Come ormeggiare in banchina utilizzando lo spring

spring
Siete pronti ad affrontare il “casino estivo” dei porti affollati? In queste situazioni, saper manovrare in spazi ristretti consentirà di levarvi d’impiccio senza danneggiare le barche che vi stanno vicino o intrappolare la vostra nelle trappe altrui.

Nel caso doveste ormeggiare all’inglese (dal benzinaio è un grande classico), sapete usare a dovere gli spring, ovvero i traversini incrociati che impediscono lo spostamento longitudinale della barca?

L’ormeggio in banchina utilizzando lo spring

spring 1
1- Avvicinatevi lentamente alla banchina con una persona a mezzanave con la cima in mano già fissata alla galloccia centrale.

spring 2
2- Appena lo scafo è sufficientemente vicino alla banchina, saltate a terra e fissate con un solo giro lo spring sulla bitta.

spring 3
3- La barca è in folle ma continua a muoversi in avanti. Facendo frizionare la cima sulla bitta fermerete dolcemente la barca.

spring 4
4- Una volta che la barca si è fermata, e lo spring è fissato, potete procedere con le cime d’ormeggio tradizionali: prima quella di poppa.

spring 5
5- Ora inserite la marcia avanti e la barca rimarrà parallela alla banchina: fissare la cima di prua è un gioco da ragazzi.

spring
6- Ricordate che con solo lo spring armato anche in caso di vento dalla banchina siete al sicuro. Per accostare basta inserire marcia avanti.

 


ABBONATI E SOSTIENICI: TI REGALIAMO LA STORIA DELLA VELA

Se apprezzi il nostro lavoro e il nostro punto di vista sul mondo della vela, abbonati al Giornale della Vela! L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri! SCOPRI DI PIU’

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Swan 55

VIDEO Swan 55 (16m): il bluewater che sa cambiare pelle

Il Cannes Yachting Festival e il Salone Nautico di Genova sono due appuntamenti da non perdere per i cantieri del settore e tutti gli appassionati. La nostra redazione è andata a bordo delle ultime novità, una di queste è il nuovo Swan 55,

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su