Le Grazie, la fantastica invasione delle Vele d’Epoca nel Golfo

Il seno delle Grazie di Porto Venere, nel Golfo della Spezia, si conferma una delle mete preferite per gli armatori di scafi d’epoca, che ogni anno animano “Le Vele d’Epoca nel Golfo”.

Le Vele d’Epoca nel Golfo, chi c’era e chi ha vinto

Domenica 29 maggio 2022 è andata in archivio la quarta edizione, alla quale hanno partecipato diciotto imbarcazioni suddivise in quattro categorie: Yachts d’Epoca, Yachts Classici, Spirit of Tradition e Vele Storiche.

L’evento è stato organizzato dall’AIVE (Associazione Italiana Vele d’Epoca) con la collaborazione tecnica del Circolo Velico della Spezia, l’ausilio dell’ASD Forza e Coraggio, dell’Associazione Vele Storiche Viareggio, il Cantiere Valdettaro e il sostegno logistico della Porto Venere Servizi Portuali e Turistici.

Le Vele d’Epoca nel Golfo, super Alcyone tra le “Epoca”

Dopo due regate disputate, di lunghezza variabile tra 6 e 13 miglia, con venti fino a 12 nodi, sole e temperature estive, la vittoria tra le ‘Epoca’ è andata a Alcyone, progettata nel 1948 dal famoso cantiere ligure Sangermani e varata quattro anni dopo.

vele d'epoca
Alcyone (foto Paolo Maccione)

Da questo progetto, uno sloop bermudiano lungo 11,24 metri, sono nati altri scafi quasi gemelli, Fantasia del 1949, Jalea e Gioanna del 1950. Alcyone ha preceduto in classifica l’8 Metri S.I. (Stazza Internazionale) Margaret del 1926 e Gazell, uno Skerry 40 m2 svedese del 1935, lungo oltre 15 metri e con un baglio strettissimo se rapportato alle dimensioni, solo 2,37 metri.

vele d'epoca - Gazell (1935)_Foto Maccione
Gazell (foto di Paolo Maccione)

Crivizza trionfa nelle “Classiche”

Primo nella categoria ‘Classiche’ si è classificato Crivizza, un III Classe RORC (Royal Ocean Racing Club), lungo 11,52 metri, progettato nel 1958 dall’inglese Alan H. Buchanan e varato nel 1966 dal cantiere Apollonio di Trieste. Nel 2019 la barca ha compiuto il periplo dell’Italia con Mauro Pelaschier per promuovere il rispetto del mare attraverso la Charta Smeralda della One Ocean Foundation.

vele d'epoca - Crivizza (1966)_Foto Maccione
Crivizza (foto Paolo Maccione)

Nel 2021 è stata acquistata dall’attuale armatore, il Segretario Generale AIVE Luigi ‘Gigi’ Rolandi, figlio del compianto presidente FIV Carlo Rolandi, che tra una lezione e l’altra di Fisica Sperimentale delle Alte Energie alla Normale di Pisa, dove insegna, partecipa ai raduni di vele d’epoca. Crivizza ha preceduto in classifica il Sangermani Onfale del 1962, vincitrice nel 1963 della Giraglia nella propria categoria, e Grifone del 1963, lo storico 5.50 Metri S.I. della Marina Militare sul quale regatava (e vinceva) l’eroe della vela italiana Agostino Straulino. Alle “Vele d’Epoca nel Golfo” era presente anche un’altra barca della Marina, lo yawl bermudiano Artica II del 1956 al comando del Capitano di Vascello Giuseppe Cannatà, attuale comandante di Marivela nonché vice presidente AIVE.

Spirit of Tradition: vince Gioconda

Tra gli Spirit of Tradition vittoria di Gioconda, un modello di Impala 35, progetto numero 2008 dello statunitense Olin Stephens varato nel 1973 dal Cantiere Navale 71 di Castiglione della Pescaia. Con uno scafo gemello la navigatrice Ida Castiglioni partecipò nel 1976 alla Ostar, la regata transatlantica.

vele d'epoca - Freya (1981)_Foto Maccione
Il Freya (foto di Paolo Maccione)

Gioconda, che da oltre un quarto di secolo appartiene allo stesso proprietario, ha prevalso su Freya, uno staysail schooner (goletta a vele di strallo) varato nel 1981 dal cantiere Craglietto di Trieste su progetto di Carlo Sciarrelli. Tra il 1996 e il 2004 questo 18 metri in legno ha compiuto due traversate atlantiche.

Unico rappresentante della categoria Vele Storiche (barche prive di certificato di stazza) era Mabelle, un Sangermani del 1973 che in quello stesso anno partecipò insieme a Sagittarius e Naïf all’Admiral’s Cup.

vele d'epoca - Banchina Le Grazie_Foto Maccione
La banchina delle Grazie (foto di Paolo Maccione)

Da segnalare, infine, che nella giornata di domenica la nave scuola Amerigo Vespucci della Marina Militare ha onorato con la sua presenza il campo di regata della manifestazione.

Paolo Maccione

Le Vele d’Epoca nel Golfo – Classifiche

Yachts Epoca: 1. Alcyone – 2. Margaret – 3. Gazell – 4. Ilda – 5. Barbara – 6. Greylag

Yachts Classici: 1. Crivizza – 2. Onfale – 3. Grifone – 4. Ojalà II – 5. Dragonera – 6. Artica II – 7. Caligu Terzo Rabbit – 8. Mä Vista – 9. Ella

Spirit of Tradition: 1. Gioconda – 2. Freya

Vele Storiche: Mabelle (unico partecipante)

 


ABBONATI E SOSTIENICI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo un bel regalo

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Millevele

Affonda una barca sotto il temporale durante la Millevele

Lazy, una barca di 8,55 metri, è affondata sotto la pioggia durante la storica veleggiata che si svolge ogni anno nel Mar Ligure, la Millevele. Stamattina, sabato 24 settembre, la pioggia ha travolto la città di Genova e i dintorni. Seguendo

TECNICA Come e dove montare un secondo strallo a bordo

Se con un genoa parzialmente avvolto, con pochi metri quadri di tela esposti, si può sostenere un’andatura portante con 50 nodi di vento, con la stessa vela ridotta non è ipotizzabile bolinare, sia pur con angoli larghi. Occorre dunque armare

Torna su