Swan 55, il nuovo blue water (17m) comodo in crociera e veloce in regata

swan 55 navigazione
Il nuovo Swan 55 ha una lunghezza fuoritutto di 17,75 m (16,60 lunghezza scafo) e una larghezza di 5,00 m. Nella foto, la versione Standard con delfiniera

Il nuovo Swan 55 (17,75 x 5,00 m), che vedremo per la prima volta a Cannes (6-11 settembre) e che sostituisce lo Swan 54, arriva sul mercato con l’ambizioso obiettivo di condensare tutta l’esperienza di Nautor in questa fascia di mercato.

Una barca bluewater “multiuso”, in grado di fornire il massimo comfort in crociera e prestazioni quando si vuole andare più forte. Il tutto racchiuso in un oggetto elegante (garantito dal design di German Frers) dalla assoluta qualità costruttiva che ha sempre caratterizzato gli Swan.

Lo Swan 55 dà il meglio di sé quando naviga leggermente sbandato, come leggerete e ha una coperta ricca di soluzioni interessanti. Gli interni, progettati dall’architetto genovese Misa Poggi, sono studiati per massimizzare la comodità, soprattutto per chi vive a bordo per lunghi periodi.

Swan 55 – Comfort e prestazioni

Esperienza, dicevamo. Nel segmento “55 piedi” il cantiere finlandese (a conduzione italiana) ne ha da vendere. Il nuovo Swan 55 rappresenta oltre 50 anni di evoluzione dal primo Swan 55 progettato da Sparkman e Stephens nel 1970. Un modello leggendario che ha aperto la strada allo Swan 57 lanciato nel 1977. Poi allo Swan 53 progettato da Germàn Frers, poi seguito dallo Swan 56 nel 1997 e dallo Swan 53 nel 2005.

Swan 55 Sparkman & Stephens
Lo Swan 55 del 1970 di Sparkman & Stephens

Swan 55 – Progetto

Chi può parlare meglio del design del nuovo Swan 55 se non il suo progettista? Ecco cosa racconta German Frers: “Lo Swan 55 rappresenta una nuova generazione di design dello scafo, sviluppato negli ultimi due anni con l’aiuto degli strumenti oggi disponibili per studiare il comportamento della carena in tutte le condizioni di navigazione.

Swan 55
Il nuovo Swan 55 dà il meglio di se quando naviga leggermente sbandato

Si tratta di scafi con una parte poppiera “potente” che raggiungono la massima lunghezza di navigazione e una bassa resistenza in fase di sbandamento, con il più basso rapporto dislocamento/lunghezza possibile. In più forniscono un eccellente equilibrio nei vari range di angoli di sbandamento, in combinazione con il collaudato sistema a doppia pala del timone”.

Prosegue Frers: “Nel progettare le sezioni di prua, ben arrotondate trasversalmente e con un angolo d’entrata acuto, abbiamo privilegiato la facilità di conduzione quando si è sbandati. Il dislocamento dello scafo (22.450 kg quello leggero) è il risultato di uno studio approfondito del peso e della posizione delle attrezzature di bordo.

Le barche come lo Swan 55 devono trasportare una discreta quantità di attrezzature per il comfort delle persone che vivono e si godono la vita a bordo.

swan 55 navigazione 2

Tuttavia, garantisce Frers, “la velocità sarà molto buona. Una barca piacevole da navigare, sia facile da gestire e da navigare nella versione standard, sia da “far correre” nella versione con assetto da performance, che prevede una randa square top e un bompresso (al posto della delfiniera integrata che funge anche da musone dell’ancora) per vele tipo Code Zero e asimmetrici“.

Swan 55 – Chiglia

Sotto la carena, sono ben quattro le opzioni di chiglia tra cui è possibile scegliere: c’è la versione standard, con pescaggio di 2,50 m (nella quale si concentra, a livello di zavorra, un terzo del peso della barca: 7.530 kg), e quella “shoal”, corta, che pesca 2,10 m. Nella versione “performance”, c’è la possibilità di averla di 3,40 m (questo garantisce ottime prestazioni di bolina) e, infine, c’è quella telescopica che permette di variare il pescaggio da 2,85 a 2 m (perfetta in acque basse e per la navigazione alle portanti).

Swan 55 – Esterni

Gli Swan sono sempre stati progettati tenendo in grande considerazione la coperta e la sua organizzazione e lo Swan 55 non fa eccezione, con aree ben separate per la gestione della barca durante la navigazione e per vivere comodamente in tutte le situazioni possibili, che si tratti di prendere il sole, pranzare o fare un bagno.

La grande piattaforma a poppa dello Swan 55. Una “spiaggia” da bagno che, richiusa, delimita il garage per il tender

Il nuovo Swan 55 apporta alcune innovazioni che migliorano ulteriormente la vivibilità nelle aree del pozzetto e dello specchio di poppa, come i tavoli “transformer” o la piattaforma da bagno extralong, una novità esclusiva per uno yacht di queste dimensioni, che aumenta la vivibilità della zona poppiera, dando vita a una vera e propria zona spiaggia di derivazione dal mondo dei superyacht.

swan 55 pozzetto
Il pozzetto dello Swan 55

Sullo Swan 55 la navigazione “rilassata” è facilitata da cinque winch altrettanto specifici, tutti elettrici di serie, posizionati in modo da consentire a un solo membro dell’equipaggio di gestire la barca da solo. I lati della tuga che proseguono nei paramare che proteggono le panche si traduce in un’area di pozzetto molto ampia, dove i tavoli gemelli “transformer” offrono una varietà di configurazioni, dal pranzo ai bagni di sole alla posizione “pouf”.

swan 55 coperta

Davanti all’albero, un’ampia zona prendisole integrata nella parte prodiera della tuga offre la forma giusta per il carrello dell’autovirante, progettato per la trinchetta ma adatto anche al fiocco. Più a prua, un profondo gavone è dedicato allo stoccaggio delle vele.

Swan 55 – Interni

Gli interni dello Swan 55, la cui luminosità è garantita dalle numerose finestrature, sono stati progettati per garantire massimo comfort per lunghi periodi, sia quando si naviga che quando si sta alla fonda.

Swan 55 quadrato
Swan 55 – Il quadrato

A livello di disposizione delle cabine, la versione standard ha due cabine doppie matrimoniali (l’armatoriale a prua e la seconda tra l’armatoriale e il quadrato, sulla sinistra) e una cabina con letti “twin” (ideale per ospiti e per i bambini) situata a poppa, a dritta: tutte hanno un bagno e un box doccia dedicato. C’è anche la possibilità di avere l’armatoriale a poppa e quella “twin” a prua con letti a V.

Swan 55
Swan 55 – Il layout standard

Nel quadrato, a sinistra, trova spazio l’ampia cucina, che segue gli ultimi layout dello Swan 48 e dello Swan 58 e offre servizi di tipo domestico, tra cui elettrodomestici di alto livello, e generosi spazi di stivaggio. L’organizzazione degli spazi consente di ricavare una cabina di servizio aggiuntiva dedicata allo stivaggio, oppure di trasformarla in una cabina equipaggio.

swan 55 quadrato 2

Il saloon è dotato di un divano a C con tavolo centrale a sinistra, mentre la zona di tribordo, compreso il tavolo da carteggio, può essere configurata in tre diversi layout. La disposizione delle cabine offre numerose opzioni di configurazione, per soddisfare le esigenze dei diversi armatori e consentire un’adeguata personalizzazione dello barca.

Swan 55 – Interior design

Ecco cosa racconta Misa Poggi, interior designer dello Swan 55: “Il design degli interni si sposa con i materiali. Quelli scelti per lo Swan 55 sono stati selezionati per essere in linea con la vita di bordo e rispecchiare un perfetto stile di vita casalingo… pratico, piacevole, confortevole e durevole. Quattro elementi essenziali che devono coesistere in mare.

swan 55
Swan 55, la cabina armatoriale a prua nella versione standard

I vari “mood” di finiture e colori, che consentono una personalizzazione degli interni, “sono stati studiati per rispondere ai gusti di diverse tipologie di clienti, dai più classici ai più “stravaganti”, ma sempre mantenendo lo stile e lo standard elegante di uno Swan. Per le finiture interne delle paratie viene proposto, tra le altre opzioni, lo stile wainscot come omaggio alla storica tradizione marinara… ovviamente nel rispetto della sicurezza e della praticità Swan“.

Per quanto riguarda lo stile e le finiture, il nuovo Swan 55 presenta quattro diversi mood: Swan Soul che incarna il tipico ambiente Swan, Scandi Vision per un’atmosfera più leggera e nordica, Blue Genoa che rende omaggio ai colori dell’oceano e alla tradizione marinara e lo speciale Velvet Vibe, caldo e colorato come un tramonto mediterraneo.

Swan 55
Swan 55. Il layout con le opzioni

Swan 55 – Scheda tecnica

Lunghezza fuori tutto 17,75 m
Lunghezza scafo 16,60 m
Lunghezza al galleggiamento 15,78 m
Baglio massimo 5,00 m
Pescaggio chiglia standard 2,50 m
Pescaggio chiglia corta 2,10 m
Pescaggio chiglia lunga 3,40 m
Pescaggio chiglia telescopica 2,00/2,85 m
Dislocamento leggero 22.450 kg
Zavorra (chiglia standard) 7.530 kg
Motorizzazione standard Yanmar 81 CV
Superficie velica randa 95,11 mq
Superficie velica fiocco 80,15 mq
Superficie velica Gennaker 275 mq
Capacità gasolio 800 l
Capacità acqua dolce 600 l
Progetto German Frers
Costruzione Nautor’s Swan
Interior design Misa Poggi


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Swan 55

VIDEO Swan 55 (16m): il bluewater che sa cambiare pelle

Il Cannes Yachting Festival e il Salone Nautico di Genova sono due appuntamenti da non perdere per i cantieri del settore e tutti gli appassionati. La nostra redazione è andata a bordo delle ultime novità, una di queste è il nuovo Swan 55,

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su