Spinnaker con vento forte, basta paure! I quattro consigli per non sbagliare

La strapoggia di Le Coq Hardy. Foto Studio Borlenghi

Durante i mesi invernali su e giù per lo stivale si svolgono decine di Campionati Invernali ai quali partecipano equipaggi di tutti i livelli. Le giornate di vento forte non sono rare e al giro di boa di bolina i meno esperti si pongono la fatidica domanda: issiamo o no lo spinnaker? Facciamo allora un ripasso su alcune norme generali per condurre in sicurezza la barca sotto spinnaker ed evitare i due spauracchi della poppa con vento forte: la straorza e la strapoggia. Ovviamente questi consigli valgono a patto che issiamo una vela di adeguata grammatura per condizioni che immaginiamo essere almeno dai 18-20 nodi in su e in buone condizioni. Una vela di grammatura leggera o troppo vecchia rischia di cedere nel vento forte anche se viene condotta al meglio.

1 – NON PARTIAMO TROPPO ORZATI

Nel momento in cui iniziamo l’issata la barca deve essere già posizionata al lasco profondo. La vela salirà così protetta dalla randa e sotto il genoa e si gonfierà solo quando sarà arrivata in testa d’albero. Se la barca fosse più orzata rischierebbe di prendere vento prima e gonfiandosi con violenza rischieremmo subito di straorzare oltre che non riuscire a drizzarla facilmente fino in testa. Meglio partire da un’andatura più bassa, con vento forte non sarà necessario orzare per farla gonfiare.

2 – LA DRIZZA SEMPRE IN CHIARO

La prima regola è quella che riguarda il drizzista: la drizza dello spinnaker/gennaker, una volta che la vela viene issata, deve sempre essere in chiaro, pronta a essere “sparata” se la barca straorza o strapoggia. In quel caso infatti se la barca viene completamente “stesa” e col timone non riusciamo più a tornare in rotta l’unico modo per ritornare in assetto è mollare la drizza. Sarà fondamentale averla pronta e in chiaro per l’ammainata.

2 – L’IMPORTANZA DELLE SCOTTE

Se navighiamo con tangone e spinnaker quadreremo la vela in maniera non eccessiva. Se ci sono più di 18-20 nodi e non abbiamo un equipaggio troppo esperto non andremo a quadrare la vela come faremmo con 12-15 nodi, ma la terremo leggermente meno esposta e quindi meno “potente”. Con un po’ di superficie in meno esposta sopravvento il rischio della strapoggia diminuisce.

Quando la barca inizia a “pendolare” sopravvento il trimmer cazzerà un po’ di scotta e chi si occupa del braccio darà una piccola strallata, così la vela verrà leggermente depotenziata (mettendola un po’ più in copertura della randa) e la barca tornerà velocemente in assetto. Potremo poi tornare a lascare un po’ di scotta riprendendo anche quei centimetri di braccio mollati prima. E proseguiremo così giocando sulle raffiche e sulle onde, evitando sempre di farci trovare sorpresi con troppo tela esposta sopravvento.

4 – IL TIMONIERE

Vietate le escursioni violente di timone. Il timoniere navigherà in modalità “bassa”, poggiata, ma non come farebbe per esempio con 15 nodi. In questo caso data l’intensità del vento un’andatura leggermente più orzata, appena un paio di gradi, sarà utile a tenere la barca più stabile e la vela sarà anche un po’ più facile da regolare. L’angolo giusto in questo caso cambia in base al tipo di barca (le barche strette sono più difficili) o al tipo di vela. Con il gennaker sarà un po’ più facile trovare l’angolo ideale perché la vela ha una forma che di suo non ci consente di navigare troppo poggiati, ma piuttosto dovremo stare attenti alla straorza non navigando troppo “alti”.


AIUTACI A TENERTI SEMPRE AGGIORNATO

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar e tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Ice 62 Targa (17m), la sportiva che si veste da blue water

Al Cannes Yachting Festival erano numerose le anteprime mondiali lanciate dai cantieri del settore vela. A rispondere presente all’appello delle novità è stato anche Ice Yachts, che ha lanciato un aggiornamento del suo 62 piedi, ovvero l’Ice 62 Targa, un

Torna su