Cinque trucchi di bordo per navigare meglio l’estate prossima

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

trucchi di bordoSono tanti gli accorgimenti e i trucchi di bordo per ottimizzare le vostre attrezzature di bordo. Con la barca “a riposo” è il momento giusto per dedicarvi a migliorare la coperta della vostra barca in vista della prossima crociera estiva. Ecco cinque consigli per ridurre gli sforzi e migliorare le performance in navigazione.

Cinque trucchi di bordo in coperta per navigare meglio

Trucchi di bordo – Il paranco fine

Chi possiede una barca con la scotta randa a paranco sa bene le difficoltà di questo sistema con vento forte, sia per cazzare che per lascare. Può sempre essere d’aiuto rinviare la scotta sul winch primario libero, ma non sempre la direzione di tiro è corretta. Col rischio di far lavorare male il bozzello e romperlo.

Le soluzioni al problema sono due: la più semplice è quella di montare sul circuito a paranco principale una seconda linea, detta paranco fine, che riduce notevolmente il carico sulla scotta consentendo di aprire lo strozzatore con più facilità, oltre che di regolare la randa con sforzi più contenuti. Nel caso la modifica del vostro circuito non sia possibile, in commercio si vendono anche paranchi già dotati della seconda linea (ottimi quelli della Harken, vedi sopra o della Antal).

La seconda soluzione, un po’ più complessa ma più efficace, è quella di rinviare una delle due estremità della scotta parancata su un winch delle drizze (anziché fissarla sull’arricavo), lasciando l’altra a comporre il circuito del paranco. In sostanza: dal bozzello sotto il boma una estremità della scotta va verso il piede d’albero (correndo lungo il boma) e poi dal piede d’albero viene rinviata su un winch delle drizze. L’altra estremità compone invece il circuito del paranco ed esce dal bozzello con relativo strozzatore sul trasto. In questo modo, con vento leggero si può continuare a regolare la scotta con il suo solito paranco a portata di mano del timoniere. Con vento forte, lasciando strozzata la scotta sul paranco, si regola l’altro capo servendosi del winch delle drizze e dello stopper sulla tuga.

Trucchi di bordo – Issare la randa senza sforzo

Ecco una soluzione che arriva dritta dritta dal mondo delle regate: la drizza della randa parancata. Si tratta in buona sostanza di applicare un bozzello sulla tavoletta (penna) della randa in modo che la drizza possa tornare in alto, fissandola su un punto fisso in testa d’albero, così da creare un paranco 2:1. Oltre a diminuire la compressione esercitata dalla drizza sull’albero, questo sistema consente di dimezzare lo sforzo necessario per issare la randa, ma anche l’eventuale membro di equipaggio da issare in testa d’albero.

Applicare questo sistema alla propria barca è semplice: occorre sostituire la drizza esistente con un’altra di lunghezza quasi doppia (c’è chi utilizza la vecchia drizza aggiungendoci una coda, ma in quel caso è bene far fare la piomba da un professionista e non utilizzare quella drizza per issare un uomo sull’albero), montare un bozzello sulla tavoletta della randa (ottimo quello fatto per questo scopo della Antal) e realizzare un punto fisso in testa d’albero, nella stessa struttura che serve da attacco al paterazzo. Un consiglio: per evitare che la drizza possa prendere dei giri su se stessa, usate un bozzello che non ruota.

Trucchi di bordo – Il carrello del genoa

Sono davvero poche le barche da crociera di serie dotate del circuito di regolazione dei carrelli del genoa, e pensare che questo utilissimo sistema, che evita di dover lascare la vela ogni qual volta occorre spostare il punto di scotta, nonché muoversi dal pozzetto per sganciare e riagganciare il fermo del carrello, dovrebbe ancor più essere di complemento a un genoa avvolgibile.

Basta infatti rollarlo di un paio di giri ed ecco che la scotta non ha più la corretta direzione di tiro. Applicarlo alle rotaie di una barca che ne è sprovvista è tutto sommato semplice. L’importante è tenere presente che, per funzionare bene manualmente, il paranco deve essere almeno a quattro vie per una barca oltre i 10 metri. Il più semplice paranco 2:1 vi costringerebbe a utilizzare un winch, con tutte le problematiche che può comportare.

Trucchi di bordo – I terzaroli rapidi

Si tratta di un sistema che permette di ridurre la superficie velica, ma bisogna apporre delle modifiche alla randa. Chi vuole far da sé può realizzare il circuito facendo un cunningham per ciascuna mano di terzaroli, cioè una cima da rinviare ai winch delle drizze, che serve per abbassare l’inferitura della randa. Per realizzare questo sistema occorre montare due golfari sull’albero all’altezza della trozza del boma, che fungono da punti di mura per ciascuna mano di terzaroli, in sostituzione del classico gancio in acciaio. In qualche caso si possono montare i golfari nella stessa trozza, evitando di praticare fori sul profilo dell’albero.

L’importante è che la mura della mano di terzaroli si trovi in posizione tale da mantenere l’inferitura della randa il più possibile vicina alla rotaia dell’albero, così da non sollecitare i carrelli o i garrocci. Il circuito dei cunningham dunque parte dai golfari, dove si fissano le cime con una gassa o un nodo del cappuccino, entra negli occhielli sull’inferitura della randa, ridiscende a piede d’albero e da un bozzello vanno a uno stopper in pozzetto. Per ridurre la randa basterà quindi agire sui singoli cunningham delle mani e sulle borose della vela.

Sopra: tre sistemi per ridurre la randa

1. Il sistema a borosa unica è facile da installare. Per terzarolare è sufficiente lascare la drizza fino a un segno predeterminato e cazzare con forza la borosa unica.

2. Questo sistema è rinviato su entrambi i bordi. Si devono posizionare i bozzelli in modo tale che il tiro sia verso l’esterno e il basso per appiattire la vela e prevenire i carichi laterali che forzano sull’inferitura.

3. L’utilizzo del lazy jack consente di controllare la randa durante l’ammainata e mentre si prendono i terzaroli. è molto utile con le rande completamente steccate, ma lavora bene anche con le rande tradizionali.

 


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su