Crociera in barca, quando dormire in porto è la scelta giusta

crociera in barca
Dormire in porto è uno degli aspetti della crociera in barca

Nella prima puntata dedicata alla scelta della rada o del porto per la crociera in barca abbiamo parlato degli scenari possibili per la scelta dell’ancoraggio notturno. Adesso andiamo a vedere invece come programmare la sosta in un marina e cosa non deve mai mancare a bordo.

Crociera in barca a vela -dormire in porto

La notte trascorsa in porto cambia le nostre prospettive e prevede una programmazione molto più dettagliata delle soste che faremo durante la crociera in barca. Se viaggiamo ad agosto prevediamo di prenotare il nostro ormeggio anche mesi prima, nelle località più richieste  diventa impossibile prenotare last minute in un marina durante il periodo di alta stagione.

La sosta in porto ha una serie di aspetti positivi, a cominciare dai servizi base che offre un marina turistico. Avremo la possibilità di fare il pieno d’acqua dolce, di carburante e ricaricare le batterie di bordo se ne abbiamo necessità. Tutte cose che in rada vanno invece calcolate in anticipo. Non dovremo poi preoccuparci, salvo in casi particolari, della tenuta dell’ormeggio di notte. Raramente incontreremo della risacca, e comunque avremo la possibilità di scegliere il Marina in base alla sua esposizione alle traversie, scegliendo quelli più sicuri e riparati.

Se abbiamo degli adolescenti a bordo la sosta in porto consentirà loro di scendere a terra e svagarsi, e ai velisti più modaioli di mischiarsi alla movida di una località turistica. Va da se che si tratta, rispetto alla rada, di due stili di vacanza diversi tra loro. Il porto presuppone infatti anche una certa voglia di mondanità, e non solo la ricerca di una vacanza tranquilla.

Crociera in barca – quanto mi costa il porto?

Per questo motivo ritorna il tema centrale del porsi la giusta domanda: che tipo di velista e crocerista sono? Le comodità di un porto hanno però un costo: in alta stagione prepariamoci a pagare una notte in porto come un Hotel di buona qualità. Questo fa lievitare il budget di una vacanza in barca che per il resto ha spese di gestione contenute. Insomma se da un lato il porto ci offre delle opportunità,  dall’altro ci obbliga a rinunciare a una certa libertà di programmazione. Occorre prenotare in tempo, adeguarci ad eventuali orari d’ingresso che ci chiede il Marina (cosa che può capitare n.d.r.) ed essere disposti in alcuni casi a pagare anche 100 euro a notte per un ormeggio. Una questione di scelte, di priorità e di stile di vita in barca.

Crociera in barca a vela – cosa non deve mancare a bordo

Indipendentemente che ci fermeremo in porto o in rada, per entrambe le opzioni ci sono alcuni accessori di bordo che non devono mancare. Il tender è la prima cosa, per la rada è fondamentale, ma anche se abbiamo in programma di dormire in porto potrà essere utile. Per esempio per fare delle escursioni giornaliere mentre lasciamo la barca all’ancora, o direttamente al Marina.  La sua lunghezza va scelta in base alla misura della nostra barca, mentre sul fronte propulsione quella elettrica si sta affermando ormai su larga scala e può essere un’alternativa ai classici fuoribordo.

Dicevamo poi di giochi come il sup o dell’attrezzatura da pesca per trascorrere il tempo in rada. Si tratta di accessori che potranno risultare utili anche oltre la singola sosta in rada, da avere a bordo nell’ottica di trascorrere una vacanza dove vogliamo anche svolgere delle attività stimolanti.

Da non dimenticare poi un’ancora di rispetto oltre a quella principale, possibilmente attrezzata con almeno una decina di metri di catena. Soprattutto per la sosta in rada potrebbe risultare indispensabile nell’eventualità di vento forte che ci imponga di calare in acqua una doppia ancora per evitare eccessive rotazioni sulla principale.

In ultimo forse gli accessori più banali ma da non dimenticare: maschera, pinne e un coltello da sub. Non serviranno solo per andare a fare pesca subacquea o le immersioni, ma anche per controllare il nostro ancoraggio in rada ed essere sicuri che non ci siano incroci pericolosi con i nostri vicini o verificare il rischio di tenuta.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

4 commenti su “Crociera in barca, quando dormire in porto è la scelta giusta”

  1. Qualcuno mi puo` spiegare come si fa a prenotare un berth in una marina di posti come Croazia, o Baleari, in Luglio / Agosto? Alle Baleari non prendono prenotazioni se non di giorno in giorno. La risposta e’ sempre la stessa: chiamare la mattina .. per vedere se c’e` posto. Per i porti statali (Port IB .. website: https://www.portsib.es/ca/paginas/inici), occorre prenotare solo tramite website, che funziona malissimo, e’ praticamente solo scritto in Catalano, la versione Inglese fa schifo, ed e’ piena di bugs … completamente user-unfriendly. Insomma, sono stato due settimane a Mallorca con un 44ft e sono riuscito ad entrare in porto solo due volte.

    In Croatia normally you use the ACI marina app, che e’ ottima e user-friendly, e si prenota con pagamento con arta di credito in anticipo di giorno in giorno. Ci sono stato a Maggio (da Dubrovnik a Trogir) e non ci sono stati mai problemi perche` era in bassa stagione. Penso che a Luglio / Agosto sia molto peggio. Insomma …. il consiglio di prenotare in anticipo almeno per Baleari e Croazia non sembra molto realistico … qualcuno sa dirmi come si fa? c’e` per caso un metodo che non conosco?

  2. Che siate armatori o prenotiate un charter, se scegliete di dormire in porto in alta stagione, la cosa più intelligente è iscriversi a un rally.

  3. Il tender è meglio tenerlo sempre pronto rizzato a poppa, un 3,70 è il minimo sindacale. L’attrezzatura da snorkeling per gli ospiti in genere è a loro facoltà: una scarpetta da scoglio in mesh è perfetta come scarpa da barca e per gli sport acquatici, vi farà risparmiare spazio nella sacca. Una cosa che non deve mancare è lo spare air.
    Passerelle gonfiabili… A meno che non possediate un Racer puro, la passerella c’è già (!) Se proprio, una di dimensioni ampie come la SUPergangway è sempre pagaiabile e fa da piattaforma da bagno o per lavoretti intorno lo scafo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Barcolana 2022

Murphy & Nye veste la Barcolana con capi in edizione limitata

Anche quest’anno, in occasione della 54esima edizione, Murphy&Nye si conferma clothing partner della Barcolana. Il marchio ha realizzato le polo e le sacche che verranno distribuite a tutti gli armatori partecipanti, in più ha sviluppato un’intera capsule collection in edizione limitata

Torna su