Come si leggono le polari della vostra barca? Ce lo svela il “guru”

Nella tabella, le polari di un Italia Yachts 12.98. Il blu è relativo alle prestazioni del fiocco, il verde allo spi simmetrico. A sinistra il diagramma relativo al vento apparente, a destra al vento reale

Avete presente quei geroglifici che avete intravisto sfogliando i documenti di una barca? Quei cerchi pieni di linee colorate che si intersecano e di numeri apparentemente incomprensibili?Bene, tranquillizzatevi, quelle sono le cosiddette “polari”.

Polari, quello che dovete sapere

In pratica servono per descrivere le prestazioni della barca in funzione dell’intensità e della direzione del vento. Se pensate però che si tratti solo di “roba da progettisti”, vi sbagliate di grosso. Sono infatti il metodo migliore per definire i target che la vostra barca è in grado di raggiungere nelle diverse condizioni. Abbiamo chiesto di spiegarcene i segreti a uno che di polari (e soprattutto di velocità) se ne intende: Matteo Polli, progettista italiano, dalla cui matita è uscito tra gli altri l’Italia 9.98, campione del mondo ORC e il Grand Soleil 44 Essentia che ha trionfato anch’esso al mondiale ORC.

Cosa sono le polari e a cosa servono?

Le polari sono le curve che descrivono le prestazioni della barca disegnate su un grafico di tipo polare (di qui la denominazione) in funzione dell’intensità e della direzione del vento reale o apparente. Ogni set di curve rappresenta una particolare configurazione di vele, ad esempio randa e fiocco per le andature di bolina piuttosto che randa e spinnaker per le portanti, ed è composto da singole curve relative alle varie intensità di vento. Le polari sono molto utili per studiare il comportamento della barca in fase progettuale ma anche successivamente per definire i target e i crossover delle vele.

Chi è che usa solitamente le polari?

I primi ad usare le polari sono appunto i progettisti con lo scopo di confrontare le varianti di progetto, ma ovviamente anche i velisti ne traggono vantaggio in particolare navigatori, timonieri e regolatori delle vele in quanto coinvolti nel far raggiungere le massime prestazioni alla barca. Generalmente, in barca viene più comodo usare le polari in formato numerico tabulare che più comunemente viene chiamato tabella dei target.

Alle polari sono associate delle tabelle che potete portarvi in barca per cercare di settare al meglio la vostra imbarcazione. Nel caso specifico si tratta delle tabelle del nuovo Italia Yachts 12.98, un altro progetto di Matteo Polli. TWA (True Wind Angle), angolo del vento reale. BTV: velocità della barca. VMG (velocity made good): Velocità ottimale di avvicinamento a un punto. AWS (apparent wind speed): Velocità del vento apparente. AWA (apparent wind angle): Angolo Vento Apparente. Heel: Angolo sbandamento. Reef: Coefficiente di riduzione della superficie velica. Flat: Coefficiente relativo alla profondità delle vele.

Servono a un velista non regatante?

I diagrammi polari non servono solamente ai regatanti ma a chiunque naviga su una barca a vela in quanto utili alla pianificazione delle rotte.

Se non si riescono a raggiungere le VMG indicate dalle polari, bisogna preoccuparsi?

Normalmente le polari sono il risultato dei sofisticati calcoli che i software di previsione delle performance (VPP) fanno, si tratta quindi di calcoli teorici che per vari motivi potrebbero non essere esattamente in accordo con la realtà. Inoltre, la strumentazione elettronica di bordo potrebbe non essere molto precisa o ben calibrata. Questi fattori possono portare anche a grosse discrepanze tra i numeri che si leggono sugli strumenti e quelli delle tabelle target (VMG).

C’è qualche accorgimento da seguire per verificare le polari senza fare errori?

La procedura per verificare ed eventualmente correggere le polari teoriche di cantiere prevede, prima di tutto, di calibrare al meglio la strumentazione elettronica di bordo e poi navigare al meglio delle possibilità della barca alle varie andature e con le varie intensità di vento registrando i dati di navigazione o semplicemente annotando le letture degli strumenti, in particolare angolo con il vento e velocità della barca, da confrontare poi con i diagrammi polari.

Chi è Matteo Polli

Nato a Gorizia nel 1980, Matteo Polli si è fatto le ossa e ha raccolto i primi successi come “ottimizzatore” delle barche ORC, per poi entrare come project manager e chief designer in Italia Yachts. Le sue barche sono velocissime, l’Italia Yachts 9.98 ha vinto il mondiale ORC. Dal 2018 inizia la sua attività di progettista indipendente che lo porterà a collaborare con vari cantieri (come Il Cantiere del Pardo, per il quale ha progettato il Grand Soleil 44 campione del mondo ORC).


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Torna su