Scopri l’eremita delle Eolie, lo trovi in una spiaggia di Lipari

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

eremita delle eolie
Attilio, detto Attila, l’eremita delle Eolie (in alto a sinistra). In alto a destra una foto del suo rifugio e sotto una veduta di Valle Muria, una delle più belle spiagge di Lipari dove lo potete incontrare.

E’ un controsenso ma gli eremiti delle isole del Tirreno sono diventate un’attrazione per i vacanzieri da barca. Quello più famoso lo scorso anno ha mollato il colpo. Mauro Morandi, l’eremita che viveva sulla spiaggia di Budelli nell’arcipelago della Maddalena in Sardegna, dopo 32 anni ha lasciato la famosa spiaggia Rosa di Budelli, a ottant’anni, per trovare rifugio in una casa di muratura sull’isola della Maddalena.

L’eremita delle Eolie

Ne è rimasto uno solo di eremita delle Isole del Tirreno, altrettanto famoso. E se siete in vacanza alle isole Eolie vi conviene conoscerlo. Attila, l’eremita delle Eolie.

Chi è Attila l’eremita delle Eolie

Si chiama Attilio (ma tutti lo chiamano Attila), 59 anni, vive solo tutto l’anno, da 22 anni, a Valle Muria, una delle più belle spiagge delle Eolie. Valle Muria si trova sulla costa sud occidentale di Lipari, protetta da due promontori con una bella spiaggia scura.

Gallery – Le foto della “casa” dell’eremita delle Eolie

Qui Attila, proprio sulla spiaggia di Valle Muria a Lipari, ha costruito casa e arredi, officina e orto, ha tempestato i muri di versi di poeti e frasi sue. La moglie e il suo cane non ci sono più, i figli vivono lontano. E’ un eremita ma non vive fuori dal mondo.

Ha i pannelli solari che gli danno energia, ha una radio che lo tiene attaccato al mondo. E’ un ottimo pescatore e se gli siete simpatici vi offre il pranzo. In cambio non chiede nulla, ma se gli offrite tabacco per la pipa o sigari, birra e buon cibo di certo non lo disdegna.

I racconti dell’eremita delle Eolie

Se gli va, vi racconta ipnotiche storie (vere o non, non importa). Come quando nel 2005 rifiutò di dar da mangiare il suo pesce alla griglia a Michael Douglas e a sua moglie Catherine Zeta Jones.

Attila riassume così la sua vita avventurosa: “Conobbi una svedese in vacanza a Lipari dove sono nato e vivevo. Ci innamorammo, nascono due figli. Ma la mia vita selvaggia, che l’aveva fatta innamorare, alla lunga non faceva per lei.

Una notte, mentre ero fuori a pescare, lei si imbarcò su una nave insieme ai bambini. La cercai a lungo in Svezia, ma invano. Ritrovai i miei figli solo molti anni più tardi, quando la loro madre morì di cancro. I miei ragazzi, biondissimi e con gli occhi azzurri, si presentarono a Lipari, curiosi di conoscere il loro padre. Loro sanno dove trovarmi, sulla mia spiaggia di Valle Muria, a Lipari. La mia terra, per sempre”.

L.O.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

4 commenti su “Scopri l’eremita delle Eolie, lo trovi in una spiaggia di Lipari”

  1. Un’altra costruzione in cemento, abusiva, sulle rive del ns mare, nel cuore di un arcipelago fantastico.
    Tanto eremita non è visto che tutti lo vanno a tro are e vista la pubb sui global…..

    1. E un eremita fatto e finito vive da solo le visite non contano e la casa le spetta di diritto perché porta turismo al paese infatti c’è anche su YouTube e porta economia al paese

    2. Di certo tutto è, tranne che una costruzione di cemento che deturpa l’ambiente!
      Un rifugio costruito di sassi e materiale recuperato in mare o sulle spiagge, perfettamente mimetizzato con l’ambiente, tanto che guardando la spiaggia, a stento capisci che c’è una costruzione
      Attila dopo 22 anni trascorsi su questa spiaggia, si è di certo conquistato il diritto di vivere lì! A tutti i naviganti di passaggio, rendetegli omaggio 👍🏻

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Aree marine protette Tremiti

Aree Marine Protette 2024 in Italia: dove sono e come funzionano

Lungo le coste italiane ci sono tesori spesso inaccessibili ai diportisti, le Aree Marine Protette. Gestite diversamente diventerebbero un patrimonio inestimabile da sfruttare per il turismo nautico, preservando l’ambiente. Vi abbiamo già raccontato nella nostra inchiesta qual è la reale

Fastnet 1979

Fastnet 1979: 45 anni fa la più grande tragedia della vela

Fastnet 1979. Venti barche affondate, 19 morti, 4.000 soccorritori all’opera. Ripercorriamo, 45 anni dopo, la storia della terribile regata d’altura con la testimonianza di chi si ritrovò a lottare nella tempesta del Mare d’Irlanda: Riccardo Bonadeo. Fastnet 1979. Una tragedia

Torna su

Registrati



Accedi