151 Miglia 2022: la posizione del Comitato Organizzatore

In risposta all’articolo pubblicato sul sito del Giornale della Vela dal titolo “151 Miglia, polemica sul sistema di rating che ha falsato le classifiche?” (www.giornaledellavela.com/2022/06/07/151-miglia-rating/), il Comitato Organizzatore della 151 Miglia-Trofeo Cetilar – formato da YC Repubblica Marinara di Pisa, YC Punta Ala e YC Livorno – dichiara quanto segue.

151 Miglia 2022: la posizione del Comitato Organizzatore

8 giugno 2022 – La tredicesima edizione della 151 Miglia-Trofeo Cetilar ha avuto un seguito polemico sulle regole adottate per calcolare il tempo compensato.

Le regole adottate (APH-PCS) si basano su un algoritmo che valuta il tempo necessario a ciascuna imbarcazione per completare la regata.

Queste regole sono state rese note a tutti i partecipanti alla regata con un Comunicato a modifica del Bando di regata che prevedeva il sistema GPH utilizzato in tutte le passate edizioni. La ragione di questa scelta è nella ORC Race Management Guide (https://www.orc.org/rules/ORC%20Race%20Management%20Guide%202022.pdf), dove, a pagina 20, è mostrato uno schema che per le regate lunghe fornisce due possibilità:

  • In caso di previsione di condizioni di vento variabili (intensità e direzione) per avere maggiore ACCURATEZZA di calcolo usare il sistema APH-PCS;
  • In caso invece di condizioni previste più stabili anche se in mancanza di dati certi e per una maggiore SEMPLICITA’ usare l’APH normale (ex GPH).

Di conseguenza, la scelta del Comitato Organizzatore è stata ineccepibile sul piano formale perché giustificata dalle regole adottate dall’ORC, che peraltro erano già state utilizzate sia nella Regata dei Tre Golfi che al Campionato Europeo.

Tuttavia, è inutile nascondere che le regole scelte per la definizione del tempo compensato hanno portato a risultati molto diversi rispetto a quelli che si sarebbero avuti usando APH o GPH, come inizialmente previsto dal Bando e questo non può essere considerato razionale.

Egualmente è altrettanto inutile nascondere che in certi casi i risultati non sono sembrati particolarmente razionali o coerenti con l’effettivo valore degli equipaggi e degli armatori che si sono confrontati.

Per questa ragione, il Comitato Organizzatore ha manifestato all’Unione Vela d’Altura Italiana (UVAI) la propria preoccupazione e sollecitato una maggiore ponderazione nell’elaborazione e applicazione di questo sistema di calcolo del tempo compensato.

In generale, infatti, il principio su cui si fonda può essere considerato condivisibile nella parte in cui cerca di approssimarsi con maggiore precisione all’obiettivo di rendere equivalenti le imbarcazioni.

In particolare, però, il sistema di calcolo del vento implicito sembra manifestare dei margini di arbitrarietà che devono essere ridotti.

Dal punto di vista del Comitato Organizzatore, le polemiche che sono sorte intorno al sistema adottato per il calcolo del tempo compensato sono utili e produttive, perché consentono una maggiore riflessione sulle opportunità di sviluppo di questo sistema.

Nello stesso tempo, però, le regole di regata fanno parte della regata esattamente come il vento e il mare e i risultati che si ottengono per effetto dell’applicazione imparziale di quelle regole, si accettano sia quando si è stati favoriti, che quando si è stati meno fortunati.

Per queste ragioni, il Comitato Organizzatore si impegna a riflettere con la massima attenzione di cui è capace sul sistema di calcolo del tempo compensato in vista della prossima edizione e sarà felice di valutare tutte le osservazioni che gli potranno essere rivolte a questo fine.

Il Comitato Organizzatore della 151 Miglia-Trofeo Cetilar

(YC Repubblica Marinara di Pisa, YC Punta Ala e YC Livorno)

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Ice 62 Targa (17m), la sportiva che si veste da blue water

Al Cannes Yachting Festival erano numerose le anteprime mondiali lanciate dai cantieri del settore vela. A rispondere presente all’appello delle novità è stato anche Ice Yachts, che ha lanciato un aggiornamento del suo 62 piedi, ovvero l’Ice 62 Targa, un

Torna su