developed and seo specialist Franco Danese

Nuova patente nautica solo attraverso le scuole nautiche. Ecco perché

Marina Punta Gabbiani
Dove tenere la barca: tre soluzioni dalla Milano Yachting Week
15 febbraio 2022
Comuni in guerra per la conquista delle isole della Costa Smeralda
16 febbraio 2022

nuova patente nautica - STUDIO

In un recente articolo vi abbiamo spiegato che per l’ammissione all’esame per il conseguimento della nuova patente nautica – le cui modalità entreranno ufficialmente in vigore il 13 maggio 2022 (qui tutti i nuovi quiz, uniformati a livello nazionale) – sono necessarie cinque ore di pratica certificate presso una scuola nautica abilitata, e che la Lega Navale Italiana non viene intesa come scuola nautica. Di conseguenza, i candidati LNI che si sono preparati in questi mesi si trovano impossibilitati a iscriversi alle prossime sessioni di esame.

Si è sollevato un vero e proprio polverone di commenti: chi gridava “allo scandalo”, chi ipotizzava un aumento dei prezzi dei corsi nelle scuole nautiche, chi pensava il provvedimento fosse giusto e sacrosanto.

Nuova patente nautica, il punto di vista delle Scuole Nautiche

Per fare chiarezza sulla nuova patente nautica, pubblichiamo la precisazione di Adolfo D’Angelo, segretario nazionale della sezione nautica di Confarca, associazione di categoria di autoscuole, studi di consulenza, scuole nautiche e centri di revisione. D’Angelo ribadisce la centralità della scuola nautica nel percorso di conseguimento della patente e auspica che riprenda al più presto la formazione dei cosiddetti “esperti velisti” (formati da LNI e FIV), dai quali attingere personale per gli esami della patente nautica a vela.

Egregio Direttore,

Il dibattito alimentato dall’articolo pubblicato lo scorso fine settimana da questo prestigioso giornale, ci permette di intervenire chiarendo alcune questioni che hanno finalmente trovato risoluzione con l’entrata in vigore, nel mese di settembre del 2021, del decreto 323 (meglio noto come il “decreto patenti”) per ciò che concerne la nautica da diporto. Un chiarimento indispensabile, fortemente richiesto dalla confederazione che rappresento e che è stato sostenuto, tra gli altri, da Confindustria Nautica e dall’Unasca. 

Negli ultimi vent’anni, come rappresentanti delle scuole nautiche, ci siamo trovati a combattere un fenomeno dilagante nel nostro Paese, ovvero la concorrenza sleale di associazioni che, con regimi fiscali estremamente più vantaggiosi rispetto a quelli previsti dal codice ATECO applicato ai titolari di agenzie e scuole nautiche, hanno potuto organizzare corsi per patenti nautiche a prezzi spesso stracciati, pubblicizzati un po’ dovunque ed aperti anche a coloro i quali non risultavano tesserati. Queste associazioni, va ricordato, sono per statuto senza scopo di lucro. 

Come confederazione, attraverso lo zelo del sottoscritto e del suo vice, Marco Morana, abbiamo documentato e presentato, con prove alla mano, tale fenomeno ai tavoli tecnici ministeriali durante la stesura del decreto approvato lo scorso 10 agosto 2021. Il legislatore ha recepito l’incongruità e ha perorato la causa di chi svolge attività professionale, ribadendo anche ieri, con la circolare esplicativa che chiarisce il ruolo delle scuole nautiche, che le uniche abilitate al conseguimento delle patenti sono quest’ultime, le quali dovranno essere sempre garanti di un’alta formazione come accade ancora oggi.

La nostra non è stata una guerra contro qualcuno in particolare: è una questione di principio. Paghiamo tasse, tantissime tasse, e non vogliamo vederci danneggiati da chi vede applicato un balzello che non supera il 3 per cento perché sulla carta risulta essere una associazione.

Le associazioni come Lega Navale o Federazione Italiana Vela, sono degli enti storici che contribuiscono alla divulgazione della cultura marinaresca, in particolar modo tra i più giovani. Noi ci auguriamo che ciò possa proseguire negli anni, nel rispetto di quanto però stabilito dal decreto 323. E proprio partendo da questo auspicio, ci auguriamo che i CIN (Centri Istruzione Nautica, ndr) tornino a formare gli esperti velisti, figure fondamentali per gli esami pratici per la patente nautica, e che lo facciano come stabilito dalle disposizioni ministeriali, formando cioè i velisti provenienti anche da altri enti.

Purtroppo, sono cinque anni ormai che i corsi per la formazione di queste figure professionali sono congelati: ciò comporterà il blocco dei turnover all’interno delle scuole nautiche, oltre ad una congestione negli esami alla stregua di ciò che sta accadendo all’interno del settore automobilistico per le patenti di guida. Non possiamo permetterci una fase di stallo nel settore: il nostro auspicio è che quanto ribadito fino a ieri dal dicastero porti di nuovo ad un’armoniosa e proficua collaborazione per sviluppare ancor di più la nautica tutta.

Con stima,

Adolfo D’Angelo


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

1 Comment

  1. Gianenrico ha detto:

    Sfugge la “ratio” per la quale FIV e LNI possono formare gli esaminatori (E.V.) ma non gli esaminandi.
    Bolkenstein?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi