Tecnica, l’ammainata del gennaker: meglio calza o frullone?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Ammainata del gennaker
Sulla penna di questo gennaker si nota la calza.

In crociera, se siamo dei velisti che amano navigare a vela il più possibile, ci capiterà di utilizzare il gennaker, ma come gestiamo l’ammainata se il vento aumenta all’improvviso e siamo con un equipaggio famigliare o poco esperto? Sarà probabile che il nostro gennaker da crociera sia armato con calza o con frullone, andiamo a vedere in entrambi i casi come lavorare.

Ammainata del gennaker – la calza

Se il nostro gennaker è armato con calza la cosa fondamentale sarà tenere in chiaro il circuito di questa ed evitare grovigli che ne pregiudichino il funzionamento. Prima di iniziare con l’ammainata del gennaker è quindi fondamentale verificare che il circuito sia “pulito” e corra liberamente. Fatto ciò si poggia in  maniera decisa fino a coprire la vela con la randa, quando la viene “nascosta” collassa perché la randa le copre il vento. Con il gennaker sgonfio calare la calza sarà molto più semplice e veloce. In ogni caso la scotta deve essere sufficientemente lasca per far si che il gennaker sia abbastanza scarico qualora il timoniere non riesca a tenere un’andatura poggiata.

Ammainata del gennaker – il frullone

In questo caso non dobbiamo fare una vera e propria ammainata del gennaker, ma la difficoltà sarà nell’avvolgimento della vela. Poggiare anche in questo caso è consigliabile, ma per un corretto avvolgimento della vela questa non deve essere totalmente collassata. Per avere un avvolgimento omogeneo è necessario che la vela resti leggermente in pressione, così che l’avvolgimento sia sufficientemente stretto. Attenzione, se il carico è troppo rischiamo comunque di non fare un buon lavoro. Per questo motivo serve una persona alla scotta che segua l’avvolgimento della vela, lascando o cazzando per favorirne la chiusura e la successiva ammainata.

Se ci accorgiamo che il “tubo” del tessuto avvolto sta diventando troppo voluminoso e con pieghe visibili, è il segnale che sulla vela c’era poco carico. Meglio riaprirla e partire da capo piuttosto che cercare ci correggere in corsa rischiando zone avvolte più strette e zone meno. Situazione che ci creerebbe notevoli problemi nel momento in cui vogliamo riaprire la vela.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi