatuaggio che è simbolo inconfondibile del mare e dei marinai, e che ancora oggi gode di estrema popolarità. L’ancora, così come per le navi, sta a significare sicurezza e stabilità, valori tra i più importanti per chi ha affidato la propria vita e il proprio sostentamento al mare.


La donna

La donna nei tatuaggi marinareschi viene rappresentata da due immagini principali: quella della sirena e quella della pin-up. Le sirene sono creature mitiche che abitano i mari, capaci di attrarre e stordire i marinai.

tatuaggi da marinaio sirena

Migliaia di storie raccontano le vicende di impavidi marinai e delle belle fanciulle metà donna e metà pesce. Le sirene sono da sempre simbolo della fascinazione che il mare esercita sugli uomini, simbolo anche dell’energia femminile e del pericolo intrinseco in essa: la capacità di attrarre gli uomini e fargli perdere il lume della ragione. Belle e pericolose: proprio come le donne amate dai marinai.

tatuaggi da marinaio pin up

Anche la pin-up racchiude in sé questa forte connotazione legata alla perdizione. La pin-up rappresenta uno dei motivi che spinge i marinai a far ritorno nelle terre dalle quali sono salpati e dove si sono innamorati.


Tatuaggi da marinaio. Il mito Sailor Jerry

Quasi tutti i tatuaggi da marinaio che corredano l’articolo sono di Sailor Jerry. L’artista Norman Keith Collins (1911-1973), meglio conosciuto con il nomignolo di Sailor Jerry (il marinaio Jerry), è il fondatore della vecchia scuola di tatuaggi. Californiano di nascita, imparò l’arte del tatuaggio in Alaska, eseguendo i suoi primi disegni rigorosamente a mano.

tatuaggi da marinaio
Sailor Jerry, il re dei tatuaggi da marinaio, all’opera.

Quello che cambierà la vita di Sailor Jerry, e la storia dei tatuaggi, è il suo arruolamento nella marina degli Stati Uniti d’America. Esposto ai rudimentali ma innovativi tatuaggi dei marinai, li riprenderà per inventare uno stile proprio, fatto di temi e di tecniche ancora oggi copiate dai tatuatori di mezzo mondo.

Ancore, rose dei venti, velieri, sirene,  pin-up, rondini, pugnali, sono questi i temi più ricorrenti, che si rifanno a un ideale di vita dissoluta, che è un po’  lo stereotipo da sempre affibbiato a chi fa la vita di mare. Sailor Jerry concluse la sua vita alle Hawaii dove si trasferì per dedicarsi a tempo pieno ai tatuaggi fino al giorno della sua morte, avvenuta nel 1973.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

Omicidio nautico, presto il reato sarà legge. Il Senato ha approvato nella seduta n.34 del 31 Gennaio 2023, quasi all’unanimità, la procedura abbreviata per l’approvazione del disegno di legge atto a introdurre il reato di omicidio nautico. Ecco di cosa

Torna su