VELA Cup / Round The Lido: a Venezia 70 barche felici di andar per mare!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

La grande festa della vela è andata in scena a Venezia. La prima edizione della TAG Heuer VELA Cup / Round the Lido Race (a cui era abbinata anche la Elan Cup, riservata alle barche del cantiere sloveno) ha visto in acqua quasi 70 barche di ogni tipologia. Al suo debutto, la veleggiata è la seconda manifestazione velica più “affollata” di Venezia (dopo la Veleziana). Foto di Simon Palfrader

La VELA Cup Round the Lido è davvero per tutti

Il primo ingrediente del successo della veleggiata organizzata dalla Compagnia della Vela di Venezia in collaborazione con il Giornale della Vela, terza tappa del circuito di veleggiate VELA Cup, è proprio il mix di barche ed equipaggi che vi hanno partecipato. 

Barche da crociera con equipaggio famigliare e bambini, da regata, daysailer, classiche e d’epoca. Dai Laser SB20 con tanto di cani imbarcati ai Grand Soleil 45. Dagli Elan Impression 50.1 (arrivati fin dalla Slovenia per la Elan Cup) agli scafi d’epoca come la bellissima classe A Sasa II del cantiere Cozzani di La Spezia. Dai Melges 24 e 32 al particolarissimo RR28 Aura Maris il cui equipaggio, da Caorle, si è fatto più di trenta miglia sotto al solleone per arrivare in tempo alla partenza Parola d’ordine, innanzitutto, divertirsi. E’ questo, da sempre, lo spirito della VELA Cup.

Location top, condizioni perfette

Il secondo, la location. Venezia è sempre Venezia, un luogo che tutto il mondo ci invidia. Navigare tra i canali e in 2.000 anni di storia non ha prezzo. Come non ha prezzo costeggiare le isole della Laguna e arrivare con il campanile di Piazza San Marco a farti da sfondo.

Il terzo ingrediente sono state le condizioni meteo. Un po’ caldo forse, ma alla fine tutti gli equipaggi sono riusciti a completare il percorso di 18 miglia, complice uno scirocchetto da 132° che, per la prima parte di percorso, al largo del Lido di Venezia, ha soffiato intorno ai 7-9 nodi di intensità.

Dopo la partenza, le barche hanno bolinato per un breve tratto per poi girare la boa di disimpegno e affrontare una lungo traverso/lasco lungo la costa del Lido. Di fronte all’imboccatura del porto di Malamocco le barche hanno raggiunto il primo check-point, dove sono stati presi i tempi di arrivo.

Un breve tratto per entrare in laguna non valevole ai fini della classifica e poi via, di nuovo in regata attraversando il checkpoint degli Alberoni. E qui il gioco si è fatto ancora più divertente, in laguna, a caccia del refolo giusto tra le bricole, con gennaker o a vele bianche.

VELA Cup Round The Lido – I vincitori in tempo reale

Alle 14.45 il Melges 32El Moro Vita Mia” di Max Cecotto ha tagliato per prima il traguardo posto davanti all’isola di San Giorgio, dopo circa due ore di veleggiata. Alle sue spalle il Farr 40 Farraway di Giulio Bicego e al terzo posto in reale l’X-35 HectorX di Massimo Filippi.

Tra gli Elan, il primo posto in tempo reale è andato all’Elan 40 Orsetta 3 di Stefano Tosato.

Il bello deve ancora venire

Ma questi sono solo i primi in tempo reale. Tutte le classifiche e i vincitori saranno svelati nel corso della premiazione alla Compagnia della Vela di Venezia (e successivamente pubblicati sul nostro sito) questa sera: oltre a cibo, bevande e musica ci sono ricchi premi per tutti a estrazione, tra cui un prezioso cronografo TAG Heuer Aquaracer, un satellitare Garmin InReach, un paio di guanti da vela Plastimo, un multiuso Leatherman, un mezzo marinaio avvolgibile Revolve messo in palio da Seably, un sup gonfiabile Yellow offerto da Vetus.

Ma non è finita qui: vengono premiati i primi di ogni classe nelle categorie Crociera (vele bianche ovvero senza gennaker/spi) e Regata (con spi/gennaker) con preziosi piatti serigrafati. 

Grazie a una formula segreta la Giuria della TAG Heuer VELA Cup elabora anche una classifica in tempo compensato tra tutte le barche partecipanti, in tempo compensato. Viene premiata insomma la barca che ha ottenuto la migliore performance, indipendentemente dalle dimensioni. La prima barca che taglia il traguardo della TAG Heuer VELA Cup vince in premio l’antivegetativa Speedy Carbonium e il primer Adherpox, offerti da Veneziani Yachting.

Per gli armatori della Elan Cup, poi, ci sono altri premi. Giacche da barca gridate, bag e un paio di sci, ovviamente Elan!

Presto classifiche complete e foto della TAG Heuer VELA Cup / Round the Lido, di cui in calce trovate un’anteprima.

Stay tuned!

Un assaggio delle foto della TAG Heuer VELA Cup / Round The Lido Race (credit Simon Palfrader)

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi