Fountaine Pajot e Dufour: la barca ecologica spiegata da Furci

Fountaine Pajot e Dufour
Fountaine Pajot e Dufour: L’Aura 51 Smart Electric sarà proposto in configurazione full electric

Verso una nuova era nella produzione ma anche nell’uso delle barche. Questo è l’impegno a cui ha accennato il responsabile italiano del gruppo francese Fountaine Pajot (catamarani Fountaine Pajot e monoscafi Dufour) Domenico Furci che abbiamo intervistato durante il Salone Nautico di Cannes.

Fountaine Pajot e Dufour – La barca ecologica

 

Fountaine Pajot e Dufour: le novità e il perché dei ritardi

Furci ci ha raccontato le grandi novità che presentano ai principali saloni di fine estate (Cannes/Genova/La Rochelle) che sono il catamarano Aura 51 di Fountaine Pajot e il monoscafo Dufour 37, che ha la prerogativa di poter essere classificato come natante senza immatricolazione.

Fountaine Pajot e Dufour
Il Dufour 37 è classificato come “natante” e non necessita di immatricolazione

Ma Furci ci ha anche accennato al grande e impegnativo progetto Odyssea 2024 che rivoluzionerà il modo di costruire una barca e di utilizzarla. Per finire, ci ha parlato dei problemi di consegna che stanno incontrando i cantieri e del perché si verificano i ritardi.

Fountaine Pajot e Dufour: in concreto verso una barca ecologica

Concentriamoci qui sul progetto Odyssea 24 di cui Domenico Furci ha parlato all’inizio dell’intervista video, un progetto molto interessante e all’avanguardia. E’ un vero e proprio manifesto della transizione ambientale ed energetica dell’industria nautica che Fountaine Pajot sta già realizzando ma che, inevitabilmente, dovrà essere seguito da tutti i soggetti di questo mondo.

Il progetto Odyssea 2024 parte da un dato di fatto, le emissioni di gas ad effetto serra (carbon footprint) nella nautica da diporto per il 20% derivano dalle fasi di produzione di una barca e l’80% si verificano durante il suo uso.

Il piano adottato dal gruppo Fountaine Pajot e Dufour si articola in quattro punti:

  • Autonomia energetica
  • Nuovi modi di propulsione
  • Una produzione più virtuosa
  • Riutilizzo e materiale da fonti biologiche

Le tappe di attuazione del piano Odyssea 24 sono queste:

2022: lancio delle prime barche a vela a propulsione elettrica con il lancio del catamarano “full electric” Aura 51 Smart Electric

2023: Ricerca e sviluppo delle pile a combustibile che permettano di installare motori a idrogeno.

2024: attuazione di un piano per la costruzione in serie di barche “verdi” con l’uso di materiali da fonti naturali e riciclabili.

Fountaine Pajot e Dufour: Aura 51 è un vero full electric

L’ambizioso piano di riconversione ambientale ed energetica di Fountaine Pajot/Dufour ha preso il via proprio con il nuovo catamarano Aura 51 Smart Electric presentato in anteprima a Cannes. Come hanno fatto rendere realmente “full electric” questo nuovo catamarano?

Il Fountaine Pajot Aura 51 Smart Electric (m. 15,84 x 8,08) è stato dotato di due motori elettrici da 2×275 Kw serviti da batterie da 27 KWh ciascuna, con pannelli solari per 2.000 W. Per garantire un’autonomia reale e illimitata navigazione elettrica a bordo c’è un generatore da 32 Kw. Tutto il sistema di fornitura di energia è controllato da un software che ottimizza le varie fonti.

Il risultato è che in modalità “full electric” l’autonomia è di 2.30/3 ore a 6 nodi di velocità ma attivando il generatore, che ha un consumo infinitamente più basso dei due motori tradizionali, l’Aura 51 ha navigato a 6,5/7 nodi partendo da La Rochelle in Atlantico e raggiunto Cannes in Mediterraneo, senza mai fermarsi.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Swan 55

VIDEO Swan 55 (16m): il bluewater che sa cambiare pelle

Il Cannes Yachting Festival e il Salone Nautico di Genova sono due appuntamenti da non perdere per i cantieri del settore e tutti gli appassionati. La nostra redazione è andata a bordo delle ultime novità, una di queste è il nuovo Swan 55,

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su