Dissalatore in barca: scegli tra questi 3 modelli e non sbagli

Installare un dissalatore a bordo della propria barca è una scelta che sempre più armatori compiono, anche chi ha una barca di dimensioni contenute. Questo perché i dissalatori di ultima generazione sono sempre più piccoli, leggeri e smart. Perfetti per essere installati su barche di qualsiasi dimensione, come i tre modelli che abbiamo selezionato.

Dissalatore da installare in barca: i 3 modelli tra cui scegliere


Dissalatore in barca – La gamma leggerissima di Osmosea

New 12 ES - Osmosea
New 12 ES – Osmosea

La gamma di dissalatori prodotti da Osmosea comprende modelli leggerissimi, il più leggero e dalle dimensioni contenute, New 12 S25 ed ES25, arriva a produrre 25 litri/ora di acqua dolce, circa 600 litri al giorno. Se avete barche grandi e tanti ospiti a bordo, o semplicemente avete esigenze diverse, Osmosea ha alcuni modelli che con dimensioni tutto sommato contenute producono fino a 300 litri/ora! Ma come funzionano questi dissalatori? Il principio alla base del loro funzionamento è l’osmosi inversa, un processo utilizzato ormai da tanti anni sui modelli Osmosea. Questo processo permette di recuperare gran parte dell’energia utilizzata nella dissalazione, arrivando a risparmiare fino all’80% dell’energia rispetto ad un processo “standard”. Grazie al suo funzionamento poco energivoro, i dissalatori Osmosea sono quindi perfetti per essere installati su barche di piccole dimensioni. Un altro dettaglio interessante? Non hanno bisogno di un generatore per funzionare, bastano le batterie di servizio!


Dissalatore in barca – I piccoli Zen di Schenker Watermakers

Zen 30 - Schenker Watermakers
Zen 30 – Schenker Watermakers

Schenker Watermakers con i suoi dissalatori Zen viene incontro a chi ha problemi di spazio a bordo e vuole un dissalatore che non appesantisca la barca. La gamma è varia e completissima: si va dallo Zen 30, che produce 30 l/h con un peso di appena 19 kg e un consumo di 110 watt, allo Zen 150 che con i suoi 61 kg produce fino a 150 l/h consumando 600 watt. I dissalatori della gamma Zen consumano fino all’80% in meno grazie all’Energy Recovery System, che amplifica la pressione delle pompe e recupera tutta l’energia idraulica dalle membrane. I sistemi installati da Schenker Watermakers sono controllabili tramite pannello remoto, disponibile anche in versione touch screen.


Dissalatore in barca – L’integrazione smart di HP Watermakers

SC ECO - HP Watermakers
SC ECO – HP Watermakers

Tra i dissalatori prodotti dalla lombarda HP Watermakers spicca la serie SC. Questa linea può arrivare a produrre fino a 440 litri di acqua dolce all’ora grazie a quattro membrane osmotiche. L’automazione è il punto forte dei dissalatori a marchio HP, soprattutto se si sceglie la versione Rp Tronic e l’interfaccia Part-Net. Grazie a questi optional avremo la regolazione automatica della pressione e la compatibilità con praticamente tutte le interfacce che utilizzano lo standard NMEA 2000 (Garmin, Raymarine, Navico…). L’applicazione per comandare l’impianto di dissalazione apparirà all’interno degli display multifunzione già installati a bordo, senza bisogno di ulteriori schermi e pulsanti.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Dissalatore in barca: scegli tra questi 3 modelli e non sbagli”

  1. Pierfrancesco

    Su una barca a vela dobbiamo guardare il consumo di Ampere ed il rendimento. Quando lo accendiamo? O a motore o in rada, navigando sbandati a vela le prese a mare di solito si chiudono. Ecco quindi che indipendentemente dalla stazza, su una barca con un serbatoio di 150/200 L conviene installare un dissalatore come Osmosea new 12 s100: in 1h avremo 100 L consumando 36 A. Tra l’altro, è il modello più versatile della gamma potendo essere alimentato dalle batterie a 12 24 VDC oppure con inverter a 230 VAC, quindi adatto anche a barche con propulsione ibrida a bassa tensione 400 VAC 50hz.

  2. Grazie Pierfrancesco per l’informazione sul consumo energetico. Peccato che l’articolo non fornisca informazione anche sui costi e sia un po’ più divulgante anche su dimensioni e spazi necessari, collocazione e installazione.
    Chi lo sa magari qualcuno che lo ha installato vorrà raccontare la propria esperienza.

  3. Buongiorno,
    Rispondo a Loredana……

    I costi dei dissalatori per la maggioranza di noi velisti/diportisti sono troppo alti.
    Tieni presente che si parte da circa € 4.500,00 + iva 22% con il tipo da 12 Lt, ed elettronica minimale e il costo aumenta proporzionalmente all’aumento dei litri.
    Montaggio escluso !!!

    Se questi produttori non fanno dei prezzi più bassi che si possano sostenere, rimane sempre un oggetto per ricchi.

    Praticamente costa come un set di vele !!

    Buon vento …..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Swan 55

VIDEO Swan 55 (16m): il bluewater che sa cambiare pelle

Il Cannes Yachting Festival e il Salone Nautico di Genova sono due appuntamenti da non perdere per i cantieri del settore e tutti gli appassionati. La nostra redazione è andata a bordo delle ultime novità, una di queste è il nuovo Swan 55,

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su