AC 40, pronto al varo il primo foiler di Coppa America

Il primo AC 40 che verrà varato ad Auckland

Sta per andare in acqua la prima barca che vedremo in scena alla prossima Coppa America, Barcellona 2024. No, non ci riferiamo agli AC 75 con sui si disputerà l’America’s Cup, ma agli AC 40, i monoscafi foil con cui si svolgeranno Youth e Women America’s Cup.

AC 40 – Come saranno i monoscafi Foil della Coppa America

Li stanno costruendo in Cina, presso il cantiere australiano McConaghy Yachts, che si occuperà di tutti gli scafi in produzione. Il progetto è del solito vulcanico Dan Bernasconi, grande capo del design team dei kiwi, che ha in pratica adattato il concetto, e il progetto, con cui Team New Zealand aveva vinto la coppa, ovvero lo scafo 2 Te Rehutai, a un 12 metri foil. Le previsioni dicono che gli AC 40 avranno performance simili addirittura ai primi AC 75 varati, gli scafi 1 della scorsa edizione.

AC 40
Il rendering dell’AC 40

AC 40 – una barca One Design

I monoscafi volanti saranno tutti perfettamente uguali e non si basano su una box rules come i 75. Quelli che saranno in dotazione ai team giovanili o femminili affiliati a un team sfidante, quello di Luna Rossa per esempio, potranno per esempio essere oggetto di test e sperimentazioni, ma dovranno essere sempre in rigida monotipia quando regateranno.

AC 40 – doppia randa e vele

Come sui 75 anche queste barche avranno una doppia canaletta sull’albero e due rande sovrapposte. Una scelta che ha delle ragioni aerodinamiche, dato che su queste barche non è consentita l’ala rigida le due rande sono la soluzione più vicina a un profilo alare. Le vele sono fornite dalla North Sails, l’albero è in due sezioni e costruito dalla Southern Spars.

AC 40 – Dati

Lunghezza scafo 11,80 mt
Baglio massimo 3,38 mt
Pescaggio 3,50 mt
Dislocamento 2000 kg
Equipaggio 4 persone

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “AC 40, pronto al varo il primo foiler di Coppa America”

  1. Ci faranno anche le prime due regate delle World Series e finisce che ci si disputerà la Coppa… Motivo? Semplice: con i vettori di Antonov a terra e l’embargo a Volga Dnepr, i team come pensano di trasferire gli AC75?! Si possono permettere i noli delle navi Flo/Flo? Sarà anche per questo che a due anni dalla coppa non si vede ancora uno straccio di box roules su cui costruire i nuovi scafi?

  2. TNZ e Luna Rossa si sono inventati sti scarrafoni volanti per fare dispetto a Russell Coutts per finire di nuovo a una classe One design made in China! Ottimo, great job!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Torna su