developed and seo specialist Franco Danese

Come salvare una barca storica con 600 euro (e tantissima passione)

soccorso in mare
Il soccorso in mare è a una svolta, anche per merito dell’Italia
21 aprile 2022
TAG Heuer VELA Cup di Chiavari: la tribù della vela si merita una festa
21 aprile 2022

alpa 7

La vela è fatta di colpi di fulmine. Vedi una barca e te ne innamori. E non importa se sia ridotta a poco più di rottame. Te ne innamori e decidi che quella sarà la tua barca.

Questo è accaduto a Niccolò di Gregorio e alla sua compagna Eleonora Baggini. Per 600 euro (sic!) hanno acquistato un Alpa 7 (storico progetto di John Illingworth in produzione nel mitico cantiere Alpa di Fiesco-Offanengo dal 1961, lungo 6,99 m e largo 2,25) e, dopo quasi cinque anni di lavoro “matto e disperatissimo”, lo hanno riportato a nuova vita. Adesso si chiama Keskesè IV (come tutte le loro barche: Grand Soleil 343, Grand Soleil 42, Sun Odyssey 52.2) e naviga felice a Genova.

Seicento euro subito e cinque anni di lavori per salvare una barca storica

Procediamo con ordine. Racconta Niccolò: “La storia comincia nel mese di ottobre del 2017 quando, nel corso di una gita fuori porta con Eleonora, ‘inciampiamo’ in un bellissimo modello di Alpa 7 datato 1967 in completo stato di abbandono nella cornice del Lago Maggiore. E’ stato amore a prima vista . Un amore cieco che, dopo le dovute ispezioni e trattative, ci porta a compiere una vera e propria pazzia con l’acquisto, effettuato il 27 ottobre a un prezzo di 600 euro. Era conciata davvero male, completamente abbandonata nel giardino del precedente proprietario.

Da quel giorno iniziano uno studio minuzioso ed un lungo (infinito!) lavoro di restauro, giornate faticose ed emozionanti, weekend rubati al relax, momenti di sconforto e di tensioni; ma tanti sono anche stati i sorrisi ed infinita la felicità nel vedere, lentamente, rinascere una barca storicaL’abbiamo finalmente ‘varata’ a Genova lo scorso 7 aprile”.

L’Alpa 7 Keskesè IV dopo il restauro in acqua a Genova.

Una lunga lista di lavori

Un periodo molto lungo: “Le tempistiche del restauro sono state lunghe, quasi infinite, ma non bisogna dimenticare quasi due anni di pandemia che ci hanno del tutto bloccato sotto tanti aspetti. Questa Alpa 7, a differenza di molte altre, aveva inoltre la predisposizione per il motore entrobordo con linea d’asse. Motore che ovviamente non esisteva al momento dell’acquisto ed è stato da noi acquistato nuovo lo scorso ottobre (Lombardini, 10 CV). I lavori effettuati sia al suo interno che per quanto riguarda l’esterno sono davvero tantissimi, sempre mantenendo lo spirito di una barca degli anni ’60 e senza mai andare ad inficiare il progetto originale. Dunque con il massimo rispetto.

Prima e dopo: gli interni dell’Alpa 7 Keskesè IV.

Abbiamo provveduto a fare un ciclo preventivo anti-osmosi (la qualità costruttriva non lo richiedeva, però non si sa mai…). Una delle tante “brutte” sorprese alle quali siamo andati incontro fin da subito è stata quella di sostituire interamente tutte le lande precedentemente in ferro e dunque arrugginite in ogni loro parte. Le abbiamo sostituite con lande in acciaio inox AISI 316 come si conviene.

Non voglio assolutamente dilungarmi oltre, posso dire che internamente abbiamo fatto un lavoro minuzioso di restauro di tutti i legni. Abbiamo inoltre rinforzato la base albero, da sempre punto critico dell’Alpa 7 (avendo albero appoggiato in coperta). Impianto elettrico ed idraulico chiaramente nuovi.

Niccolò e Eleonora.

In questo lungo percorso abbiamo anche avuto modo di incontrare persone speciali che, mosse dall’amore per la vela e la nautica in generale, si sono interessate al nostro progetto di restauro ed hanno potuto aiutare nei lavori dove c’era bisogno effettivamente di un esperto. Nulla è stato lasciato al caso.

Abbiamo sbagliato? Sì, tanto. Abbiamo imparato? Moltissimo. E con grande tenacia l’obiettivo è stato raggiunto! Benvenuta Keskesè IV!”. 


ABBONATI E SOSTIENICI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo un bel regalo

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi