Imoca 60, arrivano i mostri! Ecco come saranno le nuove barche

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

La classe Imoca 60 si prepara ad affrontare il Vendée Globe 2024 e sono tanti i vari che si stanno susseguendo, settimana dopo settimana, soprattutto a Lorient.

In acqua, tra i nuovi Imoca 60 varati da poco, ci sono la nuova PRB di Kevin Escoffier , poi in rapida successione sono arrivati VandB di Maxime Sorel, Charal 2 di Jérémie Beyou, Malizia Sea Explorer di Boris Hermann, nonché la nuova Initiative Coeur di Samantah Davies. I vari dei nuovi Imoca 60 non sono finiti qui, in arrivo c’è anche l’attesissima Apivia 2 di Charlie Dalin, attualmente forse lo skipper più forte della flotta.

Imoca 60 – le nuove tendenze progettuali

L’Imoca 60 Initiative Coeur con i suoi foil a C

I nuovi Imoca, chi più, chi meno, mostrano dei foil letteralmente enormi. Tuttavia, grandezza a parte, si notano delle differenze. Se molti skipper hanno scelto foil a L dall’angolo morbido, l’inglese Samantah Davies ha puntato su un’opzione diversa, almeno in questa fase.

Initiative Coeur mostra infatti dei foil a C, o comunque non propriamente a L, che ricordano quelli dell’ultima Hugo boss. Il perché di questa scelta potrebbe risiedere nella possibilità di ritrarre le appendici in condizioni meteo molto difficili.

I foil a L dell’Imoca 60 SeaExplorer

Scelte diverse invece per gli altri Imoca 60, che mostrano dei foil a L, con spigolo morbido, ma c’è da vedere se in futuro non verranno fatte scelte diverse. I foil a L però non possono essere ritirati completamente in caso di maltempo. Offrono però più spinta verticale e raddrizzamento.

Imoca 60 – una questione di prue

Prua molto alta sull’acqua per Charal 2

Dove sembra esserci la novità più grande è a prua. Quasi tutti hanno sposato la “tendenza Manuard”, che si era vista allo scorso Vendée Globe con la vecchia Occitaine (adesso di Louis Burton). La curva immersa dello scafo non è quasi completamente piatta come in passato, ma si arrotonda e risale verso prua. Le nuove prue degli Imoca 60 sono veramente alte sull’acqua, almeno in certe andature. Se questo di bolina farà diminuire le performance, che con meno lunghezza al galleggiamento vengono penalizzate in certe condizioni, in poppa da un vantaggio.

Il tallone d’Achille dei vecchi Imoca 60 erano le ingavonate di prua. Le barche passavano da 25-30 nodi a 10, con rischi enormi per l’attrezzatura e l’albero. Con la prua alta queste brusche frenate saranno più rare, la barca tenderà a non immergere il “naso” o a farlo meno. La scelta sembra essere simile quasi su tutte le nuove barche, meno evidente su quella di Maxime Sorel e su PRB, ma comunque la tendenza è netta.

L’esordio dei nuovi Imoca 60 sarà alla Route du Rhum che partirà il 6 novembre da Saint Malo, anche se in questa prima regata è possibile che i nuovi progetti saranno ancora in fase di rodaggio e non al massimo del loro potenziale.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Roma per Tutti, per Due: vince Neomind, naufraga un Mini 650

Va in archivio un’edizione molto partecipata, e movimentata, delle classica Rome per Tutti, Per Due, per Uno, la regata offshore di 540 miglia con partenza e arrivo a Riva di Traiano, dopo avere circumnavigato l’isola di Lipari nell’arcipelago delle Eolie.

Registrati



Accedi