Partecipare alle regate d’altura sapendo di perdere. Ma divertendosi un sacco

regate d'altura marco cohen

Si può partecipare alle regate d’altura per semplice passione, voglia di condividere un’esperienza con un equipaggio di amici e parenti. In una parola, per divertirsi. Abbiamo chiesto a Marco Cohen, imprenditore cinematografico milanese, di raccontarci come riesce a divertirsi partendo per una regata d’altura sapendo già che non vincerà.

Leggete e capirete che, veramente, l’importante è partecipare. Ecco la sua ricetta.

Sull’aperitivo siamo fortissimi 

I triangoli li ho sempre odiati, fino dai tempi della matematica a scuola. Li ho sopportati per una decina d’anni quando, col mio primo J/24 e poi J/92,  solcavo il  Tigullio. 

Regatina, bagno con vinello a rinfrescare l’animo, qualche invernale, ma sempre protetto da un golfo sorridente e placido come la zona delle calme equatoriali.

Fino a che un giorno, spinto da un amico che mi invitava a uscire dalla mia comfort zone, ho scoperto la 151 Miglia di Roberto Lacorte. Un’illuminazione: una regata che profuma di notte e di mare aperto ma senza mai farti perdere di vista la terra, attraverso le sue isole. 

regate d'altura
Marco Cohen alla Giraglia

Perfetta per un velista un po’ coniglio come me, degno figlio d’arte di suo padre, che si trova più a suo agio a maneggiare la carta dei vini piuttosto che quella dei venti.

Ho preso confidenza con la 151 e poi ho raddoppiato con la Giraglia Rolex Cup. Dal 2016 non ho più perso un colpo.

Quest’anno siamo finalmente tornati a riprendere le nostre abitudini.

Passi la primavera a bestemmiare su tutti i lavori da fare per mettere a posto la barca, sull’equipaggio che non ti fila mollandoti in modalità solitaria appena c’è da sistemare qualcosa. Poi arriva fine maggio e come ogni anno il miracolo si compie:

Inizi a consultare a cazzo 12 siti metereologici con improbabili previsioni a 20 giorni, a mandare messaggi motivazionali manco fossi Jose Mourinho alle varie chat 151, Giraglia, Dajenu (Dajenu è il nome della creatura presa assieme al mio socio, più ciclista che navigante, Claudio Gabbai, un Mat 1010 progetto di Mark Mills che come ogni scarrafone è bello a babbo suo) e ad avvisare chiunque ti stia attorno che, per una ventina di giorni, non potranno contare sulle tue piene facoltà mentali. Mia moglie e a volte i miei soci sostengono che non ci possono contare manco nel resto dell’anno ma questo è un altro discorso.

Il Mat 1010 di Marco Cohen

Regate d’altura: la 151 Miglia “alcolica” a bordo di Dajenu

Il 2 giugno 2022 partiamo finalmente per la 151 Miglia, con il mio equipaggio storico. Fedeli al nostro motto “sull’aperitivo siamo fortissimi”, mentre gli altri sbarcano i pesi superflui, noi carichiamo di tutto e di più.

Il nostro velaio, Roberto Westermann, un giorno disse vedendo le nostre operazioni di imbarco: “A proposito di imbarco, sembra di essere al check-in della British Airways” . 

Prendiamo di tutto, vento inesistente da Tigullio in partenza, ma poi una brezza ruffiana ci porta verso la Corsica. Pigliamo 20\25 nodi sul naso in Giraglia giusto per ricordarci come si fa e poi ci dirigiamo verso la fatal Elba. Per chi non ha un Maxi, ed è famigliare con questo percorso, è facile capire il senso di questa frase. Mentre già temiamo una seconda notte lunga, arriva a soccorso un sud amichevole che ci porta a Punta Ala subito dopo mezzanotte. 

dajenu
Marco Cohen, al timone di Dajenu, con il distillato di agrumi Spirit of Dajenu

Prima, alle formiche di Grosseto, in pieno tramonto brindiamo con Spirit of Dajenu, distillato di agrumi preparato con mani amorevoli dall’amico che mi ha consigliato di smettere con i triangoli e iniziare a navigare. Sulla gradazione di questa amorevole bevanda mi appello al quinto emendamento.

Chiudiamo con un 13° posto su 32 dignitoso per noi, considerando il tasso alcolico e l’assoluta mancanza di ogni genere di allenamento e preparazione.

Arriva la Giraglia

Il tempo di passare in ufficio, con un sorriso ebete stampato in faccia, giusto per ricordarsi quello che mi sarei perso la settimana dopo dovendo allontanarmi nuovamente per la Rolex Giraglia.

Altro giro, altro regalo (si fa per dire perché i miei amichetti che fanno la Sanremo-St Tropez , dicendo “così ti portiamo la barca” in realtà hanno come obiettivo primario la sottrazione degli omaggi dello sponsor dalla sacca armatore) e altro equipaggio.

Quest’anno sono spariti i russi e gli Swan, ma che dire St Tropez c’est toujours St Tropez e ritrovarsi in barca con gli amici del gruppo “forsailing” dell’anno precedente è sempre stupendo. Avendo come dicevo abolito da tempo ogni forma di allenamento e preparazione, mentre prendiamo il solito aperitivo con le ostriche, realizzo che effettivamente è un anno che non li vedevo. 

Molto rosé e champagne conditions sulle regate costiere, mentre per la Giraglia ci prepariamo a una traversata in condizioni molto molto Tigullio. Erano anni che non vedevo intere zone bianche, nel modello raffiche di Meteo Lamma, a Capo Corso.

regate d'altura marco cohen - image1

Da questa foto sopra si capisce come il modello meteo ci avesse azzeccato.

Risolviamo un po’ di problemini ai frenelli del timone che ci rallentano, ma viste le condizioni non ci preoccupano e tre paste dopo arriviamo la notte di venerdì a Genova tenendo medie pedonali ma che ci consentono di arrivare comunque entro il tempo massimo.

Sul risultato finale anche qui mi appello al quinto emendamento e mi do appuntamento alla Copa del Rey a Palma a inizio agosto. E’ vero che i bastoni della baia di Maiorca sono pur sempre simili ai triangoli, ma ci penseranno la paella e la sangria del Real Club Nautico (sensazionale) a renderli più curvi.

Marco Cohen*


*Chi è Marco Cohen

Marco Cohen, produttore cinematografico e appassionato velista, si descrive così:Marco Cohen, Interista, filosofo, taglia 54 e nei momenti belli 56, produttore di film necessari per me e per la mia famiglia. Ho riabbracciato la vela a 37 anni dopo l’ennesimo infortunio a calcio quando ho realizzato che è l’unico sport che si può fare da seduti e con un bicchiere in mano.

Fino a 25 anni risse famigliari su un J/24, Fiesta, col mio gemello Daniele e nostro padre Corrado, detto il vascello fantasma perché anche quando non ci vedevano, ci sentivano, poi di nuovo un J/24, un J/92 s e dal 2016 il mio amato Dajenu di Mark Mills. Mezzo veloce e di classe finito impropriamente nelle nostre mani, più adatte a prendere in mano l’apribottiglie che il timone”.

Una delle opere a tema velico di Corrado Cohen, papà di Marco

ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Barcolana 2022

Murphy & Nye veste la Barcolana con capi in edizione limitata

Anche quest’anno, in occasione della 54esima edizione, Murphy&Nye si conferma clothing partner della Barcolana. Il marchio ha realizzato le polo e le sacche che verranno distribuite a tutti gli armatori partecipanti, in più ha sviluppato un’intera capsule collection in edizione limitata

Torna su