Swan 128 (39 m), il nuovo megayacht a vela di German Frers

swan 128
I primi render del nuovo Swan 128. Le linee “tradiscono” la mano di German Frers

Presentato al Monaco Yacht Show, il nuovo Swan 128 (38,98 x 8,65 m) completerà verso l’alto la gamma dei maxiyacht di Nautor (che comprende già l’88, 98, 108 e 120).

Nuovo Swan 128 (38,98 x 8,65 m)

Il primo esemplare, già in costruzione nel cantiere di Pietarsaari (Finlandia), sarà varato nel 2025. L’architettura navale è di German Frers, come per tutti gli Swan dal 1981, mentre lo studio Micheletti + Partners di Lucio Micheletti ha curato le forme di coperta e tuga, evolvendo lo stile della sorella minore Swan 108. Gli interni sono ancora una volta nati dalla matita dell’architetto Misa Poggi.

Video – Scopri il nuovo Swan 128


Swan 128 – Il progetto

Il nuovo Swan 128 dovrà essere un perfetto connubio tra eleganza e prestazioni, intese sia come performance, sia come comportamento in mare. Per l’eleganza non c’è problema: garantisce Frers. Ma ha fatto di più: oltre a mettere sul piatto il know interno del suo studio (immenso), ha commissionato uno studio specifico CFD (fluidodinamica, ndr) a Cape Horn Engineering, per verificare e ottimizzare le forme del corpo canoa in tutte le condizioni dinamiche di navigazione.

Su barche di queste dimensioni, gli spazi sottocoperta riservati all’armatore assumono importanza cruciale: la soluzione sullo Swan 128 consiste in una ampia zona della prua completamente dedicata all’appartamento armatoriale (perché di cabina proprio non si può parlare) senza vincoli di forma e struttura, in modo da poter essere personalizzato rendendo ogni esemplare unico.


Swan 128 – Architettura navale

Lo Swan 128, progetto 1400 dello studio Frers, consolida la quarantennale collaborazione del progettista argentino con il cantiere finlandese a conduzione italiana. Si tratta della seconda barca più grande mai costruita da Nautor (il record appartiene al 131 piedi del 2006).

Ultima evoluzione dei concetti Swan, il 128 incarna la sintesi del cruiser sportivo, pensato per lunghe navigazioni oceaniche ma a suo agio nelle principali competizioni internazionali, senza dover cambiare alcunché delle proprie caratteristiche.

La carena nasce per rendere al massimo alle diverse andature, rimanendo perfettamente simmetrica ai diversi angoli di sbandamento. L’adozione della doppia pala del timone garantisce un ottimale controllo anche alle elevate velocità, limitando al massimo la tendenza all’orza e fornendo sensibilità alle ruote nonostante le imponenti dimensioni della barca.

Lo sbandamento contenuto intorno ai 20° in condizioni ottimali porta in dote anche un notevole comfort in navigazione, rendendo la barca fruibile in ogni sua parte senza acrobazie. Il piano velico generoso (816 mq, con un asimmetrico di 1.180 mq) si tradurrà in una barca performante anche con venti leggeri. Notevoli le polari del VPP, con punte ben al di sopra dei 17 nodi.


Swan 128 – Coperta

Il piano di coperta è caratterizzato da una buona separazione tra lo strallo di prua e il code zero, la tuga filante e scolpita, seppur in configurazione semiraised saloon, dà alla barca un marcato sapore sportivo. Il designer Lucio Micheletti ha lavorato sui volumi, le forme e i dettagli per conferire la maggior leggerezza possibile senza limitare le funzionalità e la protezione tipiche delle tughe Swan.

Un connubio di stile tradizionale e forme tese, un gioco di compenetrazione di materiali che crea un movimentato ritmo di chiaroscuri dalla spiccata dinamicità (ciò che l’architetto Micheletti usa chiamare “velocità di banchina”). Il pozzetto offre la tipica distinzione in tre aree che caratterizza tutti gli Swan. La zona anteriore, a ridosso della tuga e protetta da sprayhood e bimini (opzionale il modello a scomparsa con struttura rigida), è dedicata agli ospiti.

Di serie viene fornita la classica configurazione con divani a C, doppio tavolo e prendisole verso poppa, ma la conformazione piatta del pavimento, senza volumi fissi, consente un’ampia possibilità di personalizzazione. L’area centrale del pozzetto include tutti gli elementi per la conduzione della barca, dalle timonerie in posizione avanzata e panoramica ai winch per il controllo delle vele. In questa zona si apre anche il secondo tambuccio che mette i quartieri interni dedicati all’equipaggio in diretta connessione con gli organi di governo.

Tutta la poppa, separata da un leggero dislivello, è dedicata al beach club, che si connette senza soluzione di continuità alla grande plancetta, ulteriormente ampliabile nella versione opzionale a doppia azione, esclusiva dei più recenti Il modelli Swan. Il generoso tender garage può accogliere un rib fino a 4,50 metri di lunghezza.


Swan 128 – Interni

La collaborazione tra lo studio Frers, il dipartimento interni del cantiere e l’architetto Misa Poggi ha prodotto un layout ottimale e flessibile, con “l’appartamento” dedicato all’armatore nella zona di prua e una generosa area per l’equipaggio concentrata a poppa. Il quadrato in posizione rialzata, accessibile tramite un tambuccio di ingresso XXL, offre tre livelli di luce naturale con vista panoramica in piedi e da seduti. Le due aree, ben distinte tra salotto e zona pranzo in versione standard, offrono però numerose personalizzazioni, compresi i “day bed” per fruire delle ampie finestrature a scafo anche in navigazione. La TV lounge, in diretta connessione con il salotto rialzato, può essere convertita in sala da pranzo con sedute fino a dieci ospiti.

La suite armatoriale è configurata con cabina e bagno entrambi a tutto baglio. Infinite le possibilità di personalizzazione data l’ampiezza degli ambienti e i ridotti vincoli strutturali della zona, ben delimitata da paratie dalla forma regolare. Le varie cabine ospiti possono assumere diverse configurazioni con letti singoli o matrimoniali, ulteriori letti pullman e bagni completabili con bidet.

Tutta la zona di poppa è dedicata all’equipaggio, con tre cabine doppie, tutte dotate di bagno con box doccia separato, doppia crew mess, quella più a prua convertibile in ulteriori volumi di stivaggio, e grande cucina con isola centrale e abbondante spazio per ogni elettrodomestico desiderabile. Completa la zona di servizio una lavanderia abitabile con asse da stiro e la stazione di navigazione, posizionata in prossimità del tambuccio di poppa. La sala macchine, con accesso dotato di doppio filtro attraverso una zona officina, sfrutta tutta l’area sotto al quadrato per accogliere macchine e serbatoi, concentrando i pesi principali in basso e a centro barca.

Ampia scelta per i legni, che partono da una base in rovere naturale, le pelli, e tessuti di rivestimento. L’architetto Poggi insieme al team interni dello studio tecnico finlandese sono a disposizione degli armatori per interpretare ogni desiderio di layout e di stile, proponendo materiali ricercati ad hoc per rendere ogni esemplare di Swan 128 unico e irripetibile.


Swan 128 – La costruzione

I Maxi Swan, come lo Swan 128, sono realizzati in full carbon. La tecnologia utilizzata è la laminazione sandwich con tessuti in fibra di carbonio pre-impregnati in resina epossidica con tecnologia Sprint e anima in Corecell, prodotti ed ingegnerizzati dall’azienda leader Gurit. Il procedimento prevede la postcura in forno per circa 18 ore, con curva caratteristica che arriva fino a 90° e postcura che avviene in due fasi principali più una terza finale. Tutti i componenti, sia di impiantistica, sia di arredo, sono frutto di anni di selezione e test nelle più severe condizioni.

A livello di propulsione, lo Swan 128 sarà equipaggiato con le tecnologie più avanzate SCR (Riduzione selettiva catalitica) per ridurre le emissioni in ottemperanza alle ultime norme IMO III e le eliche saranno a passo variabile per ottimizzare l’efficienza a motore oltre che una riduzione di rumore e vibrazioni.


Swan 128 – Scheda barca

Lunghezza scafo 38.98 m
LWL 35.94 m
Baglio max 8.65 m
Pescaggio (chiglia Standard) 4.70 m
Pescaggio (chiglia telescopica opzionale) 5.70 m / 3.70 m
Dislocamento leggero 122.800 kg
Dislocamento a pieno carico 136.200 kg
Zavorra 39.500 kg
Motorizzazione 405 kW / 550 Hp
Triangolo di prua 368.9 m²
Sup. randa 415.9 m²
Sup. fiocco (ORC) 401.5 m²
Sup. asimmetrico 1180 m²
Serb. Carburante 5500 l
Serb. Acqua 2650 l


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su