developed and seo specialist Franco Danese

Cinque barche straordinarie del 2021, cinque armatori appassionati

Sapete qual è l’arcipelago con più isole del Mediterraneo? È vicino all’Italia!
30 dicembre 2021
Scopri i segreti delle antivegetative (italiane) scelte per Expo Dubai 2020
31 dicembre 2021

capricorno barche dell'anno

Le barche più belle dell’anno scelte per la loro storia, l’eccezionalità del progetto, la tenacia dei loro armatori, la longevità della “carriera” velica. Ecco quali sono le cinque barche del 2021, per noi, uniche ed irripetibili

Una bella notizia. Nel 2021 barche, armatori ed equipaggi italiani sono ritornati a navigare liberamente in Italia e in Mediterraneo. Un vero e proprio boom per la vela, con incrementi di vendite e noleggio di barche che non si vedeva dal 2007/2008. Ma non solo. Anche il mondo delle regate d’altura, dopo anni di declino, è esploso con record di partecipazione alle manifestazioni più conosciute. Centinaia di barche, nuove e datate, piccole e grandi, di ogni genere e di ogni età, sono tornate sui campi di regata.

Con un entusiasmo che non si vedeva da anni, con uno spirito contagioso da parte degli armatori che, finalmente, hanno privilegiato la passione invece della sola prestazione.

Per testimoniare questa svolta positiva e incoraggiante, abbiamo stilato un’atipica Top Five di bellissime barche italiane e dei loro armatori (e testimonial) che hanno partecipato alle regate più prestigiose e più affollate del 2021. La scelta delle cinque bellissime non è dettata solo dai risultati ottenuti, ma anche con altri parametri: la loro storia, l’eccezionalità del progetto, la tenacia del loro armatore, la longevità. Insomma le abbiamo “premiate” per la loro unicità. Eccole.


Cinque barche straordinarie, cinque armatori appassionati

Capricorno

m. 24, 1995, one-off (Reichel Pugh/Nauta)
Armatore: Rinaldo e Alessandro Del Bono
Eventi: Maxi Rolex Cup (Porto Cervo), Regate di Primavera (Portofino), Voiles de Saint Tropez (Costa Azzurra)

Una storia così avventurosa poche barche al mondo ce l’hanno. Capricorno nasce nel 1995, si chiama Morning Glory, la progetta uno degli studi più famosi, Reichel Pugh e la costruisce McConaghy in Australia, il cantiere navale che ha costruito molte delle barche più famose della storia. Morning Glory partecipa e vince nelle principali regate dell’emisfero australe, la perla è la Sydney Hobart del 1996.

capricorno barche dell'anno

Capricorno, il maxi della famiglia Del Bono, industriali della multinazionale Mediolanum Farmaceutici, davanti al faro di Portofino durante le Regate di Primavera. Capricorno nasce nel 1995 in Australia e, dopo aver vinto la Sydney Hobart, rimane inutilizzato a secco. Nel 2005 viene acquistato dai Del Bono che lo tramutano in una barca da crociera veloce, con cui hanno girato il mondo, doppiando Capo Horn. Tornato in Italia quest’anno Capricorno ha partecipato e vinto nelle principali regate mediterranee. Foto di Carlo Borlenghi

Il destino vuole che Rinaldo Del Bono e suo figlio Alessandro decidano di acquistare nel 2005 Morning Glory, di cui il vecchio armatore si è disamorato. Se n’è fatto costruire uno più nuovo e avveniristico.

I Del Bono, industriali farmaceutici milanesi, sono grandi appassionati e proprietari di barche famose già dagli anni ’80 del secolo scorso. Hanno un curriculum velico d’eccellenza che culmina nel 1995 con l’unica vittoria della squadra italiana nell’Admiral’s Cup, il campionato del mondo per scafi d’altura, di cui fa parte Capricorno ILC 46.

Ma cosa se ne vogliono fare i Del Bono di una vecchia, seppur prestigiosa, barca da regata? Vogliono farla diventare la più bella e veloce barca da crociera del mondo. La mettono nelle mani di Nauta Yachts, grande firma del design nautico.

Capricorno dopo la sua rinascita è talmente veloce da vincere l’ARC (la traversata atlantica semicompetitiva più famosa). Poi a dimostrazione di essere comoda e sicura gira il mondo per tre anni, passando anche Capo Horn. Ritornato in Italia Capricorno ritorna ad essere una comoda barca da regata quest’anno.

barche dell'anno del bono afef

Alessandro Del Bono, 56 anni, con la moglie Afef Jnifen, 58 anni, sono gli armatori di Capricorno. Sono entrambi appassionati di vela da decenni.

Con a bordo il vecchio equipaggio che aveva vinto l’Admiral’s Cup nel 1995 (nomi famosi come Flavio Favini al timone e Tiziano Nava alla tattica) vince le regate di Primavera a Portofino e ottiene altre vittorie, Rolex Maxi a Porto cervo compresa, nelle regate più pretigiose del Mediterraneo. Pochi armatori hanno avuto il coraggio di prendere una “vecchia” barca da regata e farla rinascere a nuova vita, girando il mondo e vincendo regate. Rinaldo e Alessandro Del Bono hanno dimostrato che si può fare. Capricorno è il più bel youngtimer oggi in circolazione. Un’opera d’arte dello yachting.


Persico 69F

m. 6,90, 2019 (Wilson-Marquinez)
Il team: Giorgio Benussi, Studio Casti, Maciel Cicchetti, Dede De Luca, Davide Serra, Enrico Tettamanti, Carlo Tomelleri
Eventi: Persico 69F Cup, Youth Foiling Gold Cup, 69F Pro Cup, 69F Academy

Si poteva fare qualcosa di nuovo nel mondo delle derive? Si, seguendo tre concetti: una barca che volasse sui foil, che potesse essere acquistata o affittata, in grado di coinvolgere i giovani velisti. Hanno creato un “equipaggio” per realizzare questa missione quasi impossibile.

barche dell'anno 69f

Il Persico 69F, costruito da Persico Marine, è stato progettato da Nahuel Wilson e Laureano Marquinez. Lungo 6,90 m e largo 2,10, è dotato di foil e consente il volo “facile” a chi sale a bordo. Tutti possono noleggiarne uno e partecipare al circuito Persico 69F Gold Cup. Affitti la barca con il tuo team (3-4 persone di equipaggio) e non ti devi preoccupare di altro, l’organizzazione pensa a tutto. Un circuito che quest’anno, in Italia e in Europa, ha avuto molto successo. L’emozione di volare a 16 nodi di bolina, che diventano ben 34 alle portanti, ora è davvero alla portata di tutti! Accanto al circuito “open”, c’è anche quello dedicato agli Under 25 (con l’obbligo di avere almeno una donna a bordo) e una Academy per imparare a condurre le barche foiling. C’è anche un circuito Pro, su invito, dove si sfidano velisti del calibro del timoniere di Luna Rossa Checco Bruni e l’oro olimpico Ruggero Tita.

Vi basta leggere il curriculum degli ideatori per capire come ci sia dietro un dream team eterogeneo che va dai velisti famosi, al navigatore, al finanziere, agli esperti di comunicazione e di marketing. Così è nato il 69F che in questo 2021 è riuscito a creare un vero e proprio fenomeno nella vela, con 12 eventi, 156 regate e 237 velisti coinvolti tra professionisti, armatori e giovani talenti.

Come si fa a entrare nel “mondo” 69F? Oggi ci sono dodici barche, sei noleggiabili in Europa, sei in America. Alla 69F Cup, divisa in quattro tappe, può partecipare chiunque. Puoi comprarti la tua barca (195.000 euro + Iva tutto incluso) o noleggiarne una, due, sei… La Youth Foiling Gold Cup è riservata agli Under 25 e a bordo c’è l’obbligo di avere una ragazza.

barche dell'anno davide serra

Davide Serra, 50 anni, Fondatore e AD della società di gestione del risparmio globale Algebris, fa parte del team che ha lanciato il 69F.

I segreti del successo? L’assoluta qualità costruttiva della barca. Garantisce Persico, che ha “sfornato” Luna Rossa. Poi, la possibilità di charterizzazione su misura e senza preoccupazioni: tu paghi, all’organizzazione e alle barche pensa 69F; ancora, il fatto che le barche siano “wrappabili” e personalizzabili con loghi e set di vele “griffate”, soluzione golosa per aziende. C’è anche una 69F Academy dove, pagando una fee per uno o più giorni, può salire a bordo delle barche e imparare a volare, aiutati dai professionisti di altissimo livello del circuito.


Lisa R

m. 14,01, 2015, Ker 46 (Jason Ker)
Armatore: Giovanni Di Vincenzo
Eventi: Rolex Giraglia (Costa Azzurra – Liguria), 151 Miglia (Toscana), Rolex Middle Sea Race (Malta – Sicilia), La Lunga Bolina (Lazio – Toscana)

“A bordo sta benissimo, la barca è la sua comfort zone”, ci hanno raccontato i membri dell’equipaggio del Ker 46 Lisa R dell’armatore Giovanni Di Vincenzo, 71 anni, a capo della società di costruzioni Dino Di Vincenzo e tra gli shareholders del gruppo Igefi, 370 milioni di fatturato. E ci hanno anche detto che lui, quando fa le regate lunghe, se la gode al massimo, anche in condizioni estreme.

Lisa R, il Ker 46 di Giovanni di Vincenzo, alla Rolex Middle Sea Race 2021. Il 14 metri ha ottenuto il miglior risultato tra le barche italiane alla grande classica d’altura, chiudendo al terzo posto in IRC2. La barca, varata nel 2015, è un bolide da regate lunghe ottimizzato in ogni dettaglio: è stata progettato da Jason Ker, mago delle carene veloci (già progettista in Coppa America di Shosholoza). Foto di Marcel Korte

Una stagione al vertice, quella di Di Vincenzo e la sua Lisa, che si chiama così, abbiamo scoperto, per una passione di famiglia: i Simpsons, popolare serie TV americana. La piccola Lisa Simpson troneggia sullo spinnaker e anche le precedenti barche di Di Vincenzo (prima un X-41 con cui ha vinto tante regate, poi un Reichel-Pugh 45) portavano lo stesso nome.

Giovanni Di Vincenzo barche dell'anno

Giovanni di Vincenzo, armatore del Ker 46 Lisa R, imprenditore abruzzese: grande appassionato, ha avuto prima un First 44, poi un X-41 e un RP 45.

Tornando alle regate: nel 2021 la barca ha chiuso al secondo posto overall La Lunga Bolina e la 151 Miglia (in IRC), al terzo la Middle Sea (migliore degli italiani), al quarto la Giraglia dopo una regata sempre in testa. D’altronde, stiamo parlando di un missile da competizione, a firma di uno dei geni delle barche pensate per le regate offshore, un certo Jason Ker che fu anche il progettista del Coppa America Shosholoza, che nell’edizione del 2007 a Valencia diede filo da torcere a tutti. La barca, varata nel 2015 è stata acquistata da Di Vincenzo nel 2019: pensate che aveva ben 45 vele in dotazione, soluzioni full-carbon e il timone a ruota che si smonta e può essere sostituito con la barra per le regate a bastone.

Unico “anacronismo” a bordo: la campana per scandire i cambi turno in navigazione, del tipo usato sulle navi. Il tattico Francesco Bertone ha scelto la più leggera che si trovasse sul mercato…


Itacentodue

m. 18,85, 2009, Ice 61 (Felci Yachts Design)
Armatore: Adriano Calvini
Eventi: Rolex Giraglia (Costa Azzurra – Liguria), Regate di Primavera (Portofino), 151 Miglia (Toscana)

Forse non esistono barche che incarnano meglio l’essenza “cruiser-racer” di Itacentodue, l’Ice 61 di Adriano Calvini: nella sua versione “da crociera”, è un comodo 19 metri con cui girare il mondo in famiglia. Ma poi lo svuoti, tiri giù le vele normali e monti quelle in carbonio e si trasforma in una barca da regata ultraperformante, capace di vincere la Giraglia (nel 2021 ha trionfato nella regata di avvicinamento e in classe IRC 0) e tantissime altre regate dando la polvere ai Mini Maxi di ultima generazione.

barche dell'anno itacentodue

Itacentodue, Ice 61 (18,85 m) di Adriano Calvini progettato da Umberto Felci, è una barca che rappresentava lo stato dell’arte del performance cruiser nel 2009 e che tuttora va fortissimo. Lo dimostra il fatto che non sono state eseguite modifiche alla barca: unico “update” la delfiniera fissa al posto del bompresso.

La barca è stata varata nel 2009 su progetto di Umberto Felci, costruita dal cantiere CN Yacht 2000, (oggi Ice Yachts). Cosa rende questa barca una sempreverde delle regate? La sua costruzione studiata nei minimi dettagli. Perché, come racconta Felci, i regolamenti cambiano ma le barche restano, quindi all’epoca venne realizzato il migliore 60 piedi “ibrido” possibile.

Uno scafo full carbon laminato in infusione, gli interni realizzati con speciali materiali alleggeriti di derivazione aeronautica hanno consentito il contenimento dei pesi. Le altre “chicche”? L’albero ad alto modulo in carbonio e la lifting keel che consente un pescaggio variabile, da 2,5 a 4 metri.

Ma per chi è stata creata Itacentodue? Adriano Calvini, ligure, cavaliere del Lavoro, ex presidente dell’azienda di famiglia Madi Ventura, primo gruppo italiano nell’import-export di frutta secca. A 84 anni, è un volto noto sui campi di regata perché non se ne perde una.

barche dell'anno adriano calvini

Adriano Calvini, nato nel 1937 a Sanremo, armatore dell’Ice 61 Itacentodue. Non si perde una regata! Foto di Martina Orsini

A bordo, ci hanno raccontato, lo adorano tutti. La sua passione per la vela risale alla sua gioventù, quando la famiglia dell’allora sua fidanzata Angiolina (poi diventata sua moglie), gli armatori genovesi Costa, gli regalò un Flying Dutchmann arrivato dall’America. La barca aveva come numero velico, sorpresa, ITA102. A bordo, Adriano Calvini fa un po’ di tutto. Aiuta nelle manovre, soprattutto con il gennaker. Non ha problemi a fare i turni di notte e spesso si ritrova a dormire sdraiato per terra con l’equipaggio, o a passare la notte in bianco. Prima di Itacentodue, Calvini aveva un Southern Wind 72, Marietta.


Marga

m. 15,56, 1910, 10 metri stazza internazionale (C.O. Liljegren)
Armatori: Alessandra Angelini e Tomas De Vargas Machuca
Eventi: Voiles de Saint Tropez (Costa Azzurra)

L’abbiamo vista filare a 13 nodi con 25 nodi di vento quest’anno a Le Voiles de Saint Tropez 2021 a settembre e ce ne siamo innamorati. Quando poi abbiamo scoperto la sua storia è stato naturale inserirla nella Top Five delle barche “uniche” del 2021. 1910. Marga nasce in Svezia su ordine della regina Vittoria di Baden per partecipare alle Olimpiadi del 1912 a Stoccolma.  Si classifica quarta ma stupisce tutti per le linee rivoluzionarie, con una poppa larghissima per quei tempi, ideate da C.O. Liljegren, un progettista scandinavo con oltre duecento scafi all’attivo.

marga barche dell'anno

Il 10 metri Stazza Internazionale Marga del 1910 durante Le Voiles de Saint Tropez 2021. Costruito nel cantiere Hästholm di Stoccolma, partecipò alle Olimpiadi del 1912, armatrice la regina svedese Vittoria di Baden. Scoperto da Alessandra Angelini abbandonato in un cantiere a Fiumicino è stato restaurato e ora è tornato a nuova vita. Colpisce la modernità delle linee disegnate 111 anni fa.

2014. Alessandra Angelini, 38 anni, ingegnere aerospaziale con una passione esplosiva per la vela che pratica con il Nacra 17, una delle derive più acrobatiche e difficili, incontra Marga abbandonato a secco nel cantiere Tecnomar di Fiumicino.

Alessandra Angelini, 38 anni

Non sa che barca è, ma se ne innamora. Dopo una lunga investigazione, scopre che è Marga, e fa parte della classe 10 Metri Stazza Internazionale che ha partecipato alle Olimpiadi del 1912 e 1920, ne sono state costruite solo 20. Con il fratello Igino e l’amico di Tomas De Vargas Machuca, collezionista di auto d’apoca, decidono di restaurarla riportandola allo stato originale sino all’ultimo rivetto dello scafo in mogano. Unica concessione, viene installato un motore entrobordo.

Tomas De Vargas Machuca, 47 anni

Una rivista svedese del tempo la descrive come uno scafo robusto con forme aggressive, perfino un po’ brutali, ma con la velatura più bella che mai abbia avuto un’imbarcazione svedese. Proprio vero. Per noi è regina delle barche d’epoca 2021.

Eugenio Ruocco e Luca Oriani

 


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi