Giallo in Brasile: chi è l’italiano trovato morto a bordo?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Una barca alla deriva semidistrutta con dentro il cadavere di un uomo è stata ritrovata il 7 maggio a 12 miglia al largo della costa di Natal, in Brasile. Accanto all’uomo documenti scritti in italiano. Qualcuno lo conosce?

Il mare non è fatto solo di entusiasmanti crociere e destinazioni paradisiache. A volte è teatro di misteri e rivela il suo lato più oscuro. Come accade in Brasile in questi giorni per una storia che sa di vero e proprio giallo. Lo scorso sabato 7 maggio infatti le acque dell’oceano Atlantico hanno restituito una barca a vela con all’interno il corpo di un uomo. Il ritrovamento è avvenuto al largo della costa Nord orientale del Brasile a circa 12 miglia da Natal.

L’imbarcazione è un modello Mona-Mi F. S. ed è allestita per la navigazione in oceano. Si presenta con il timone e l’albero rotti. Anche parte della prua è distrutta, probabilmente a causa della caduta dell’albero. Lo scafo è molto sporco e mostra uno spesso strato di alghe e cirripedi sulla carena, come se avesse trascorso molto tempo alla deriva. A bordo ci sono inoltre diversi segni evidenti di depredazione, una prova che qualcun altro è salito su quel ponte prima del ritrovamento ufficiale. Lo scenario generale fa pensare che la barca sia stata vittima di una tempesta e sia anche scuffiata.

Si cercano indizi sull’identità del corpo

Ma soprattutto a inquietare è quel corpo all’interno della barca ritrovato in avanzato stato di decomposizione. Chi è quell’uomo? Lo skipper? Un membro dell’equipaggio? E dove sono gli altri? Dopo che l’imbarcazione è stata rimorchiata da un motopeschereccio presso lo Iate Clube di Natal dove ora si trova ancorata, il cadavere dell’uomo è stato prelevato dall’Istituto Tecnico Scientifico di Perizia (ITEP). Secondo l’organo, la sua identificazione ufficiale non è ancora stata effettuata. Senza poter raccogliere le impronte digitali, gli esperti hanno al momento prelevato campioni di DNA, per un eventuale confronto. Anche la causa della morte non è ancora stata definita dagli esperti e si aspetta il risultato dell’esame autoptico. Qualcuno conosce quell’uomo?

Potrebbe esserci una connessione con l’Italia, visto che accanto al suo corpo sono stati trovati documenti e carte scritti in italiano. Chiunque abbia notizie in merito può contattare gli organi di polizia e dare qualunque informazione che aiuti gli inquirenti a risolvere questo mistero del mare.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi