TECNICA Come liberare il winch da una cima incattivata

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Quando navigate in equipaggio ridotto, o con a bordo dei principianti, siete di fatto dei navigatori solitari, e dovete ragionare come tali. Questa è la filosofia che guida il lavoro da istruttore di Luca Sabiu: “Quali sono le manovre o emergenze in mare che causano maggiore stress quando si è da soli?”, è stata la domanda che ha rivolto a un campione di oltre 80 velisti. Ha ricevuto tantissime risposte, così ha deciso di affrontare per noi tutte le situazioni indicate dai dipartisti interpellati, mostrando come gestirle in tranquillità e sicurezza. In questa puntata vi spiega cosa fare se la scotta o la drizza si incattiva sul winch.

LIBERARE IL WINCH DA UNA DRIZZA O SCOTTA INCATTIVATA

Potrebbe succedere che un vostro ospite in barca, preso dalla voglia di aiutarvi faccia un “bel pasticcio” cazzando a ferro una scotta o drizza in maniera non ordinata sul winch, e amplifichi il problema continuando a cazzare ancora di più nella speranza di liberare la scotta.

1. La “frittata” è fatta. In questo caso ad essere incattivata sul winch è la drizza del genoa: la tensione è stata tale per cui non risulta possibile liberarla a mano.

2. Rassicurate il vostro amico che il problema si risolverà facilmente, da buoni comandanti allontanate qualsiasi proposta di tagliare la cima (soluzione spesso avanzati dagli inesperti). Utilizzate un altro winch sulla tuga o in pozzetto e con una qualsiasi cima libera andate ad effettuare un nodo di bozza sulla vostra drizza in tensione.

3. Così facendo scaricherete il carico e poter così liberare il winch implicato: cazzate con la maniglia la nuova cima annodata su quella in trazione…

4. …scaricando effettivamente la tensione. Ora liberare il primo winch dalla cima incattivata sarà un gioco da ragazzi.

DA RICORDARE
• Se siete di bolina potrebbe essere utile poggiare al lasco per effettuare la manovra con la barca non sbandata

• Mostrate la massima tranquillità senza prendervela con chi ha incattivato la cima

• Chiedete all’equipaggio di allontanarsi per evitare il rischio di maldestri tentativi a mano di sbrogliare il nodo (incidenti alle dita sono in questi casi all’ordine del giorno!)

CHI E’ IL NOSTRO ESPERTO
Luca Sabiu, 44 anni, milanese di nascita, “cittadino del mare per adozione” dall’età di 5 anni. Comandante navi da diporto, Istruttore Federale Vela YeM Federazione Italiana Vela (FIV), professionista oceanico e navigatore solitario e da tempo in prima linea per la sensibilizzazione della sicurezza in mare. Collabora con la scuola Nautica di Vivere la Vela (www.viverelavela.com), a capo del team di eccellenza Master Sail: i suoi corsi di formazione hanno l’obbiettivo di creare navigatori autonomi e responsabili. Ci mostrerà, in questa e nelle prossime puntate, i segreti per effettuare anche in condizioni difficili tante manovre indispensabili per la navigazione.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “TECNICA Come liberare il winch da una cima incattivata”

  1. Francamente almeno da quello che mettete in foto mi sembra un metodo sbagliato, se la drizza è già arrivata a battuta cosi si si forza ancora sia sul lato drizza sia sul lato winch sulla drizza e soprattutto sul lato drizza si possono fare dei danni pesanti se questa era arrivata in cima.
    Il sistema più sicuro è prendere la cima libera in uscita dal winch e forzarlo con l’altro winch nel senso contrario dell’avvolgimento, si toglie un collo alla volta e alla fine si libera la cima

  2. In effetti il tiro dovrebbe essere verso poppa, per mettere in tensione ulteriore la drizza che va verso il genoa, allentando quindi la tensione sulla coda avvolta sul winch. Un winch delle scooter del genoa, ad esempio avrebbe potuto funzionare. Altrimenti un paranco volante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Navigare al lasco: la soluzione del Parasailor, facile ed efficace

Nei primi due approfondimenti dedicati alla tecnica della navigazione al lasco abbiamo approfondito alcuni concetti fondamentali: la tecnica migliore di conduzione, le caratteristiche delle vele da andature portanti e i loro angoli e intensità di vento d’utilizzo.  Abbiamo volutamente lasciato

Registrati



Accedi