Il Class 40 AllaGrande Pirelli visto da vicino. Ecco come navigherà

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Ambrogio Beccaria sulla prua del Class 40 AllaGrande Pirelli durante i test a Genova

Il conto alla rovescia per Ambrogio Beccaria e il Class 40 AllaGrande Pirelli è iniziato. Lo skipper milanese è pronto a partire da Genova, per il lungo trasferimento che in autunno lo porterà fino a Saint Malo, da dove partirà il 6 novembre la Route du Rhum.

Il Class 40 AllaGrande Pirelli, disegnato da Gianluca Guelfi e Fabio D’Angeli, navigherà prima fino a Lisbona, in equipaggio, poi sarà il momento di affrontare la qualifica alla Route du Rhum in solitaria: 1200 miglia, di cui 200 obbligatorie di bolina con un Forza 7.

Ultimata la qualifica Beccaria si trasferirà a Lorient dove ultimerà la preparazione prima di spostarsi a Saint Malo per lo start della transatlantica in solitario, regata d’esordio del Class 40 AllaGrande Pirelli. Siamo stati allo Yacht Club Italiano per vedere da vicino la barca e scoprire i suoi segreti.

Class 40 Alla Grande Pirelli – alla ricerca del “mordente”

La prua alta sull’acqua è una delle caratteristiche salienti del progetto

Come ci ha raccontato Ambrogio Beccaria “le barche con la prua scow hanno il problema di essere tendenzialmente poggiere per effetto delle loro geometrie, abbiamo lavorato molto su questo, per cercare di avere una barca che sia invece neutra o meglio orziera”. Da qua nasce l’esigenza di inclinare la lama di deriva più verso poppa possibile, e cercare un centro di spinta sulle vele che possa rendere la barca orziera.

Class 40 Alla Grande – la preparazione a Genova

Il bompresso orientabile di AllaGrande Pirelli è una delle scelte su cui ha puntato Beccaria.

Dopo il varo di agosto alla San Giorgio Marine dove la barca è stata costruita Ambrogio Beccaria e il suo team hanno continuato con la preparazione a Genova. Le prime uscite sono state necessarie per provare le vele e affinare l’elettronica di bordo, di rodaggio insomma. “Non abbiamo incontrato molto vento in questa fase di preparazione quindi i dati sono ancora pochi, quello che posso dire è che con 15 nodi la barca è un treno che viaggia su un binario” ha detto Ambrogio. “Non vedo l’ora però di affrontare condizioni dure, 35 nodi, perché è per quelle che abbiamo pensato alcune delle soluzioni di questa barca, quando insomma la navigazione diventa più complessa”.

Tra le particolarità del progetto c’è la scelta del bompresso orientabile, che per Ambrogio è un ricordo dei Mini 650. Il Class 40 AllaGrande sarà l’unico della flotta ad avere questa soluzione. Una scelta che ha reso più complessa la costruzione della barca ma sulla quale lo skipper conta molto. “Alla Mini Transat ho scoperto che parte del vantaggio di velocità che avevo era dettato dal fatto che usavo molto più degli altri le regolazioni del bompresso, e sono convinto che possano funzionare anche sul Class 40”. AllaGrande Pirelli naviga, il conto alla rovescia è iniziato.

Mauro Giuffrè

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

69esima Regata dei Tre Golfi. Ecco come sta andando

È partita da Napoli ieri pomeriggio la 69esima edizione della Regata dei Tre Golfi. 150 miglia tra le isole dei tre golfi, passando per Ischia, Procida, Zannone, Ponza e Capri. Oltre 100 le imbarcazioni iscritte. A 15 miglia dall’arrivo, Magic

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi