Rolex Sydney Hobart: è battaglia tra i 100 piedi, ma occhio alle piccole

Rolex Sydney Hobart, più che il nome di una regata è quello di un mito. Sono forse le 600 miglia più famose al mondo quelle da percorrere per portare a termine una delle più importanti regate offshore che si corrano a livello internazionale. Dopo lo stop a causa della pandemia del 2020, la Sydney Hobert è ritornata in questo 2021 e nella notte italiana le 94 barche iscritte hanno preso il via dalla baia di Sydney. Il percorso è il solito, che porterà le barche all’arrivo dopo il passaggio nel temuto Stretto di Bass e nel Mar di Tasmania.

Tutto tranquillo al momento dal punto di vista meteo, con brezza di media intensità da sud che sta impegnando in queste prime ore gli equipaggi in una bolina abbastanza tecnica. In queste condizioni i big in regata faranno più fatica a distanziare le piccole e per il tempo compensato potrebbero arrivare delle sorprese.

La sfida per la vittoria in tempo reale sarà probabilmente una questione a tre a tra i tre 100 piedi in regata. Si tratta del R/P 100 Black Jack (ex Esimit), di Peter Harburg. Dovrà vedersela con il Juan Kouyoumdjian 100 Law Connect (prima era InfoTrack) di Christian Beck e con il Dovell 100 SHK Scallywag di Huang Lee.

La vittoria generale della regata, come avviene anche per prova come la Middle Sea Race o la Giraglia, sarà assegnata al vincitore della classifica IRC overall.

TRACKING 


ABBONATI E SOSTIENICI, TI FACCIAMO DUE REGALI!

I giornalisti del Giornale della Vela, si impegnano ogni giorno a garantire informazione di qualità, aggiornata e corretta sul mondo della nautica in modo gratuito attraverso i siti web. Se apprezzi il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla rivista. L’abbonamento annuale costa solo 49 euro e ti facciamo due regali!

SCOPRI IL CANALE YOUTUBE DEL GIORNALE DELLA VELA

Ogni giorno interviste, prove di barche, webinar. Tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video! CLICCA QUI per iscriverti, è gratis!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Per rimanere aggiornato su tutte le news dal mondo della vela, selezionate dalla nostra redazione, iscriviti alla newsletter del Giornale della Vela! E’ semplicissimo, basta inserire la tua mail qui sotto, accettare la Privacy Policy e cliccare sul bottone “Iscrivimi”. Riceverai così sulla tua mail, due volte alla settimana, le migliori notizie di vela! E’ un servizio gratuito e ti puoi disiscrivere in qualsiasi momento, senza impegno!


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su