Tre soluzioni contro gli scivoloni in barca: ecco come evitare di farsi male

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Nel padiglione accessori della Milano Yachting Week – The Digital Boat Show trovate una miriade di prodotti realizzati per facilitare manovre e ormeggio, o per rendere più piacevole la vita a bordo. Qui vi parliamo di tre soluzioni che risolvono un problema pratico: come non scivolare in coperta? Se vi interessano questi prodotti potete inviare una mail agli espositori che li presentano, semplicemente riempiendo il form mail che trovate nella pagina prodotto!

SCOPRI TUTTE LE CHICCHE CHE PUOI TROVARE NEL PADIGLIONE ACCESSORI

La vernice antisdrucciolo che applicate “fai-da-te”

La prima soluzione antiscivolo è rappresentata da KiwiGrip (che trovate nello stand di Indemar), ideale per la vostra coperta e per gli amanti del fai-da-te. Si tratta di una vernice acrilica a base d’acqua, resistente agli agenti atmosferici. KiwiGrip non è tossica e non contiene solventi. L’applicazione avviene con un rullo e potrete decidere lo spessore e la “grana” dell’antiscivolo, a seconda della pressione che eserciterete. La leggerezza del prodotto e la sua economicità lo rendono una delle soluzioni più scelte: sono tanti, ad esempio, i velisti oceanici che si affidano alle vernici antiscivolo!

L’antisdrucciolo da barca ispirato dai surfisti delle Hawaii

Un’altra soluzione è stata ideata da Harken ed è stata ispirata dai surfisti delle Hawaii che avevano un problema pratico. Trovare un modo di applicare alla tavola qualcosa che non li facesse scivolare nei momenti cruciali della surfata e che non fosse abrasivo per i piedi. Ecco, Harken Marine Grip ha preso il meglio di questa invenzione e l’ha trasferita sulle barche. Questo nastro, ritagliabile in base alle esigenze, va bene su qualsiasi superficie di calpestìo in barca. Non è abrasivo e inoltre non è realizzato in schiuma che potrebbe assorbire l’acqua, si installa facilmente dovunque senza bisogno di specialisti.

Il sughero come antiscivolo

Chiudiamo con Marinecork, il sughero per la nautica: si pone come l’unica vera alternativa naturale al teak. Facile da installare, ha un’altissima resistenza meccanica, oltre ad essere un perfetto antiscivolo è un ottimo isolante termico, proprio per questo motivo non scotta al tatto. Infine è antimacchia e isolante acustico; non per ultimo è piacevolissimo sotto i piedi, garantedovi pieno relax a bordo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Speciale Porti 2024

Porti italiani. Questa è la top 20 del 2024

Con un totale di oltre 112mila posti barca l’Italia si conferma una destinazione top per il turismo nautico europeo e mondiale. Ma se dalla quantità si passa alla qualità dell’offerta di “accoglienza” sul mare, si scopre che sono solo 88

HP Watermaker SCA 100

Sette domande al dissalatore. Ecco cosa sapere su questo accessorio

  Il dissalatore è diventato un accessorio imprescindibile per molti armatori, sempre più desiderosi di averlo a bordo delle loro barche. Questa crescente richiesta può essere attribuita a diversi fattori. Innanzitutto, l’uso delle imbarcazioni si sta evolvendo: non sono più

Registrati



Accedi