In crociera proviamo la pesca a traina per procuraci la cena

Le vacanze estive sono alche il momento per tirare fuori la nostra attrezzatura da pesca a traina e tentare la fortuna, magari durante il trasferimento da una meta all’altra della nostra crociera. Con che tecnica possiamo insidiare dei pesci con cui gustarci una cena deliziosa in rada? Il metodo più semplice in assoluto è la pesca a traina. Questa si fa con la barca in movimento, ed è quindi perfetta per la crociera dato che non ci costringerà ad alcun cambio di programma ma potremo seguire la nostra rotta e contemporaneamente pescare.

La pesca a traina

Si effettua a velocità dai 4-5 nodi a salire, ma anche sopra i 7 alcuni pesci possono essere perfettamente in grado di seguire le nostre esche artificiali. Useremo queste, ovvero imitazioni di cefalopodi o piccoli pesci, per insidiare le nostre prede. in estate i pesci tipici della traina possono essere tonnetti, sgombri, lampughe, ricciole, occhiate, lecce stella e tanti altri pesci che popolano il sottocosta nella stagione calda.

Pesca a traina – la tecnica

Sarà sufficiente filare verso poppa alcune decine di metri di lenza, circa 30-40, per essere in pesca. Gli artificiali dovranno lavorare poco oltre, o al limite, della scia della barca. Spesso in estate i predatori come piccoli tonni, lampughe e simili, sono incuriositi dalla sagoma della barca e dalla sua ombra. Non di rado la seguiranno, per questo motivo le esche non vanno calate troppo lontane dalla nostra scia. Una volta calata la lenza potremo riporre la canna da pesca in un apposito porta canna e tarare la frizione del mulinello in modo che ci segnali un eventuale abboccata. nel frattempo potremo dedicarci alla navigazione o al relax.

Pesca a traina – attrezzatura ed esche

Per la trina estiva si usano artificiali che di solito non superano i 10 cm di lunghezza. Minnow, esche siliconiche, cucchiaini o jig metallici, sono tante le soluzioni che troveremo nel nostro negozio di fiducia. La canna da traina per questa stagione dovrà essere leggera come azione, il mulinello potrà essere anche a bobina classica verticale di taglia non superiore ai 5000. Per il filo in bobina potremo utilizzare una treccia dello 0,20, terminale un fluoro carbon 0,40 collegato tramite microgirella o, meglio, solo con un nodo tra treccia e nylon (o fluorocarbon).


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “In crociera proviamo la pesca a traina per procuraci la cena”

  1. L’attrezzatura descritta va bene per la traina costiera (brevi spostamenti o circumnavigazione di isole) sulla batimetrica dei 20 m… Se invece parliamo di pelagici, quindi sempre traina di ALTURA tra i 5-8 kt di velocità, meglio due canne da 30 libbre montate laterali e restare sul nylon. Fileremo un rapala a 30-40 m e un kona a 70 m dalla poppa, con la frizione tarata a metà carico di rottura. All’abboccata dovremo essere lesti a dare motore randa in bando e riavvolgere il fiocco e manovrare per impedire alla preda di andare sotto la barca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Ice 62 Targa (17m), la sportiva che si veste da blue water

Al Cannes Yachting Festival erano numerose le anteprime mondiali lanciate dai cantieri del settore vela. A rispondere presente all’appello delle novità è stato anche Ice Yachts, che ha lanciato un aggiornamento del suo 62 piedi, ovvero l’Ice 62 Targa, un

Torna su