developed and seo specialist Franco Danese

Lo storia dello yacht fantasma affondato tra i ghiacci e poi riemerso

marina di varazze
Marina di Varazze, cosa offre uno dei porti più belli della Liguria
23 maggio 2022
barche usate vela
BARCHE USATE Vendono cinque barche classiche da 9 a 13,31 m
24 maggio 2022

yacht fantasma

“Mar Sem Fim”, chiamato anche “Endless Sea” era uno yacht brasiliano che è affondato a Maxwell Bay of Ardley Cove, Antartide, circa 850 chilometri a sud di Capo Horn nell’aprile di 7 anni fa. Da quel momento è rimasta una barca fantasma per oltre un anno, semiaffondata.

Articoli simili

Yacht fantasma, era impegnato in un documentario

Proprietà di un noto giornalista e imprenditore brasiliano, João Lara Mesquita, lo yacht aveva a bordo 4 persone quando è affondato. L’equipaggio era impegnato a girare un documentario al largo della costa antartica quando un forte vento di oltre 100 chilometri all’ora ha sorpreso la barca spingendola contro il ghiaccio. Intrappolati in mezzo al gelo, i ragazzi dell’equipaggio hanno lanciato un may day via radio che è stato ricevuto dalla marina cilena nella base di Bahia Fildes, in Antartide.


Tutti e quattro i ricercatori sono stati tratti in salvo, ma il maltempo ha ritardato il processo di un paio di giorni. Le onde erano molto alte e il vento continuava a soffiare senza tregua. “La nostra evacuazione è stata estremamente rischiosa. Onde di quasi due metri e venti a 40 nodi hanno reso le operazioni davvero ardue”. Racconta un membro dell’equipaggio di Endless Sea. Quando la barca della marina cilena è finalmente riuscita ad avvicinarsi i documentaristi si sono subito lanciati a bordo, finalmente in salvo. Per le persone è andato tutto bene, ma non per Mar Sem Fim che, al momento, non poteva essere recuperata in alcun modo.

barca-affondata-ghiaccioFonte immagini: charismaticplanet.com

Yacht fantasma affondato e intrappolato nel ghiaccio

L’acqua gelida che è entrata nello scafo si è poi congelata espandendosi e facendo colare a picco lo yacht della Mar Sem Fim, che è finito sul fondo della baia poco profonda, appena 10 metri. Per un anno è stato possibile osservare dall’alto la barca all’inizio del 2013. L’armatore João Lara Mesquita è poi riuscito a tornare su quella posizione e quando le condizioni meteo lo hanno permesso ha mandato giù i subacquei che hanno avvolto lo scafo con delle sospendite attaccate ad alcune boe gonfiate su entrambi i lati.

Le boe sono state gonfiate sollevando gradualmente lo yacht che era stata sott’acqua per quasi un anno. Una volta che l’imbarcazione è riemersa sono inziate le operazioni di traino fino alla riva dove i ricercatori hanno recuperato la loro attrezzatura. Il tetto massimo della copertura assicurativa era, però, di “soli” 700.000 dollari. Troppo pochi per riparare tutti i danni subiti dalla nave nell’anno sott’acqua.

Fonte immagini: charismaticplanet.com


ABBONATI E SOSTIENICI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo un bel regalo

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi