Tromba d’aria contro il trimarano di Soldini. Il vento scaglia Maserati a terra

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Tromba d'aria sul trimarano di Soldini
Tromba d’aria sul trimarano di Soldini

Maserati Multi70, il trimarano di Giovanni Soldini è stato colpito da una tromba d’aria mentre si trovava su un invaso in cantiere vicino a Marina di Carrara. Il vento lo ha fatto fatto uscire dai suoi supporti, lasciandolo a terra a diversi metri di distanza. La barca è rimasta colpita in vari punti. Non ci sono ancora informazioni precise sull’entità dei danni subiti dallo scafo del navigatore italiano per cui sarà necessario condurre un’analisi approfondita con il supporto degli ultrasuoni per avere un’idea precisa.

Vale la pena ricordare che quest’imbarcazione sia lunga ben 21 metri.

Tromba d’aria sul trimarano di Soldini

Dopo che la tromba d’aria ha colpito il suo trimarano, Giovanni Soldini ha pubblicato le immagini dell’evento accompagnate da queste parole:

“Una violenta tromba d’aria ha investito questa mattina la zona del nostro cantiere, vicino a Marina di Carrara, provocando enormi danni. Il vento ha sollevato MaseratiMulti70 facendola uscire dall’invaso e l’ha scagliata a terra a metri di distanza. Stiamo ancora verificando l’entità dei danni subiti, domani con una gru rimetteremo la barca sulle selle e inizieremo delle analisi con ultrasuoni per trovare i punti che hanno subito degli urti.

Questi eventi meteorologici così violenti, che causano danni gravissimi, sono collegati alla temperatura elevata dell’acqua del Mediterraneo e sono sempre più frequenti. L’emergenza climatica è sotto gli occhi di tutti, per limitare le conseguenze dobbiamo agire ora.”

È interessante notare come, a prescindere dai danni subiti dalla barca, Soldini abbia voluto porre l’accento anche sugli eventi estremi a cui assistiamo ormai sempre più spesso e che non sono casuali. Non più tardi di un mese avevamo intervistato Riccardo Ravagnan di Meteomed a cui avevamo chiesto informazioni sui fenomeni meteo “estremi” per il 2022 nel Mediterraneo. A questo link trovi il video: METEO ESTATE 2022: arrivano i Medicanes?

Beppe Boniventi

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi