Italiani in Class40 alla Route du Rhum. Sarà la volta Bona?

Alberto Bona

Con l’eccezione di Giovanni Soldini e Andrea Mura, in Oceano, fino a qualche anno fa gli italiani le hanno sempre “prese”. Poi qualcosa si è mosso. Una nuova generazione di solitari (prima Giancarlo Pedote, protagonista alla Mini Transat e ora impegnato sugli IMOCA 60 al giro del mondo – e alla Route du Rhum 2022 -, poi Ambrogio Beccaria che la Mini è riuscito a vincerla) ha iniziato a dare del filo da torcere ai francesi, indiscussi leader della “course au large”. Alla ultima Mini Transat gli italiani sono andati fortissimo: Alberto Riva ha chiuso al secondo posto la tappa numero 2, gli altri skipper sono apparsi spesso nella parte alla della classifica.

Una volta “conquistata” la classe Mini, è ora di guardare più in su. I Class 40 (12,19 x 4,50 m) sono il naturale step verso una vela oceanica ancora più importante. Servono più soldi, più credibilità per impostare un progetto sportivo solido. E’ finita da un pezzo l’epoca della vela romantica. Non basta soltanto “esserci”, ma bisogna andare in oceano a giocarsela con i migliori.

La sfida al top di Alberto Bona

Non è andata bene fino ad ora (i francesi dominano), ma quest’anno potrebbe essere la volta buona. Anzi, Bona. E’ proprio Alberto Bona il primo italiano a presentare ufficialmente una sfida seria nel mondo dei Class 40. Lo ha fatto ieri a Milano con il progetto ‘Sailing into the Future. Together’ supportato dalla casa farmaceutica IBSA che parte nel 2022 con la Route du Rhum, leggendaria transatlantica in solitario di 3.542 dalla Francia alla Guadalupa (con partenza il 6 novembre da Saint Malo).

Alberto Bona

Il velista torinese di 36 anni, con una grande esperienza in oceano, sarà a bordo di un Class 40 di ultimissima generazione progettato dal guru della vela oceanica Sam Manuard (il varo è previsto a luglio) ed è a capo di un team di grande esperienza e talento sportivo.

Il video sulla sfida di Alberto Bona:

Ora Alberto si allenerà come un ossesso per quattro mesi sul suo Figaro 3 per prepararsi all’avventura. Perché alla Route du Rhum, stavolta, non si va per fare numero.

Ci sarà anche Bogi “il Cammellone”

Non ci sarà solo Alberto Bona. Anche il già citato Ambrogio Beccaria, per gli amici Bogi (o “Cammellone”), è pronto con un progetto altrettanto serio.

Ambrogio Beccaria

Barca nuovissima in costruzione a Genova, uno sponsor molto importante, il talento indiscusso di Ambrogio già ampiamente dimostrato sono gli ingredienti della sfida oceanica del milanese Beccaria (31 anni, due volte Velista dell’Anno), il grande avversario (e amico) di Bona. La nostra speranza è che questa sfida tra “paisà” possa fare da sprone e portarli lassù, in alto, nell’Olimpo della vela oceanica.

Andrea Fornaro c’è!

Bona e Beccaria non saranno i soli italiani sulla linea di partenza a Saint Malo.

Il Class 40 di Andrea Fornaro

Ci sarà anche Andrea Fornaro (con il Class 40 171 progettato dallo studio VPLP Design e costruito dal cantiere Multiplast di Vannes, in Bretagna).

E.R.


ABBONATI E SOSTIENICI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo un bel regalo

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Ice 62 Targa (17m), la sportiva che si veste da blue water

Al Cannes Yachting Festival erano numerose le anteprime mondiali lanciate dai cantieri del settore vela. A rispondere presente all’appello delle novità è stato anche Ice Yachts, che ha lanciato un aggiornamento del suo 62 piedi, ovvero l’Ice 62 Targa, un

Torna su