Ü Caban: sei in barca, al primo piano di una casa di Portofino

Da Ü Caban, a Portofino
Da Ü Caban, a Portofino

Cosa ci fa la poppa di una barca appesa al terrazzino al primo piano di una casa Portofinese affacciata sul porto? Si beve e si mangia come in barca! Nella migliore tradizione dei marinai portofinesi. Ci ha pensato Mino Viacava, 71 anni, che è nato nella piazzetta del borgo ligure, a realizzare l’impensabile.

Ha appena aperto “Ü Caban” (in genovese granchio) un locale American Bar dove si beve, si mangia e si acquistano prodotti della sua fattoria sul monte di Portofino “La portofinese”. Sei a terra ma sei anche in barca.

Ü Caban – Portofino

Ü Caban  è aperto dal martedì alla domenica dalle 11 al tramonto e sembra di stare letteralmente in barca. La terrazza è un pozzetto, l’interno è la dinette. L’architetto Giovanna Passadore ha scelto materiali e tessuti di una vera barca, tanto teak, cuscini e tessuti che sembrano usciti (rigorosamente bianco e blu) da un Sangermani degli anni ‘60.

Da Ü Caban, a Portofino
Da Ü Caban, a Portofino

La poppa appesa alla casa tipica ligure che fa da terrazza è invece identica ad una barca da regata odierna, con tanto di nome della barca sulla poppa al centro e il logo Banca Passadore e La Portofinese ai due lati, al posto dei classici loghi dello Yacht Club e del porto d’armamento. Come vuole l’etichetta dello yachting.

Cosa si mangia da Ü Caban

E cosa si mangia da Ü Caban? Quello che si mangiava a bordo dei Leudi liguri, dei maxi gozzi che andavano all’Elba a caricare il vino. Gallette con pomodori sotto sale e origano, acciughe, biscotti dolci, taglieri di salumi e formaggi, limonata e buon vino.

La maggior aprte dei prodotti, che sono anche in vendita, arriva dall’Agricola La Portofinese. Basta salire sul Monte per dieci minuti e arrivi all’Eco Farm, proprio sopra la mitica Cala degli Inglesi. Trovi vigne di Vermentino (2.000 bottiglie anno), uliveto, limoneto, luppoleto, arnie per api (miele di castagno e millefiori). Nell’antico essicatoio poi c’è l’Osteria dei Coppelli, un ristorante per un solo cliente alla volta, da due a un massimo di venti persone alla volta. Un’esperienza su misura, dove la parola esclusiva, abusata, ha qui un vero senso.

www.laportofinese.it


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Millevele

Affonda una barca sotto il temporale durante la Millevele

Lazy, una barca di 8,55 metri, è affondata sotto la pioggia durante la storica veleggiata che si svolge ogni anno nel Mar Ligure, la Millevele. Stamattina, sabato 24 settembre, la pioggia ha travolto la città di Genova e i dintorni. Seguendo

TECNICA Come e dove montare un secondo strallo a bordo

Se con un genoa parzialmente avvolto, con pochi metri quadri di tela esposti, si può sostenere un’andatura portante con 50 nodi di vento, con la stessa vela ridotta non è ipotizzabile bolinare, sia pur con angoli larghi. Occorre dunque armare

Torna su