Bolina con poco vento e onda contraria: le 4 mosse per cavarsela

Se c’è un’andatura che fa “impazzire” i timonieri e i taler, quella è la bolina con poco vento e onda. Una condizione snervante anche per i velisti professionisti, che richiede calma, tecnica e idee chiare sul da farsi per fare avanzare la barca. Certo, se siamo in crociera, probabilmente in questa situazione accenderemo il motore. Se invece ci troviamo in regata, o se siamo obbligati a navigare a vela, vale la pena armarsi di pazienza e seguire questi consigli.

1 – IL PESO DELL’EQUIPAGGIO

Va spostato dalla poppa, tutti devono posizionarsi a centro barca con qualcuno a prua delle sartie, quasi tutti sottovento in base all’intensità del vento. Da 8 nodi in giù tutti sotto, sopra gli 8 nodi si inizia a portare sopravvento un membro dell’equipaggio alla volta partendo dai più leggeri. Bisogna evitare il peso a poppa perché nelle barche moderne è spesso quasi la zona più larga della barca, che se appesantita creerebbe molto attrito sull’acqua. In generale anche su barche con poppa più stretta, il peso va concentrato a centro barca e sottovento.

2 – L’ANGOLO AL VENTO

Avremo vento minore di 10 nodi e onda contraria che fràa sbattere frequentemente la barca. Un situazione in cui pensare di stringere molto la bolina sarebbe controproducente. Tenendo un angolo invece intorno ai 50 gradi di reale, leggermente più aperto del dovuto, la nostra VMG complessiva migliorerà nonostante la bolina meno stretta grazie a una velocità di molto maggiore rispetto a tenere la barca impuntata contro l’onda. Piuttosto orzeremo qualche grado nei momenti in cui il vento ci darà un leggero rinforzo di pressione.

3 – LA REGOLAZIONE DEL FIOCCO

Presupponendo di avere un randista che regolerà la randa svergolandola in testa per renderla potente, portando sopravvento il carrello e lascando un po’ di scotta, un ruolo cruciale lo avrà il tailer del fiocco. Si posizionerà sottovento, con la scotta in mano, e cercherà di non cazzare la vela al suo massimo ma si fermerà appena prima. Se navighiamo con un fiocco dotato di barber  lo appunteremo ma senza esagerare con la tensione. Se invece lavoriamo con una vela con carrello tradizionale ,occorrerà avanzarlo per cercare di fare la base della vela più potente e non avere la balumina troppo aperta che perderebbe potenza. La drizza avrà una tensione piuttosto morbida, lasceremo che la vela lungo l’inferitura mostri le prime pieghette orizzontali, per avere il massimo della sua profondità e potenza.

4 -IL TIMONIERE

In queste condizioni il suo tocco sul timone è cruciale. Deve essere delicato e cercare di anticipare le onde con piccole correzioni di rotta. Può orzare leggermente quando arriva l’onda ma poggiare subito dopo, senza farsi trovare troppo stretto al vento per due o tre onde di fila. Ogni “zappata” brusca di timone sono decimi, se non nodi, di velocità persi. Il timoniere dovrà stare più attento del solito a non portare mai la barca controvento, perché in condizioni di onda la ripartenza sarebbe “dolorosa” se la barca decellerasse di molto perdendo il suo vento apparente già basso.

Mauro Giuffrè


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar e tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su