Advanced A66S (20 m), il semi-custom italiano che migliora come la Porsche 911

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Advanced A66S
Il nuovo Advanced A66 è lungo 20,46 m e largo 5,40 m. Pesa 26 t per una superficie velica di 225 mq.

Si può migliorare una barca che, a detta degli esperti, è perfetta come l’Advanced A66? La risposta è si, si può. Il nuovo Advanced A66S (20,46 x 5,40 m) ha aggiunto una S alla sigla e decine di migliorie a questa barca, vero simbolo del “made in Italy”. Il paragone è con la Porsche 911, che da decenni viene continua migliorata ma rimane sempre se stessa. Il concetto applicato da Advanced è lo stesso: migliorare senza stravolgere.

Advanced A66S

Advanced A66S – Le novità

Il nuovo Advanced A66S, da poco in acqua, si è evoluto con il medesimo sviluppo della Porsche 911, sembra la stessa barca ma moltissimo cambia, mano a mano che tecnologia e design si evolvono. L’operazione è stata coordinata da un dream team, lo stesso che aveva fatto nascere il primo A66.

Advanced A66S

Lo scafo e il piano velico sono opera dello studio di progettazione statunitense Reichel-Pugh, famosi per l’equilibrio delle loro barche sotto vela e per le prestazioni al top.

Il design della coperta e degli interni sono opera delle archistar milanesi Nauta Yachts. I due boss, Mario Pedol e Massimo Gino, hanno raffinato ed evoluto il design dell’A 66S. Il pezzo forte di questa barca di 20 metri resta l’armoniosa tuga che nel tempo è stata copiata da molti, ma resta unica.

Advanced A66S

Advanced A66S – Esterni

Vi basta guardare le foto per rendervi conto di come il duo italiano sia riuscito a realizzare una tuga “raised saloon” con finestrature e altezza che permettono di avere sottocoperta un salone con vista mare rialzato, senza appesantire il design esterno che di solito ne soffre. Ma non in questo caso.

Advanced A66S

Unici e copiatissimi sono i paramare raccordati che proteggono il pozzetto, perfettamente inseriti nel disegno della tuga corta, che termina a poppavia dell’albero. Così si libera spazio a prua totalmente sgombro, perfetto per un uso sia in navigazione, sia in rada.

Il nuovo Advanced A66S ovviamente è stato dotato di una lunga delfiniera che permette di spostare in vanti la discesa dell’ancora e di avanzare l’attacco delle vele da vento portante come il gennaker.

Advanced A66S

Tantissime piccole migliorie anche nel piano di coperta con le manovre ancora di più a portata di equipaggio ridotto, a tal punto che realmente questo 20 metri si porta in sole due persone.

Advanced A66S – Interni

Anche all’interno il layout dell’Advanced A66S ha subito cambiamenti per migliorare la circolazione delle persone e per sfruttare ogni piccolo spazio utile. Oltre ad un design e a nuovi materiali.

Advanced A66S

Advanced A66S – Le 10 novità

Per darvi l’idea delle migliorie rispetto al vecchio A66 eccovi un elenco di 10 importanti modifiche sull’Advanced A66S:

  • gli oblò a scafo sono più grandi
  • è stata realizzata una nuova torretta centrale in pozzetto per il winch randa e con rotaia motorizzata Antal
  • sono stati spostati i 4 winches primari e secondari per migliorare l’uso con equipaggio ridotto
  • nuove panche per il timoniere ad ala di gabbiano
  • nuova consolle della timoneria
  • il cilindro della trinchetta è adesso sottocoperta
  • la cala della catena è più ampia e scorrevole
  • nuova motorizzazione
  • nuova cucina più grande
  • nuovo design degli interni

Advanced A66S layout

Advanced A66S – Scheda tecnica

Lunghezza fuoritutto 20,46 m
Larghezza max 5,40 m
Pescaggio 3,20 m
Dislocamento 26.000 kg
Superficie velica 225 mq
Acqua 785 l
Carburante 1.064 l
Motore Volvo Penta D3 150 hp
General concept Advanced Yachts
Piani generali, styling interni ed esterni Nauta Yachts
Architettura navale Reichel&Pugh
Costruzione: scafo e coperta sandwich con tessuti di vetro, impregnati con resina epossidica sottovuoto. Rinforzi in carbonio unidirezionale nelle zone sollecitate da alto carico.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quattro “nuove” mitiche Classic Boat da 13.6 a 16 metri

Le Classic Boat di valore storico by Giornale della Vela non smettono mai di aggiornarsi! In quest’ottica, anche grazie ai vostri suggerimenti, sono arrivate 19 nuove barche, 19 nuove Classic Boat da celebrare e valorizzare.  Abbiamo ormai superato la quota

Le Isole Spalmadori in Croazia (foto di Boris Kacan)

Natanti all’estero, ora si può. Come fare, cosa serve

Natanti all’estero, ora si può! Con la nuova legge,  gli armatori di natanti (unità sotto i 10metri non immatricolate) potranno esibire un nuovo documento riconosciuto dallo stato Italiano, che attesta la proprietà e la nazionalità italiana della barca senza bisogno

Registrati



Accedi