Leopard catamarans: quando il comfort, su due scafi, arriva dal Sud Africa

Il Leopard 42

Per chi ama i catamarani da crociera di alta fascia, con comfort di lusso, il nome Leopard Catamrans sarà certamente famigliare. Questi catamarani nascono nei cantieri sudafricani Robertson & Caine e portano la firma degli architetti Simonis & Voogd. Nel nostro paese vengono importati dalla società Sail Italia, la prima a puntare sulle qualità costruttive e di navigazione di questi cat.

Leopard Catamarans – la gamma

Leopard 50
Il Leopard 50 ha ispirato i nuovi modelli della gamma

Il cantiere Leopard Catamarans conta oggi nella sua gamma tre modelli: il Leopard 42, il 45 e il 50. Tre scafi accumunati da un family feeling ben preciso, che prevede un ampio fly bridge con postazione di comando e zona living esterna, con un pozzetto principale riparato. Tre sono anche i modelli a motre che sta sviliuppando Leopard Catamarans, ovvero il 40, il 46 e il 53. Il 40 a motore sarà la novità per il 2023, mentre sul fronte a vela la novità in arrivo si inserirà tra i 55 e i 60 piedi.

Leopard Catamarans 42 – un grande successo

Eletto Multihull of the Year nel 2022 al Salone de La Grande Motte dedicato ai multiscafi, il Leopard 42 (lungo 12,67 e largo 7,04) è un catamarano da crociera moderno. Lo stile degli esterni è un’evoluzione del Leopard 50, una pietra miliare nella produzione Leopard Catamarans a tal punto da ispirare anche i modelli a motore. Il 42 a vela presenta finestre laterali continue lungo lo scafo, un hardtop rigido e quella che è diventata a tutti gli effetti un’area lounge superiore.

Leopard Catamarans – parla l’esperto

Abbiamo chiesto una “fotografia” della gamma a Mimmo Longobardo di SailItalia, che ha deciso ormai da tempo di scommettere sui catamarani del cantiere sudafricano.

La caratteristica dei Leopard Catamarans è quella di essere delle barche marine. Pensate che in passato spesso alla base SailItalia arrivavano via mare navigando in Oceano, e ci venivano consegnate barche in condizioni impeccabili nonostante navigazioni impegnative. Nella nostra flotta abbiamo praticamente tutti i modelli a vela con un’esposizione permanente del 42, 45 e 50. Come novità in arrivo c’è un nuovo modello che sarà tra i 55 e i 60 piedi e sostituirà il vecchio 58 che è andato fuori produzione. Per quanto riguarda i Leopard a motore avremo il Leopard Power 46 che verrà presentato a Genova, mentre per il 2023 arriverà anche il Leopard 40. Poi abbiamo anche il 53 a motore, evoluzione del 50 a vela, che è stata la barca di maggior successo di Leopard. Tutte barche marinef e ben costruite fatte per navigare” ci ha raccontato Longobardo. 

www.sailitalia.it

www.leopardcatamarans.com 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Leopard catamarans: quando il comfort, su due scafi, arriva dal Sud Africa”

  1. Fabio Oriente

    Dissento pienamente, marinita’ zero, torri sull’acqua, molto pericolosi con baricentro altissimo,resistenza strutturale nulla, dopo una navigazione in oceano se non sai bene le regole della fisica degli elementi in gioco , nei punti di giunzione ,avviene una delimitazione strutturale importante,
    Vanno bene per il diporto e basta, vi prego basta bugie
    Ne ho portati in giro per il mondo diversi e diverse misure, sono il contrario della sicurezza, poi per il Charter vengono appesantiti in maniera eccessiva, il che contribuisce a farli delaminare precocemente nei punti di Flessione,cambiando notevolmente il comportamento di progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Millevele

Affonda una barca sotto il temporale durante la Millevele

Lazy, una barca di 8,55 metri, è affondata sotto la pioggia durante la storica veleggiata che si svolge ogni anno nel Mar Ligure, la Millevele. Stamattina, sabato 24 settembre, la pioggia ha travolto la città di Genova e i dintorni. Seguendo

TECNICA Come e dove montare un secondo strallo a bordo

Se con un genoa parzialmente avvolto, con pochi metri quadri di tela esposti, si può sostenere un’andatura portante con 50 nodi di vento, con la stessa vela ridotta non è ipotizzabile bolinare, sia pur con angoli larghi. Occorre dunque armare

Torna su