Partita la regata Golden Globe Race. La più folle, romantica, pericolosa del mondo

Golden Globe Race
Golden Globe Race: Simon Curwen (UK) in partenza sul suo Biscay 36 “Clara”

Sedici velisti solitari sono partiti il 4 settembre per la Golden Globe Race. A bordo di barche da 9,75 ad un massimo 10,97 metri (da 32 a 36 piedi) hanno tagliato il via da Les Sables d’Olonne in Francia per un giro del Mondo senza scalo di 30.000 miglia passando dai famosi tre Capi (Buona Speranza, Leewin, Capo Horn) per la regata più folle, romantica, rischiosa del mondo.

Golden Globe Race, a bordo solo carte nautiche e la bussola

A bordo non hanno nessun apparato elettronico e informatico, solo sestante, carte nautiche, bussola, timone a vento (ammesso un pilota automatico elettrico ma con penalità). Unico collegamento, ma a comunicazioni limitate, una Radio SSB. Non possono avere neanche orologi, fotocamere, digitali, calcolatrici. Le barche devono avere la chiglia lunga senza utilizzo di fibre esotiche (carbonio, kevlar, ecc.), devono essere state costruite in serie prima del 1988, cioè almeno 38 anni fa.

Golden Globe Race
Golden Globe Race: Michael Guggenberger (AUSTRIA) Sul suo Biscay 36 “NURI”

Unico requisito indispensabile per chi partecipa è quello di aver percorso almeno 14.000 miglia di cui 2.000 in solitario e almeno 2.000 a bordo della barca con cui si naviga alla Golden Globe Race del 2022/2023.

Golden Globe Race la regata che fece grande Moitessier

L’inventore di questa folle e anacronistica regata attorno al mondo è un australiano di 67 anni, Don McIntyre che non ha fatto altro che replicare nel terzo millennio la mitica regata del 1968 Golden Globe (qui tutta la storia) che creò il mito di Bernard Moitessier e fu vinta da Robin Knox Johnston che fu l’unico a tagliare il traguardo nel 1968 diventando il primo uomo a navigare da solo senza scalo intorno al mondo, dopo 313 giorni di navigazione

Questa è la seconda edizione della nuova vita della Golden Globe Race. Nella prima, del 2018, su sedici partenti tagliarono il traguardo solo in quattro, vinse Jean Luc Van den Heede.

Golden Globe Race
Kirsten Neuschäfer (South Africa) sul suo Cape George 36 “Minnehaha” è l’unica donna in gara

Golden Globe Race dove si rischia la vita

Molti rischiarono la vita come il 43enne indiano Abhilash Tomy che si capovolse quattro volte e fu salvato in extremis al largo dell’Australia. Non pago dei rischi corsi si ripresenta al via con un Rastler 36, qui la sua storia.

Tra i sedici partenti c’è anche una donna, la 39enne sudafricana Kirsten Neuschafer, che a bordo del suo Minnehaha, un Cape George Cutter 36, ha percorso 8.800 miglia in solitario dal Canada a Città del Capo (Sudafrica) e poi altre 6.600 miglia per raggiungere la partenza sulla Francia Atlantica.

Primo a tagliare il traguardo al via il 4 settembre il 62enne britannico Simon Curwen a bordo di Clara, un Biscay 36 del 1976 che da sloop è stato riconvertito a cutter per la regata.

Quanto ci metteranno i 16 “matti al via” a percorrere le 30.000 miglia attorno al mondo? Non c’è tempo limite, quando si arriva, si arriva.

Vi aggiorneremo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Partita la regata Golden Globe Race. La più folle, romantica, pericolosa del mondo”

    1. Giornale della Vela

      Buongiorno Mauro,

      temiamo abbia fatto confusione: la regata di cui parla è la Ocean Race (giro del mondo in equipaggio a tappe), mentre in questo articolo (già dalle prime righe), si parla di Golden Globe Race (giro del mondo in solitario, con partenza a Les Sables d’Olonne)!

      Buon vento!

      La redazione del Giornale della Vela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Torna su