Mai così insieme! Guarda tutte le barche alla Grand Soleil Cup 2022

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
Grand soleil cup
Grand Soleil Cup 2022

In Toscana è andata in scena sul palcoscenico di Punta Ala uno spettacolo memorabile, la 20° edizione della Grand Soleil Cup, dal 20 al 22 maggio 2022.

Più che una festa del cantiere italiano, è stato un vero Festival sul mare e a terra. In scena 43 barche, oltre 500 velisti a bordo di Grand Soleil di varie generazioni, dal 1973 ad oggi.

Spettacolo Grand Soleil Cup!

Ecco i famosi 47 protagonisti, Grand Soleil di varie epoche. Ve li presentiamo qui sotto per farvi capire che razza di spettacolo sia stata la Grand Soleil Cup. 22 diversi modelli, da 10 a 20 metri varati per la prima volta dal 1973 al 2020 mai così tanti Grand Soleil diversi si sono riuniti insieme.

Uno spettacolo indimenticabile che, per chi ha la passione per la vela, faceva venire i brividi.

VIDEO – RIVIVI LA GRAND SOLEIL CUP 2022

Ecco i 22 modelli protagonisti della Grand Soleil Cup 2022 di Punta Ala e i 43 classificati finali.

Tutti i protagonisti della Grand Soleil Cup 2022

1. GS 34 (primo varo 1973), progetto Finot, lunghezza 10,18 metri, presenti alla GS Cup 2022: Galeone di Enrico Casella 12° classificato – Why Not di Andrea Stella 35° classificato

 2. GS 343 (1985), Jezequel, 10,40 m, presenti: Silver Bullet di Mario Badami 9° classificato

 3. GS 46.3 (1997), J&J, 13,25 m, sul palco Gin Dry 3 di Franco Benadi 10° classificato

 4. GS 34.1 (1999), Vismara, 10,00 m, presenti: Blue Wind di Fabio Gasparri 21° classificato

5. GS 56 (2001), Briand, 16,80 m, presenti: Paolissima di Gianluca Poli 1° classificato

6. GS 43 (2002), J&J, 12,98 m, presenti: Verdi I di Alfred Gruener 36° classificato

 7. GS 50 (2002), Judel&Vrolijk, 14,90, presenti: Mythos di Claudio Masotti 17° classificato – Strega Marina di Massimo Tesei 37° classificato

8. GS 65 Maxi One (2002), Farr, 19,50 m, presenti: Ely J di Alessandro Pini 28° classificato

9. GS 40 (2004), Botin&Carkeek, 12,12 m, presenti: Selvaggia di Peter Van den Eynde 14° classificato – Good Feeling di Alessandro Fanciulacci 24° classificato – Fra4 Paolele di Stefano Zecchi 32° classificato

10. GS 45 (2004), Judel&Vrolijk, 13,90 m, presenti: Dolce Vita 2 di Antonio Musacchio 16° classificato – Blucentaure 2 di Denis Monserand 38° classificato – Andira II di Gianluca Ghiaroni 43° classificato

11. GS 43 BC (2006), Botin&Carkeek, 13,25 m, presenti: Niquida di Lorenzo Merlini Manzoni – Black Tip di Gianluca Borella 22° classificato – Zoe II di Marco Labocetta 33° classificato

12. GS 46 (2008), Botin, 14,50 m, presenti: Nessuno di Andrea Pacinotti – Feniglia di Philippe Van Damme 29° classificato

13. GS 54 (2008), Brenta, 16,35 m, presenti: Lobster di Lucas Borg 42° classificato

14. GS 43 (2012), Maletto, 13,28 m, presenti: Raffica 3 di Walter Tronconi 2° classificato – Super G di Alessandro Giannattasio 20° classificato – Madness di Roberto Volpi 23° classificato

15. GS 47 (2015), Botin, 14,62 m, presenti: My Way di Alessio Cecchetto 3° classificato

16. GS 58 Performance (2016), Felci, 17,50 m, presenti: Fenice 2 di Blasco de Felice 19° classificato

17. GS 48 (2017), Lostuzzi, 16,65 m, presenti: Bellatrix III di Giovanni Vani 6 ° classificato

18. GS 48 Race (2017), Lostuzzi, 16,65 m, presenti: Luduan 2.0 di Enrico De Crescenzo 11° classificato

19. GS 52 LC (2018) Lostuzzi, 17,05 m, presenti: 01 di Alberto Osculati 8° classificato – Mira di Unall Fortunato 15° classificato – A+A di Angelo Giorgi 25° classificato – Mariste di Andrea Golinelli 27° classificato – Wonderland di Marco Cusinato 30° classificato – Tre C di Carlo Bertani 31° classificato – Cristina G di Alberto Ghelfi 41° classificato

20. GS 34 Race (2018), Skyron, 10,70 m, presenti: Podracer di Alessandro D’urso 7° classificato

21. GS 42 LC (2019), Lostuzzi, 13,85 m, presenti: Follia di Paolo Anselmi 4° classificato – Eleven di Paolo Boricchi 26° classificato – Ninin di Marco Sturlese 34° classificato – Serendipity 2 di Renato Camodeca 39° classificato – Vispa di Stefano Palloni 40° classificato

22. GS 44 (2020), Polli, 14,35 m, presenti: Quizos di Fabio Navarra 13° classificato

QUI TUTTE LE CLASSIFICHE DELLA GRAND SOLEIL CUP

Curiosità dalla Grand Soleil Cup 2022

La palma del modello più rappresentato alla GS Cup va al Grand Soleil 52 LC con 7 barche rappresentate.

Il vincitore assoluto con tre primi è il bellissimo GS 56 Paolissima disegnato dal maestro Philippe Briand, plurivincitore di regate toscane come la 151 miglia, la Coppa Carnevale. A bordo il “mago” Roberto Pardini.

La più piccola e “vecchia” della flotta, il GS 34 Galeone del 1976 di Enrico Casella non era solo una signora del mare ma ha fatto anche ottime regate con due 8° di giornata e il 12° posto finale.

Il GS 52 LC 01 ha stupito tutti esibendo nell’ultimo lato della prima regata una perfetta andatura a farfalla (genoa da una parte e randa dall’altra con vento di poppa) per supplire alla mancanza di un gennaker. Grande idea, grandi marinai!

La regina della flotta è il Grand Soleil Maxi One Ely J, bellissimo e raro esemplare.

Visti alla GS Cup grandi velisti dal lungo palmares. Emanuele Cecchini direttore commerciale della Harken, Franco Corazza responsabile dei progetti speciali di GS, marco Holm a capo della veleria Millenium.

Ha venduto circa 500 Grand Soleil nella sua carriera, si chiama Marco Lagostena ed è il dealer per la Liguria di Grand Soleil. Un record!

Armatori di un Grand Soleil progettato prima del 2000, preparatevi. Il 18/19 giugno a Portopiccolo nel golfo di Trieste si tiene la Grand Soleil Vintage Cup (per partecipare 348 9690280).

Per una volta niente vela per Gigi Servidati, presidente del Cantiere del Pardo. Timonava un Pardo 43, la linea a motore del Cantiere del Pardo che costruisce i Grand Soleil.

Sabato sera, più di 300 persone si sono riunite al Crew’s Cocktail Party, godendosi un meraviglioso tramonto in riva al mare. A seguire, gli armatori si sono potuti rilassare a bordo della piscina dello Yacht Club Punta Ala, durante la Cena di Gala organizzata dal Cantiere.

La premiazione ha visto salire sul gradino più alto del podio il Grand Soleil 56 Paolissima di Gianluca Poli per la categoria Overall e per la Categoria A, mentre Raffica 3, GS 43 di Walter Tronconi per la Categoria B e Silver Bullet, GS 343 di Mario Badami per la Categoria C.

Prima partecipazione ad una regata per Marco Cusinato proprietario del GS 52LC Wonderland.

Spettacolare la regata di sabato. Accompagnati da vento da sud–ovest intorno ai 10 kn, le imbarcazioni hanno girato una boa di disimpegno, per poi dirigersi verso l’isola di Cerboli, navigando attorno allo Scoglio dello Sparviero, per un totale di 28 miglia.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su