Giorgio Falck: “Solo chi ha una barca mi può capire”

giorgio falck
Giorgio Falck racconta cosa vuole dire perdere una barca sul numero di aprile 1976 del Giornale della Vela

Il Guia III nel 1976 affonda colpito da un’orca assassina in oceano, mentre era impegnato nel Triangolo Atlantico. L’armatore Giorgio Falck (1938-2004), che non è a bordo, sul numero di aprile del Giornale della Vela del 1976 racconta cosa si prova quando si perde una barca di cui, più che proprietario, si sentiva amante.

Giorgio Falck: “Solo chi possiede una barca può capire”

“This in captain Norman speaking… L’equipaggio sta bene, ma la barca è affondata…L’effetto istantaneo è stato quello del mondo che si rovescia,

come mi era successo, fisicamente, da piccolo, quando ero caduto da cavallo. Solo chi possiede una barca può capire. Può capire l’affetto… no, il cumulo di affetti che contiene una barca: l’orologio al quarzo “garantito due secondi al mese”, regalo di mio zio e compagno ai tanti stop durante il giro del mondo; il sestante col quale avevo fatto i primi punti, esitante, nel ’71; la coperta blu sulla quale una mano gentile aveva ricamato “riservata a Giorgio”.

E quel meraviglioso scafo liscio e sottile come un gioiello che Gigi e io avevamo strappato alla distruzione totale sulla spiaggia di Baratti: era stata questione di ore, alle quattro la barca era depositata sul tombolo e alle sei si abbatteva sulla spiaggia una mareggiata forza nove…Ma tutto era contenuto in quel maledetto monosillabo: sunk.

”Mi chiamo Vincenzoni, sono amico di suo cognato, telefono da Los Angeles. Da tre anni studio le orche, ci sto scrivendo un libro”. “Dica, dica”. “È un animale terribile e affascinante: una volta in Nuova Zelanda un peschereccio ha ferito una femmina con l’elica. Il maschio ha affondato il peschereccio, fasciame da settanta millimetri (il Guia ce l’ha di 35 mm). Un mese dopo, nello stesso posto, un equipaggio di sei persone è stato ucciso dalla bestia inferocita”.

Lo so, caro signor Vincenzoni, che i mostri marini sono di gran moda… Ma io, vede, mi interesso di barche e non di orche, animale odioso fra tutti. Mi interesso di regate e non di violenza. Cose disgiunte. Almeno così pensavo. E maledico chi diceva: “II Guia è una barca eccezionale che non vince, è sfortunata”.”


Centinaia di articoli come questo ti aspettano nell’archivio storico digitale del Giornale della Vela!

Ti è piaciuta la storia di Giorgio Falck e del Guia III? Clicca sulla copertina qui sotto per sfogliare la versione integrale dell’articolo pubblicato sul numero di aprile del 1976 del GdV.

1976 Anno 2 n. 3 aprile pag. 3-5 + n. 4 maggio p. 40-43

Un piccolissimo assaggio del regalo che ti facciamo se ti abboni al Giornale della Vela. Perché da oggi, gli abbonati possono accedere gratuitamente all’archivio storico digitale della nostra rivista e sfogliare centinaia e centinaia tra i migliori articoli mai apparsi sulle pagine del Giornale della Vela.

ABBONATI SUBITO AL GIORNALE DELLA VELA!

Consultabili quando vuoi, solo per te, archiviati per numero del GdV e anno di pubblicazione, navigabili facilmente in stile “Netflix”. Visibili da smartphone, pc, tablet. E c’è di più. Altri articoli si aggiungeranno presto perché il nostro archivio digitale è in continuo aggiornamento!

Centinaia di articoli in formato pdf sfogliabile, divisi per anni, ti aspettano se entri nell’archivio storico digitale del Giornale della Vela

Abbonati e sfoglia la storia della vela

Approfittare di questo regalo è semplicissimo.

Buona navigazione nella Storia della Vela!

ABBONATI SUBITO AL GIORNALE DELLA VELA!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

Omicidio nautico, presto il reato sarà legge. Il Senato ha approvato nella seduta n.34 del 31 Gennaio 2023, quasi all’unanimità, la procedura abbreviata per l’approvazione del disegno di legge atto a introdurre il reato di omicidio nautico. Ecco di cosa

Sergio Testa

Quest’uomo ha girato il mondo su una barca di 3 metri e mezzo

Nel 1985 fa Sergio Testa partì dall’Australia con una barca di tre metri mezzo, costruita con le sue mani plasmando centinaia di chili d’alluminio, per una delle più incredibili imprese dimenticate della storia della vela. L’impresa dimenticata di Sergio Testa

Torna su