La tensione della drizza: due segnali per capire come regolarla al meglio

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

La regolazione delle drizze è una questione da approfondire bene se vogliamo navigare, anche in crociera, in modo corretto e soprattutto efficiente. Ogni modifica del carico sulla drizza della randa o del genoa comporta una variazione del grasso sulla vela e va quindi ponderata in base alle condizioni del vento e del mare.

Quando le vele parlano

Le vele danno due macro segnali quando noi regoliamo le drizze lascandole o cazzando. Quando c’è poca tensione si formano lungo l’infieritura delle piccole pieghe orizzontali. Se stiamo navigando con poco vento e onda quelle pieghette, accennate, devono esserci per avere una vela potente e con la giusta quantità di grasso. Se invece navighiamo con vento sopra i 10-12 nodi la drizza va cazzata invece fino a quando le pieghe non spariranno.

Il secondo segnale che ci danno le vele è invece una piega verticale parallela all’infieritura. Quando compare vuol dire che la drizza ha troppa tensione rispetto all’intensità di vento che c’è sulla vela. Va quindi lascata fino ad eliminare la piega per restituire la giusta forma. Anche con vento sopra i 15 nodi, la drizza si cazza adeguatamente per fare sparire le pieghe orizzontali, ma non deve mai crearsi la piega verticale. Nel caso in cui lo stopper con vento molto forte non riesca a tenere tutta la tensione che diamo alla drizza, possiamo decidere di bloccarla sul self tailing, qualora i winch della nostra barca ne siano dotati. Stopper più self faranno in modo che la tensione non si abbassi sotto carico.

Mauro Giuffrè


ABBONATI E SOSTIENICI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo un bel regalo

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Omicidio

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Torna su