STED “Niente paura, me la son cavata con una autocertificazione”

STED, Rinnovare certificato di sicurezza imbarcazione, e ottenere il DCI e la nuova licenza di navigazione con lo sted è facile anche per barche vecchie
APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
STED rinnovo certificazione sicurezza
La registrazione nello STED per barche datate è obbligatoria al momento del rinnovo del certificato di sicurezza, per farlo occorre un documento DCI, se mancano i dati tecnici, basta una autocertificazione sostitutiva.

STED niente paura. Dopo gli aggiornamenti di cui vi abbiamo parlato qui, riportiamo la testimonianza di chi è riuscito a cavarsela da solo in occasione del rinnovo del certificato di sicurezza. Si tratta del nostro lettore Giampaolo Bianchi, professore ordinario di urologia a Modena, armatore di Nausicaa, un Solaris 36 del 1983 (Lung 11.06 m, Baglio 3.72m, Disloc 6800Kg). Ci ha scritto entusiasta per darci la buona notizia, e noi lo abbiamo intervistato:

Era preoccupato quando le hanno detto che doveva ottenere il DCI e una nuova licenza di navigazione per registrare il rinnovo del certificato di sicurezza?

Ero preoccupato perché dopo la visita del RINA mi è stato detto che per registrarne l’esito è obbligatorio registrare la barca attraveso lo STED (Sportello Elettronico del Diportista) e sostituire la vecchia licenza di navigazione cartacea con la stampa dei dati ricavati dal nuovo registro elettronico.

Per importare la barca nello STED nazionale è richiesto un nuovo documento, la DCI, Dichiarazione di Costruzione o Importazione. Non esistendo più il cantiere Serigi che aveva costruito la mia barca nel 1983, non ero sicuro di essere in grado di reperire tutti i dati tecnici previsti dal modulo DCI, e non sapevo come fare.

A quale capitaneria di porto si è rivolto e cosa le hanno detto?

Mi son rivolto alla Capitaneria di Porto di Monfalcone, dove un sottoufficiale gentilissimo e professionale (Sc. 1^ Cl Scelto”QS” Np. Leonardo Mongelli), mi ha spiegato tutta la procedura con pazienza e risposto alle mie domande. Per quanto un po’ complicata la procedura, ho provato a fare tutto da solo senza rivolgermi a una agenzia marittima, e ci sono riuscito senza problemi.

Come ha fatto a ottenere il DCI necessario per registrare la barca con lo STED?

Per il DCI, mi hanno detto di contattare telefonicamente Confindustria Nautica a Genova (unico ente abilitato a rilasciare il DCI). Son stati solerti a risolvere il mio problema, spiegandomi che, oltre alla richiesta formale del DCI e il pagamento dei 25 euro previsti, dovevo solo aggiungere una autocertificazione in cui dichiaravo che non ero in possesso di altri dati tecnici della imbarcazione al di fuori di quelli già presenti sul libretto di navigazione cartaceo. In una decina di giorni mi hanno mandato il DCI e con quello, andando in capitaneria, i dati della mia barca son stati inseriti nello STED e ho ottenuto subito la stampa della nuova licenza di navigazione, che è simile al libretto di circolazione della automobile.

Quindi il DCI rilasciato da Confindustria Nautica, per le imbarcazioni datate, contiene dati aggiuntivi oltre a quelli da Lei forniti?

No, contiene esattamente gli stessi dati già presenti sul vecchio libretto di navigazione (questa è una buona notizia che semplifica le nostre preoccupazioni, per possibili incongruenze in archivio sui dati tecnici di barche datate o di cantieri non più esistenti, ndr)

STED, in fin dei conti un’esperienza positiva?

Si, sono molto soddisfatto, seguendo la procedura (che è comunque ancora un po’ complicata e contiene passaggi come il pagamento di tre bollettini), ci sono riuscito in tempi ragionevoli. Per questo ho contattato il Direttore del Giornale della Vela per comunicare la mia positiva esperienza, sperando possa essere utile ad altri armatori nella mia stessa situazione.

 

Luigi Gallerani


ABBONATI E SOSTIENICI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo un bel regalo

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

In America piacciono anche le barche fuori dal coro

In America e in Europa non sempre la pensiamo uguale in fatto di barche. La dimostrazione dai candidati agli “Oscar” USA delle barche a vela del 2023. Le riviste di settore americane Cruising World e Sailing World hanno annunciato all’Annapolis

Torna su