Adrenalina. Spettacolo. Volo. Sono i catamarani classe A, baby!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
Paul Larsen, il velista più veloce del mondo con Vestar Sailrocket 2 (65.45 nodi) alle prese con una scuffia all’Europeo classe A

Si è da poco concluso il Campionato Europeo dei catamarani classe A ad Arco (Trento). Quasi cento partecipanti, grandi nomi della vela, adrenalina a non finire: un vero spettacolo, dove anche i grandi velisti hanno affrontato scuffie e ruzzoloni!

Europeo classe A, spettacolo e adrenalina

Guardate la foto in apertura: sapete di chi si tratta? Proprio lui, Paul Larsen, il velista più veloce del mondo che a bordo del superbolide Vestas Sailrocket 2, nel 2012, ha toccato la velocità di 65,45 nodi. Quello qui sotto, invece, è l’australiano Darren Bundock, per gli amici Bundy. Due medaglie olimpiche, una Coppa America: una leggenda del cat. 

classe a europeo - 2
Darren Bundock prova a domare il suo “indomabile” classe A! Spettacolo!

Due esempi che ben dimostrano come la classe A piaccia anche al “gotha” della vela internazionale. Ma ovviamente non c’erano soltanto mostri sacri. A Riva del Garda tanti velisti e appassionati: iscritti sia nella categoria con i foil che senza, perché il bello di questi catamarani è la possibilità di scegliere tra la configurazione volante e quella, più tradizionale, “solo” planante. 

Lamberto Cesari, autore del reportage dall’Europeo Classe A

Tra questi anche Lamberto Cesari (velista e giornalista: il suo ultimo articolo sul recupero dello splendido Volpina di Carcano). Gli abbiamo chiesto di raccontarci, dal un punto di vista dell'”insider”, l’Europeo classe A che peraltro – classifiche in calce al pezzo – ha chiuso in settima posizione overall e quinto europeo nella categoria foiling. Ecco le sue impressioni. 

La classe A è viva. Viva la classe A

La classe A è viva, viva la classe A. Questo Campionato Europeo ha rappresentato il primo grande evento nel vecchio continente post covid, attirando quasi cento velisti ben oltre i confini europei, con una nutrita presenza australiana che ha reso onore al campionato e dominato le classifiche, con nomi come Steve Brewin, Darren Bundock, Paul Larsen e Scott Anderson.

Una fase post partenza dell’Europeo classe A

La classe A si trova in questo momento in uno stato molto interessante di evoluzione: dopo alcuni anni turbolenti dove le barche hanno iniziato a volare all’interno di un regolamento che avrebbe dovuto impedirlo, si è arrivati allo sviluppo di piattaforme che riescono navigare stabilmente fuori dall’acqua sia di bolina che di lasco, con performance notevoli: sopra i 13 nodi il tempo di volo supera di gran lunga la modalità dislocante, fatta eccezione per virate e strambate. Di bolina con velocità che si aggirano sui 18-20 nodi a 45° di angolo reale del vento (TWA), di lasco si superano i 25 nodi scendendo a 140° TWA.

Se si pensa che le barche armate complete pesano 90 kg, si arriva facilmente a immaginare il tipo di carichi che sono in gioco in una bolina volante, resa ancora più efficiente dal disaccoppiamento dei timoni che arriva fino a otto gradi di differenziale (lo stesso sistema introdotto poi nei Nacra 17, che permette di aumentare l’incidenza del timone sottovento e diminuirla per quello sopravvento per aumentare il momento raddrizzante).

classe a europeo - 4
Mischa Heemskerk secondo nella classifica Open e Campione Europeo 2022 tra i classe A foiling

Classe A con i foil. Al lasco chi cade è fregato

Al campionato Europeo organizzato dal Circolo Vela Arco si è tenuta anche una masterclass da parte dell’australiano Steve Brewin, già tre volte campione del mondo (il più titolato dopo Glenn Ashby, dominatore degli ultimi venti anni), il quale ha mostrato una velocità e una profondità stupefacente soprattutto al lasco.

Steve Brewin, il vincitore overall (già tre mondiali, dopo Glenn Ashby il più vittorioso della classe A)

Mentre la bolina è una andatura più “fisica”, e al lago di Garda con il vento da sud si risolve spesso in una corsa verso la costa ovest (che vedeva i primi otto equipaggi nonostante le differenze di vele e piattaforme sviluppare una velocità superiore rispetto al resto della flotta e arrivare compatti alla prima boa), è stato al lasco che si sono viste le maggiori differenze, dove l’uso dei foil e la conduzione hanno creato grandi divari anche tra i primi, in un gioco a cercare la massima profondità senza cadere dal volo, errore costosissimo in termini di angolo perso per poter ricreare velocità e vento apparente per il decollo successivo.

classe a europeo
Che “musata” per Lamberto Cesari!

Classe A: in partenza non è mica facile stare in posizione!

La bellezza e fragilità di questi catamarani volanti crea una sorta di “cameratismo” e prudenza nella flotta, nonostante questo le partenze erano tiratissime e fino a che il comitato non ha deciso di avvantaggiare notevolmente il pin le oltre sessanta barche volanti si ammassavano in barca comitato in partenza creando quasi più ansia per l’incolumità dei catamarani che per l’uscita dalla partenza: non è facile tenere in posizione due scafi senza fiocco con delle appendici studiate per andare a 20 nodi mentre si muovono a 0,5!

Kuba Surowiec vice campione del mondo e vice campione europeo (terzo overall alla regata di Arco)

Nonostante questo e nonostante gli oltre venti nodi di vento del Garda sono state poche le collisioni, ma molta la collaborazione a terra per ogni riparazione: non era raro vedere la sera persone di nazionalità diversa aiutarsi a laminare una barca o riparare un timone danneggiato. Anche il terzo giorno, dove il vento al rientro ha toccato i 25 nodi, i primi della flotta si sono fermati sullo scivolo ad aiutare il resto dei regatanti, aiutati man mano da chi rientrava finché l’ultima barca non era al sicuro.

Classe A, fucina di campioni

Da sempre la classe A è stata frequentata dai più grandi campioni del catamarano, olimpionici che si prendevano del tempo per regatare in singolo e sperimentare le innovazioni che poi sarebbero arrivate nelle classi maggiori. In Italia abbiamo una lunga tradizione su questa barca, da Giorgio Zuccoli a Francesco Marcolini, negli anni recenti Vittorio Bissaro e Gianluigi Ugolini. Chissà che i nostri olimpionici tra un impegno e l’altro non abbiamo voglia di tornare a volare a due scafi in singolo, li aspettiamo per il mondiale di Tolone 2023, poco lontano da Marsiglia.

Lamberto Cesari

Europeo Classe A, le classifiche

Cliccando sul link trovate le classifiche dell’Europeo classe A Open e foiling, cliccando qui invece accedete alle classifiche dei classe A senza foil.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su